Torna a Eventi FPA

Main partner

Tutti i partner...

Programma Congressuale

mercoledì, 16 maggio mattina

09:30
12:30

Convegno inaugurale “Agenda digitale, sviluppo, semplificazione: la via italiana alla crescita”[E.01]

 Il convegno di apertura di FORUM PA 2012 ha come suo baricentro la declinazione italiana dell’Agenda Digitale, così come è stata presentata nei documenti ufficiali (da ultimo nel Decreto Semplifica Italia) e nelle dichiarazioni dei Ministri competenti. L’annunciata  presenza al convegno dello stesso Presidente Monti  e di tre Ministri del suo Governo ci dà la misura della rilevanza del tema. Non si tratta infatti di un’azione da poco, essa sarà il fil rouge che dovrà legare tutte le politiche di questo Governo, ma sperabilmente anche del prossimo,  per l’innovazione, la  digitalizzazione, lo sviluppo di quell’economia della rete e della conoscenza che è l’unica in grado di essere un significativo fattore di crescita reale e di nuova occupazione, soprattutto per i giovani.

10:00
13:00

Lo stato dell'arte della Operazione Trasparenza[C.32]

La trasparenza delle pubbliche amministrazioni, rappresenta oggi uno degli elementi  chiave per favorire la partecipazione dei cittadini, l’accountability e la responsabilizzazione del management pubblico. In questo contesto, i siti web delle PA, costituiscono lo strumento fondamentale attraverso cui veicolare i dati e le informazioni che, per legge, devono essere pubblicati e che riguardano l’organizzazione, i servizi digitali e le politiche  delle stesse PA. In questo mare di contenuti e di informazioni obbligatorie, oltre a  emanare direttive, linee guida e  delibere,  occorre accompagnare e orientare le pubbliche amministrazioni con strumenti semplici ed immediati, in modo da garantire la corretta applicazione delle norme e l’ effettiva trasparenza on-line.

Oltre a ciò è necessario innescare meccanismi che accrescano la partecipazione del cittadino, attore principale nel processo di miglioramento delle PA. Il convegno traccia, attraverso la necessaria convergenza e l’adeguato bilanciamento tra l’esigenza di trasparenza e i fondamentali vincoli della privacy, il percorso verso una amministrazione sempre piu’ aperta ai cittadini.

Nel corso del convegno verrà presentata la “Bussola della Trasparenza”, uno strumento operativo on-line realizzato dal Dipartimento della Funzione Pubblica che consente di   monitorare la trasparenza e la rispondenza  ai contenuti minimi delle linee guida sui siti web delle PA. Tale strumento è indirizzato sia alle pubbliche amministrazioni, che possono verificare la conformità del proprio sito alle linee guida o confrontarsi le altre PA, sia ai cittadini, agli studiosi e ai giornalisti che possono effettuare verifiche, elaborare analisi statistiche e consultare i siti delle PA, contribuendo attivamente al continuo accrescimento della trasparenza.

10:00
16:30

Giovani e occupazione. Quali opportunità nel FSE. Risorse e proposte[C.11]

Il Convegno rientra nelle attività del progetto SPESLab – Servizi per le Parti Economiche e Sociali di tipo Laboratoriale, realizzato nell’ambito del PON GAS FSE 2007-2013 a titolarità del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, quale azione di sistema per il rafforzamento del ruolo delle Parti economiche e sociali nazionali, componenti dei Comitati dei sorveglianza dei PON e dei POR FSE.

La giornata di lavori è articolata in due momenti: la prima parte della giornata, rivolta a tutti coloro che operano nel campo delle politiche del lavoro e della formazione, è un momento di approfondimento su come e cosa sta cambiando nella programmazione del FSE per capire quali risorse ci sono a sostegno degli interventi per l’occupazione e l’occupabilità dei giovani e ragionare sulle linee progettuali che si stanno delineando a livello comunitario, nazionale e ragionale.

Nella seconda parte della giornata, più specificamente rivolta ai rappresentanti delle Parti Economiche e Sociali, verrà presentato in dettaglio il progetto SPESLab e le opportunità per il rafforzamento della governance del FSE. Il pomeriggio sarà anche sarà occasione per delineare i temi del dialogo sociale e del ruolo che qui assume il partenariato economico e sociale.

10:00
13:00

Performance management in tempo di crisi[C.30]

La valutazione delle performance della pubblica amministrazione in Italia sta cercando di avere un nuovo ruolo, distante dalla nostra mentalità nasometrica e weberiana. In tempi di forti ristrettezze economiche che reclamano una maggiore attenzione alle scelte pubbliche, la necessità da parte dei decisori di avere a disposizione dati ed informazioni valutative sempre più accurate e solide si rende ancora più necessaria e stringente sia nei confronti della Pubblica Amministrazione (in una logica di efficienza ed equità) sia nei confronti della cittadinanza (in una logica di trasparenza e consapevolezza democratica).
E’ necessario pertanto gestire la PA attraverso un “processo” di performance management: un sistema di misurazione di performance con regole e incentivi coerenti tra loro e sinergici (management), che possono essere allineati con le più ampie strategie e politiche della p.a. Performance management che significa incorporare e utilizzare l’informazione sulle performance nei processi decisionali, di comunicazione con gli stakeholder, di controllo.
La valutazione in Italia e la sua comunità di valutatori sono pronti oggi a supportare tale esigenza impellente della PA?
Esigenza che è già tendenza diffusa a livello europeo, dove si va nella direzione di condizionare sempre più la programmazione e implementazione degli interventi alla disponibilità di dati ed informazioni valutative derivanti dalla applicazione di modelli e metodi solidi e difendibili. Eppure a fronte di tante invocazioni (riforma Brunetta in primis e successive correzioni) e, di frequenti esortazioni, non corrisponde una altrettanto diffusa - ma soprattutto consapevole - domanda di valutazioni che vadano in tale direzione. Proprio a partire da queste considerazioni, il Convegno di Forum Pa, in collaborazione con l'Associazione Italiana di Valutazione, intende essere un momento di riflessione dedicato alle modalità concrete con cui la valutazione e i suoi esperti possono rendere disponibili evidenze empiriche a supporto dei processi decisionali, nella consapevolezza che per permettere di elevare la p.a. italiana occorre liberarla da pesi che, più che normativi, sono organizzativi e comportamentali.
E, quindi, è importante la domanda: cosa hanno da offrire la valutazione delle performance e la comunita' dei valutatori alle pubbliche amministrazioni in circostanze economiche, politiche e sociali così critiche per l'Italia?

10:00
12:00

Digitcafè. Disaster recovery[lab.189a.1]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
13:00

Progetto Operativo di Assistenza Tecnica del Ministero della Salute - POAT Salute[lab.107]

Nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (PON GAT) il Ministero della Salute ha presentato il “Piano di Riorganizzazione e rafforzamento delle capacità” per l’erogazione di servizi di assistenza tecnica alle Regioni dell’Obiettivo Convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia) ed ha stipulato una Convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,  ai fini della realizzazione del progetto. Il POAT, di durata triennale e per un importo di € 11.000.000, è articolato in due parti tra loro funzionali:

  • il Progetto Operativo di Assistenza Tecnica  sulle singole policy, finalizzato a soddisfare il bisogno di supporto e di cooperazione istituzionale espresso dalle Regionali dell'Obiettivo Convergenza;
  • il Piano di Riorganizzazione Interna (PRI), promosso con risorse interne all'Amm.ne, strumentale alla migliore gestione ed implementazione del POAT stesso, attraverso l’apposita Unità operativa con compiti di indirizzo e di coordinamento.

Il progetto mira al soddisfacimento dei fabbisogni regionali riferiti principalmente a 4 macro aree: strumenti di programmazione e di indirizzo per l’attuazione degli interventi; metodologie e tecniche di monitoraggio/ valutazione; informazione su contenuti e aspetti per la gestione degli interventi di settore; conoscenza di strumenti per sviluppare reti di collaborazione con esperienze significative a livello nazionale ed europeo. Il Ministero della Salute intende offrire a queste Regioni il proprio supporto attraverso linee di intervento  trasversali che rispondono a fabbisogni comuni e linee d’intervento regionali che rispondono a specifici bisogni territoriali. Il POAT Salute è operativamente avviato con l’individuazione di 3 soggetti attuatori di assistenza tecnica: Formez PA e AGE.NA.S., in convenzione, ed è stato stipulato un contratto, a seguito di procedura di evidenza pubblica, con R.T.I. A.T.E.SI. .

 

10:00
11:00

Come la virtualizzazione e il Cloud Client Computing abilitano un accesso alla rete sicuro e conveniente per il settore pubblico[lab.86a]

L’odierno interesse per il Client Cloud e per l’Infrastruttura Desktop Virtuale (VDI) è centrato sulla migrazione delle attività di calcolo e di storage dal client verso i server. I fattori alla base di questo interesse nel settore pubblico sono la necessità di ottenere una maggiore sicurezza e il blocco delle workstation, un ridotto impatto ambientale e un minore costo totale di proprietà (TCO).

10:00
10:45

Introduzione all'Open Data[lab.152a.1]

Il seminario introduce il tema dei dati aperti e contestualizza il fenomeno in Italia. Partendo da una definizione di dato pubblico aperto, vengono affrontate questioni riguardanti gli aspetti tecnici e normativi dei dati governativi, per poi arrivare ai principali esempi italiani ed esteri di pubbliche amministrazioni che hanno intrapreso un percorso di apertura della proprie informazioni ed esposizioni dei proprio dati in formato aperto. Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

10:00
12:00

Digitcafè. Identità digitali[lab.191]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
12:00

Digitcafè. Il sistema pubblico di connettività e cooperazione[lab.192a.1]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
12:00

Digitcafè. Il riuso del software nella PA: catalogo e procedure[lab.190]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
11:00

Nuovi stili di lavoro nella PA: il percorso verso Windows 8 (efficienza e sicurezza grazie alle soluzioni di Mobility)[w.13a]

I nuovi scenari di innovazione che si prospettano per le pubbliche amministrazioni richiedono sempre più nuovi stili di lavoro, dove ad esempio l'ufficio non è necessariamente identificabile con un luogo o una postazione di lavoro specifica. Nuove tecnologie, nuovi dispositivi hardware e le potenzialità offerte dal Cloud computing permettono di:

-         Accedere sempre e ovunque a dati e informazioni

-         Integrare qualunque dispositivo (Desktop, Smartphone, Slate, Tablet) sfruttando al meglio gli strumenti di collaborazione e comunicazioni unificate disponibili

-         Gestire un'infrastruttura intelligente che garantisca allo staff IT una maggiore sicurezza e compliance con l'utilizzo anche di soluzioni Cloud.

Inoltre al termine dell’incontro scopri in anteprima una dimostrazione Live del nuovo sistema operativo Windows 8.

10:00
10:50

Decreto Semplifica Italia e Agenda Digitale: quale il contributo di Poste Italiane per una PA più semplice?[w.08a]

L’allargamento della produzione verso molteplici settori del mondo economico ha consentito a Poste di diventare, in breve tempo, anche un indispensabile partner all’attività della PA centrale e locale attraverso progetti dedicati e lo sviluppo di servizi di eGovernment.

L’obiettivo perseguito è la costituzione di un vero e proprio network tra Stato, cittadini e business community, attraverso il crescente sfruttamento della multicanalità di accesso ai servizi e di contatto con la clientela (uffici postali, portalettere, call center, internet, uffici postali mobili, ecc).

L’evoluzione del posizionamento di Poste Italiane segue costantemente l’evoluzione normativa, tesa a definire le regole di base necessarie per conseguire l’obiettivo di una PA sempre più moderna ed efficiente. Il recente Decreto Semplifica Italia rappresenta il più recente contributo in questa direzione.

Nel corso di questo Master verranno analizzati, in particolare, alcuni aspetti connessi all’Agenda Digitale, con particolare riferimento all’area “Potenziamento delle applicazioni di amministrazione digitale (eGovernment) per il miglioramento dei servizi ai cittadini e alle imprese”.

Le iniziative di Poste Italiane per la Pubblica Amministrazione si inquadrano infatti in un modello in base al quale l’Azienda gioca un duplice ruolo di “interfaccia tra il cittadino/impresa e la PA” e di “outsourcer di processi sul territorio” che consente alle Pubbliche Amministrazioni di avvalersi, nell’esercizio di alcune funzioni amministrative, di strutture e personale esterno alla propria organizzazione con aumento dell’accessibilità e semplificazione degli adempimenti.

Nel corso del Master verranno presentati alcuni focus in ambito sanitario, con particolare riferimento ai servizi di Prenotazione prime visite e Pagamento dei ticket.

10:00
10:50

Can You Afford to Lose Data in a Disaster? Offering Zero Data Loss at ANY Distance[w.48]

The costs traditionally required to achieve Zero Data Loss (the coveted RPO=Zero) cause many enterprises to accept some measure of data loss when replicating between two sites. Today, they no longer need to settle.
What if we told you that Zero Data Loss is indeed possible, over IP lines and without distance limitation or impact on production applications, and at an affordable price? Would you believe us?
Start believing! At Axxana, we don’t settle for ANY data loss. Working with EMC RecoverPoint, we offer an affordable solution that will allow your organization to achieve 100 % data protection and recovery.

 

10:30
11:20

Unioni di Comuni: Il riordino degli Enti Locali come volano di ripresa nazionale[w.14a.1]

Il complesso percorso aggregativo dei piccoli Comuni calabresi.

E’ ormai in fase avanzata il progetto di Animazione Istituzionale “Unioni di Comuni” della Regione Calabria, di cui la Fondazione Field è soggetto attuatore.

Alla luce del nuovo contesto normativo, è apparso utile prevedere un percorso di supporto agli enti che si muova lungo più direttrici operative e consolidi, da un lato, l’azione di affiancamento precedentemente svolta dalla Field nei confronti degli Enti Locali calabresi, favorendo dall’altro sinergie con soggetti quali le Università, la Scuola Superiore di Scienze delle Amministrazioni Pubbliche dell’UNICAL, l’ANCI, la Lega Autonomie e le altre istituzioni interessate a migliorare la gestione della cosa pubblica – a cominciare,

proprio, dall’attività dei Comuni – così contribuendo al processo, in atto, di riforma delle istituzioni nazionali e locali.

Lo strumento del quale si è ritenuto di doversi avvalere è quello di un Laboratorio Dinamico di Animazione Istituzionale per lo sviluppo di competenze e scambio di esperienze propedeutiche alla Costituzione di Unioni di Comuni.

Per il conseguimento di questi obiettivi, considerate le oggettive complessità di costituzione di detti organismi sovracomunali, i piccoli comuni calabresi hanno quindi trovato un valido interlocutore nella Regione Calabria, per il tramite della Fondazione Field e della presenza in loco degli animatori territoriali che intervengono in veste di facilitatori dei processi di sviluppo locale e di ammodernamento della P.A., accompagnando e favorendo l’avvio e l’attuazione di politiche, progetti ed iniziative di aggregazione.

D’intesa con le Amministrazioni che hanno voluto aderire al progetto e sulla base di oggettivi criteri di efficienza, le attività si stanno svolgendo presso la sede di uno dei Municipi partecipanti alla futura associazione. Il tutto è fornito a titolo gratuito, senza alcun onere per i Comuni. Nel contempo, sempre

attraverso l’utilizzazione dei fondi europei, la Regione Calabria ha integrato il Progetto “Unioni di Comuni” con il programma di implementazione dell’Agenda Digitale Locale per le piccole comunità grazie alla collaborazione fra la stessa Field Calabria ed il CEMSDI (Civil- servants Empowerment for Multi-media Service Delivery ICT-enabled). L’adesione ufficiale della Field al CEMSDI, progetto europeo che mira a formare amministratori e tecnici di comunità locali per la gestione e l’utilizzo delle ICT ((Information and Communication Technologies) nel governo del territorio e dei servizi pubblici (eGovernment), è stata ufficializzata nel corso di una importante conferenza tenutasi a Roma presso la Sala Nassirya di Palazzo Madama: una strategia di sviluppo che passa attraverso la predisposizione di un ambiente formativo

rivolto in particolar modo ai piccoli comuni, al fine di colmarne il divario digitale, in modo da poter rendere più efficienti i servizi della Pubblica Amministrazione.

Allo stato dell’arte, dalla fine di Luglio 2011 ad oggi, nell’ambito del Progetto “Unioni di Comuni” sono pervenute alla Fondazione Field n. 294 richieste di assistenza tecnica da parte dei Comuni e sono già state effettuate n. 148 analisi del fabbisogno, che rappresenta la fase di ricerca che precede la progettazione del percorso di aggregazione delle funzioni. Il percorso in esame è un work in progress in cui si sta delineando un’ipotesi di costruzione di circa 20 aggregazioni intercomunali, 6 rivitalizzazioni di unioni già esistenti ed 1 nuova Unione.

Ciò che è certo è che, alla vigilia di queste importanti trasformazioni istituzionali, il Progetto “Unioni di Comuni” è stato legittimato quale best practice di governo locale esportabile e replicabile in contesti extraregionali,

per l’unicità e l’innovatività delle azioni implementate a sostegno dei processi in atto nel Paese, proiettando la Regione Calabria in ambito nazionale quale esempio virtuoso di amministrazione moderna e riformatrice.

11:00
13:00

Unione di Comuni: strategie e servizi per lo sviluppo territoriale[C.42]

La crisi profonda che sta vivendo il Sistema Europa (e il nostro Paese) è uno degli effetti più evidenti della trasformazione epocale in atto a livello mondiale. Nulla sarà più come prima, in quanto siamo di fronte ad una mutazione strutturale della società e dei modelli e paradigmi che a livello planetario ne determinano processi evolutivi, sviluppo e criticità.
L’UE con Europa 2020 e con la strategia Place Based ha tracciato la strada che i Paesi membri devono seguire per vivere da protagonisti il cambiamento e rilanciare il processo di Crescita e Sviluppo dal basso, dai Sistemi Territoriali.
Diventa pertanto determinante la capacità dei territori di fare sistema e di progettare, in maniera coesa e condivisa, responsabilmente e consapevolmente, il proprio futuro, attraverso l’attuazione del modello Place Based e il recepimento degli indirizzi di Europa 2020.
La sfida può essere raccolta e vinta dalle nuove Unioni di Comuni se sapranno conciliare la inevitabile politica di rigore e di revisione della spesa con l’emergente e inedito ruolo di promotore della crescita e dello sviluppo equo e sostenibile del proprio Sistema Territoriale

11:00
11:50

I servizi dell’Unità di crisi ai connazionali che viaggiano all’estero. Il caso dei campionati di calcio in Polonia ed Ucraina[lab.109]

La tutela dei connazionali e degli interessi italiani in situazioni di emergenza oltre confine è uno dei compiti fondamentali del Ministero degli Affari Esteri. Per pianificare per tempo le possibili risposte alle più diverse minacce e per garantire ai connazionali la necessaria assistenza in situazioni di effettiva emergenza, sin dal 1985 è stata istituita l’Unità di Crisi.
Nell’ambito delle sue attività a tutela della sicurezza dei connazionali all’estero, l’Unità di Crisi ha sviluppato una strategia specifica di prevenzione mirata ai prossimi Campionati Europei di calcio che si terranno in Polonia ed Ucraina dall’8 giugno al 1 luglio 2012 e che vedranno la partecipazione a vario titolo di decine di migliaia di connazionali.
Verranno presentate tutte le attività realizzate dall’Unità di Crisi e dirette tanto alla prevenzione che alla gestione di eventuali emergenze che dovessero aver luogo in occasione dei Campionati.  Tra di esse merita una specifica menzione la realizzazione, in collaborazione con la RAI di uno spot che sui servizi di tutela e prevenzione messi a diposizione dal MAE- tramite l’UdC – che verrà  messo in onda sulle tre reti RAI per tutto il mese di giugno.
Verranno altresì approfonditi tutti gli strumenti di assistenza ai connazionali realizzati attraverso i siti www.viaggiaresicuri.it e www.dovesiamonelmondo.it e gli approfondimenti specifici dedicati agli Europei.
 

11:00
12:30

L’Open Data per l’INAIL – Un’opportunità per coniugare economicità, trasparenza e partecipazione[lab.68]

Esporre informazioni secondo lo standard Open Data modifica l’attuale paradigma di riferimento dei sistemi informativi secondo il quale il proprietario dei dati sviluppa e manutiene, con costi sempre maggiori, le interfacce applicative e i sistemi di gestione per l’accesso ai dati.

L’esposizione di dati aperti consente di non mediare l’accesso al dato, lasciando spazio allo sviluppo ed agli investimenti esterni alla PA.

Chiunque può costruire servizi basati anche sulle più diverse aggregazioni di fonti eterogenee favorendo le interpretazioni più libere delle informazioni e dei fenomeni. Ciò significa creare valore per la cittadinanza ma anche indirettamente per la PA e i suoi costi gestionali.

Tuttavia quali sono le problematiche per gestire al meglio questa mutazione? Nel corso del workshop si cercherà di affrontare questa ed altre criticità come ad esempio:

  • come intercettare i dati risolvendo i problemi legati al necessario processo di back-end per l’estrazione dalle basi dati legacy, la loro trasformazione nei formati standard e la loro pubblicazione;
  • come affrontare una strategia redazionale e di marketing per la “liberazione” dei dati che comporterà anche un processo di pianificazione, individuazione, validazione e certificazione dei dati stessi;
  • quale ROI e quale modello di business può svilupparsi dal semplice download dei data set “open”?

Durante il workshop verrà presentato il canale OpenData del Portale INAIL, la modalità di fruizione e alcuni esempi dei primi data set “Open” disponibili (alcuni in stato prototipale).

11:00
11:45

Open Data e Sanità: esperienza del Piemonte[lab.186]

Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

11:00
12:00

G-Cloud: l’evoluzione del Data Center verso il Private Cloud[lab.35a]

Dopo anni di innovazioni nel settore dell’Information Technology, è in atto una profonda trasformazione. L’affermarsi di nuove tendenze in campo tecnologico, la maggior potenza di elaborazione, le soluzioni per la virtualizzazione e le connessioni Internet a banda larga hanno contribuito all’avvio di questo cambiamento.

L’epoca del Cloud Computing rappresenta un’enorme opportunità: l’offerta dell’IT come servizio consente alle aziende di dedicarsi principalmente alle soluzioni business-critical e di ottimizzare il rapporto tra costi di erogazione e produttività complessiva. Il Cloud Computing offre vantaggi sostanziali che consentono alle aziende di ottimizzare i data center e fornire servizi a utenti finali, partner e clienti nel modo più efficiente, affidabile e flessibile. Nel corso di questo intervento saranno illustrate le soluzioni Microsoft con le quali è possibile Implementare un Private Cloud o “Government Cloud” secondo le proprie esigenze, sfruttando una piattaforma server familiare, una gestione delle identità e una piattaforma di sviluppo comuni.

11:00
12:00

La musica arbëreshe candidata al patrimonio dell’Umanità[lab.97]

Nella Regione Molise è presente la minoranza linguistica arbereshe (Comune di: Campomarino, Montecilfone, Portocannone e Ururi).

“Dal 30 marzo 2012 la musica arbëreshe è stata candidata all’UNESCO per essere inserita nell’elenco dei beni immateriali dell’umanità. Il progetto di cui è titolare la Rivista Kamastra è stato realizzato in collaborazione con enti ed istituzioni delle regioni meridionali italiane e di quelle albanesi. L’iniziativa, così come formulata, vuole che tale patrimonio risulti condiviso e protetto dalle Istituzioni internazionali affinchè non venga disperso. In primis la Regione Molisecon propria delibera ha assunto l’impegno di favorire la realizzazione dell’iniziativa in tutte le sue fasi. Nell’ambito del FORUM PA verrà illustrata una sintesi del formulario inviato all’UNESCO e ricevuto dallo stesso organismo, al fine di accogliere ulteriori adesioni da parte di artisti, enti, associazioni, comuni e comunità dell’Italia Meridionale dove tale cultura è viva e attiva.

11:00
12:00

PA e prodotti per la detergenza e la disinfezione: la sostenibilità tra i vincoli della normativa vigente e la spinta dell'innovazione[w.02a.1]

Un efficace sistema di pulizia e di igiene che tenga conto degli aspetti legati alla sostenibilità è un fattore determinante nel contenimento della spesa pubblica, ma la Pubblica Amministrazione ne è consapevole?

Spesso non sono conosciuti i vantaggi derivanti dall’applicare criteri di sostenibilità nella selezione dei fornitori e negli acquisti diretti, compresi quelli riguardanti le operazioni di pulizia e disinfezione degli ambienti. Oltre ad essere considerati prevalentemente un impegno oneroso, manca la percezione di quelli che sono i benefici non solo in tema di sicurezza e protezione ambientale, ma anche e soprattutto in termini economici.

Si parlerà di evoluzione dello scenario normativo nella detergenza e nei biocidi (REACH, classificazione ed etichettatura, Regolamento Biocidi) e dei pilastri della sostenibilità di Assocasa e la loro applicazione in alcuni progetti volontari come il “Charter per la pulizia sostenibile”

11:00
11:40

Mobilità e GCloud al servizio della Pubblica Amministrazione. Modelli ed esperienze[w.01a]

Mobilità e flessibilità stanno indirizzando l’evoluzione dei sistemi informativi della Pubblica Amministrazione con grandi vantaggi economici e di gestione.
Ma l’ ”ICT come servizio” non è il solo vantaggio del GCloud. Grazie alla virtualizzazione esso diviene realtà e fattore abilitante di un nuovo modello di erogazione del valore pubblico per enti e organizzazioni.
Ogni giorno un testimonial d’eccezione illustrerà casi concreti d’implementazione di soluzioni di Cloud Computing e Mobilità.
L’appuntamento è presso lo stand Citrix il:
- 16 Maggio - ore 11.00 con con Alessandro Musumeci, Direttore Centrale Sistemi Informativi di Ferrovie dello Stato;
- 17 Maggio alle ore 10.00 con Marco Fagiolo, Responsabile Delivery Servizi ICT di  Finmeccanica;
- 18 Maggio alle ore 12.00 con Salvatore Talerico, Direzione Centrale Sistemi Informativi di INPDAP.

 

11:00
11:50

L’importanza del Cloud nella PA[w.47]

Quali scenari apre l’avvento del Cloud? Perché è così rilevante per il mercato in generale e la Pubblica Amministrazione in particolare? Mentre è richiesto un aumento sempre maggiore della quantità e qualità dei servizi, la dinamica dei costi deve necessariamente andare in controtendenza. Le ultime analisi di mercato disegnano uno scenario dove l’adozione dei modelli di Cloud Computing sarà sempre più massiccio ed i benefici in termini di costi di gestione ed efficienza dei processi sempre maggiori.

11:00
12:00

Le soluzioni Oracle per il Disaster Recovery e la Business Continuity nelle PA alla luce del nuovo CAD[w.21a]

In un’era in cui l’utilizzo delle tecnologie ICT, per la gestione dei dati e dei processi interni alle varie amministrazioni, diventa sempre più importante e critica, la disponibilità dei Sistemi hardware e software richiede soluzioni a tutti i livelli, in grado di garantire la continuità di servizio. L'articolo 50-bis del nuovo Codice dell'Amministrazione Digitale rende proprio obbligatoria la definizione di un piano di continuità operativa e di un piano di disaster recovery nei sistemi ICT della Pubblica Amministrazione. Per rispondere al meglio a quanto previsto dal nuovo CAD occorre sia predisporre procedure accurate e testate sia avere a disposizioni tecnologie che ai vari livelli ICT consentano di implementare tutte le best practice per la Business Continuity e il Disaster Recovery. Le tecnologie che Oracle mette a disposizione della Pubblica Amministrazione consentono di implementare a tutti i livelli tali best practice e consentono di salvaguardare e proteggere nel tempo uno dei beni primari di una nazione: le informazioni.

11:00
11:50

InfoPAL: la rilevazione e la gestione dei dati territoriali a supporto delle PAL.[w.04a]

I dati territoriali costituiscono lo strumento fondamentale a disposizione delle PAL per conoscere e per comprendere la realtà del proprio contesto e per tutte le politiche connesse alla gestione del territorio.

In particolare, il possesso di informazioni territoriali puntuali, aggiornate e georeferenziate rappresenta una risorsa chiave a supporto di molti processi decisionali, nel campo della pianificazione del territorio, della riscossione dei tributi locali, dell’erogazione dei servizi alla collettività, nonché della corretta applicazione delle normative di riferimento in tema di sicurezza ed igiene ambientale.

L’attività di rilevazione delle informazioni territoriali di interesse, quali sequenze di numeri civici, destinazioni d’uso degli immobili, accessi carrabili e occupazioni di suolo pubblico, affissioni pubblicitarie comunali, stato del decoro urbano e della viabilità, integrata con altri servizi (piattaforme di gestione dati, servizi di riscossione tributi, gestione istanze, …ecc.), configura un nuovo modello di presidio del territorio in cui Poste Italiane, grazie alla presenza capillare sul territorio e ai suoi asset evoluti di rilevazione e trasmissione delle informazioni, si pone come partner strategico a supporto dell’innovazione delle PAL.

11:00
12:00

Sviluppo di applicazioni per la PA digitale[w.30a]

La Pubblica Amministrazione ha bisogno di strumenti che riescano a integrare numerose funzioni, utilizzabili tramite interfacce semplici e pensate a misura d’utente. Nella PA spesso l’unica soluzione per avere servizi di questo tipo è lo sviluppo di software personalizzati, progettati da zero. Il problema è che spesso i costi per ideare, realizzare e testare programmi di questo tipo sono altissimi e i tempi molto lunghi. I processi di innovazione subiscono un rallentamento per colpa di questi aspetti critici, e diventa conveniente conservare soluzioni obsolete piuttosto che avviare cambiamenti con problematiche non prevedibili.

Il Cloud Computing, grazie alle piattaforme di sviluppo, semplifica i processi di creazione e test delle applicazioni, personalizzate secondo le necessità e modificabili rapidamente in un tempi successivi

Scube NewMedia in questo master presenta le modalità di sviluppo di applicazioni mobile con piattaforme Cloud, come soluzione per aumentare l’accessibilità dei dati, migliorare l’efficienza e abbattere i costi.

Oltre alle Apps concepite per un uso mobile hanno un ruolo fondamentale per l’innovazione anche le applicazioni sviluppate per gli altri dispositivi. Realizzate utilizzando “motori” di sviluppo “in the cloud”, che facilitano e velocizzano le varie fasi, dal progetto al rilascio, e aumentano incredibilmente le potenzialità delle applicazioni create.

11:30
13:00

Presentazione del nuovo “Centro Servizi per l’attività di tutela dei consumatori della Provincia di Roma”[lab.124]

Nasce un nuovo “Centro Servizi per l’attività di tutela dei consumatori della Provincia di Roma” che ha l’obiettivo di integrare e riformare la preesistente rete di Sportelli del consumatore, per potenziarne le funzioni di ascolto, di assistenza e di informazione ai cittadini.

Incrementare il livello di conoscenza sul funzionamento delle strutture pubbliche e private che erogano i principali servizi, raccogliere segnalazioni di disservizi ma anche proposte e suggerimenti per la loro risoluzione, promuovere l’educazione dei consumatori e favorire una sempre maggiore consapevolezza dei propri diritti sono le principali attività svolte dal sistema integrato dei sei sportelli informativi, distribuiti sull’intero territorio provinciale, e del Polo di Coordinamento centrale che, con il supporto delle competenze specifiche delle Associazioni dei Consumatori, garantisce la perfetta operabilità di un progetto articolato e polifunzionale ideato non solo per andare incontro al cittadino ma ancor più per stimolarne un ruolo attivo e reciproco.

12:00
12:45

I Linked Open Data in IBC Archivi: i soggetti produttori degli Archivi storici emiliano-romagnoli nel Web of Data[lab.153]

"L’ Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con Regesta.exe ha portato a termine una prima sperimentazione di applicazione delle tecnologie e dei principi dei Linked Open Data in ambito archivistico. In particolare è stato identificato  un dataset relativo ai soggetti produttori di documentazione di archivio relativa all’Emilia-Romagna e presente nella banca dati IBC-xDams in formato conforme allo standard internazionale EAC-CPF. A partire dallo standard di descrizione archivistica EAC-CPF per i soggetti produttori è stata creata una ontologia OWL in grado di “presentare” i dati prescelti in formato aperto e “linkato”; inoltre, per favorire l’interoperabilità semantica, sono state utilizzate altre ontologie diffuse a livello internazionale (come foaf e dublin core) per la descrizione dei metadati più comuni.
La disponibilità di queste risorse in formato Linked Open Data ha consentito la loro integrazione con altri dataset RDF esistenti come DBPedia, Viaf, GeoNames e l’avvio di una collaborazione con progetti internazionali in ambito archivistico, come SNAC (Social Networks and Archival Context Project) che coinvolge l’Institute for Advanced Technology in the Humanities dell’Università della Virginia, l’Università della California (Berkeley) e la California Digital Library e che ha deciso di riutilizzare l’ontologia EAC-CPF per aprire i dati archivistici del progetto al Web of Data.
Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data".

12:00
13:00

«ConDivide et Impera» - La condivisione di documenti bibliografici in formato elettronico come strumento di promozione della biblioteca.[lab.95]

La digitalizzazione di  documenti appartenenti a fondi antichi e rari delle biblioteche, oltre a svolgere un’apprezzabile funzione di salvaguardia del patrimonio bibliografico - spesso danneggiato non solo dall’incuria e insalubrità degli ambienti di conservazione, specie nelle piccole biblioteche civiche, ma anche dalla superficialità con la quale l’utenza si relaziona al documento – offre una non trascurabile occasione di promozione della biblioteca e del suo patrimonio. Attraverso la facilità di diffusione del documento elettronico, si può finalmente mostrare quanto altrimenti destinato agli armadi.

La relazione ha ad oggetto l’esperienza compiuta nella biblioteca civica di Isernia con la messa a disposizione tramite opac del fondo “periodici locali”, che raccoglie testate isernine e molisane del primo novecento.

12:00
13:00

Azioni realizzate per l’integrità e la trasparenza e premiazione video e grafiche concorso Zooppa[lab.20]

L’evento si propone di informare sulle azioni realizzate dal Ministero Affari Esteri per favorire presso tutti i cittadini e i dipendenti la cultura della legalità e della permeabilità dei processi organizzativi e dei risultati dell’Amministrazione. In particolare saranno illustrate, anche tramite video, l’organizzazione al MAE delle Giornate dell’Integrità (7 dicembre) e della Trasparenza (26 marzo) che hanno visto la partecipazione di personalità quali il Ministro della Funzione Pubblica Filippo Patroni Griffi, Magistrato della Corte di Cassazione Raffaele Cantone e il giornalista, del Corriere della SeraGian Antonio Stella, nonché un’alta affluenza di pubblico (oltre 2.500 persone).

Inoltre, sempre nel quadro delle attività volte a promuovere la trasparenza e l’apertura dell’Amministrazione Pubblica nei confronti della società civile, sarà illustrato il Concorso “Un’Italia, tante Italie” realizzato utilizzando la piattaforma organizzativa Zooppa specializzata nella pubblicità generata dagli utenti (“user generated advertising”). Con l’occasione saranno intervistati i vincitori e saranno proiettati una selezione dei migliori video e grafiche che hanno concorso.

12:00
13:00

Le buone pratiche[lab.140]

L’Osservatorio Buone Pratiche per la Sicurezza dei Pazienti è stato istituito dall’Agenas nel 2008 sulla base del mandato ricevuto da un’Intesa  tra lo Stato e le Regioni e di un accordo di collaborazione con il Ministero della Salute. L’approccio metodologico dell’Osservatorio, descritto sinteticamente in Figura 1, si inserisce nell’ambito delle teorie del trasferimento della conoscenza (Argote 2000), dell’innovazione in sanità (Berwick 2003 – IOM 2001), della diffusione dell’innovazione (Rogers 1995), del knowledge network (Nonaka 2005), con particolare riferimento alla “no blame culture” (Berwick 1989) in un’ottica di miglioramento sistemico della qualità e della sicurezza (Øvretveit 2009, Reason 2000). Costituiscono fondamentali riferimenti per le attività dell’Osservatorio Buone Pratiche le Direttive e le Raccomandazioni emanate a livello europeo, con particolare riferimento alla Raccomandazione del Consiglio dell’Unione Europea (9 giugno 2009) che ha previsto, tra le azioni che gli Stati Membri devono porre in atto per accrescere la sicurezza dei pazienti, la revisione e l’aggiornamento delle migliori pratiche applicabili all'assistenza nonché l’informazione al cittadino e la condivisione delle conoscenze, delle esperienze e delle migliori pratiche a livello europeo.
L’obiettivo finale dell’Osservatorio consiste nel favorire il trasferimento delle esperienze facilitando l’accesso alle informazioni, sostenendo lo scambio di conoscenze e promuovendo l’integrazione e l’interazione tra le Regioni, le Organizzazioni Sanitarie e i Professionisti. Ulteriore e fondamentale obiettivo dell’Osservatorio consiste nella la possibilità di informare il cittadino/paziente in merito alle le iniziative, valide e di qualità, attivate per il governo del rischio clinico dalle organizzazioni sanitarie del territorio nazionale.

12:00
12:40

Private Cloud e PA: ridurre i costi massimizzando gli investimenti con le tecnologie abilitanti[lab.12]

La sessione fornirà le linee guida per consentire alla PA di costruire da subito il proprio sistema di IaaS interno sfruttando a pieno gli investimenti già sostenuti.
Dopo un overview generale sul cloud computing, verrà presentato CloudStack, la tecnologia open source di Citrix, che consente la realizzazione di un cloud privato sfruttando i sistemi di virtualizzazione preesistenti.

12:00
12:50

Reverse Factoring.[w.06a]

Reverse Factoring PA è un prodotto di Sace Fct collocato da Poste Italiane – BancoPosta altamente innovativo.

Il nuovo servizio è stato pensato con l’intento di facilitare la Pubblica Amministrazione nei pagamenti dei propri debiti di fornitura.

12:00
12:50

Un sistema di gestione della videosorveglianza integrato per la Pubblica Amministrazione locale[w.35]

Le limitazioni dei sistemi di videosorveglianza per le realtà distribuite della PA sono a budget contenuto a numero di telecamere limitato, seppur con le stesse necessità di sicurezza delle sedi istituzionali centrali.
Le soluzioni di videosorveglianza di Iomega rappresentano la scelta ideale per gli uffici periferici della PA, che hanno bisogno di soluzioni storage semplici, versatili, affidabili e convenienti, e richiedono soluzioni di gestione efficaci  anche in presenza di pochi addetti IT.

12:00
13:00

Accessibilità dei dati e servizi per il cittadino nella PA digitale[w.24a]

La cultura del dato nasce dal bisogno sempre crescente di riuscire ad analizzare le situazioni con la maggiore obiettività possibile. Oltre alla precisione dei dati gioca un ruolo decisivo anche la velocità con cui le informazioni vengono veicolate e la possibilità di analizzarle da differenti dispositivi e in mobilità. Anche dal punto di vista del cittadino poter accedere ai dati in modo dinamico e affidabile rappresenta un miglioramento del servizio, perchè gli offre la possiblità di avere a disposizione informazioni oggettive in qualunque momento.

Ma come migliorare l’accessibilità e l’usabilità dei dati? Come rendere le risorse della Pubblica Amministrazione e delle realtà collegate a essa una fonte organizzata e utilizzabile?

In questo master verranno esposti i principali problemi, le possibili soluzioni degli aspetti critici e i casi pratici di riferimento. Modelli di innovazione orientati verso strumenti che abbattendo i costi migliorino l’efficienza e la flessibilità. Soluzioni che tengano conto dei vincoli tecnici, delle nuove tecnologie disponibili e dei bisogni dei cittadini in un’ottica 2.0. Con l'esperienza di Daniele Frongia, funzionario informatico di ISTAT, verranno analizzate le esigenze specifiche della realtà pubblica e le opportunità per migliorare l'accessibilità di dati e servizi. Luca Giuratrabocchetta, Country Manager di Google Enterprise, spiegherà come la tecnologia e i prodotti di Google Enterprise sblocchino l'innovazione, risolvendo le criticità e tagliando i costi.

12:00
13:00

Architettura e tecnologia MySQL, una panoramica.[w.15]

MySQL è il database open source più diffuso al mondo. La sua popolarità è dovuta alla semplicità d'uso, alle prestazioni, alla flessibilità e all'affidabilità che lo rendono il database ideale per sviluppare applicazioni innovative sia nel pubblico che nel privato.

In questa presentazione sarà fatta una breve panoramica sulla storia di MySQL, spiegata l’architettura del prodotto e ne verranno disaminate le caratteristiche. Verranno inoltre spiegate alcune delle peculiarità che rendono MySQL un database estremamente flessibile e adatto allo sviluppo di applicazioni all’avanguardia. Saranno anche considerati i più comuni casi d’uso e le relative scelte tecnologiche.

Alla fine di questo seminario saranno ancor più chiare le ragioni per cui diverse iniziative nella Pubblica Amministrazione vertono su prodotti Open Source.

12:00
13:00

La collaborazione e la produttività Cloud based per gli enti pubblici[w.12a]

Come cambia la produttività personale ed aziendale nell’era del Web 2.0? Scoprilo in questa sessione dove potrai vedere all’opera in modalità Software As A Service in una unica soluzione le versioni online dei più celebri software Microsoft per la gestione della posta elettronica e della collaborazione aziendale. Progettati per soddisfare le più sofisticate esigenze dei clienti per quanto concerne sicurezza, affidabilità, continuità ed efficienza degli utenti, questi servizi possono essere resi disponibili in pochi minuti in modo da consentire agli Enti Pubblici di migliorare la produttività e ridurre i costi e la complessità delle attività correlate alla gestione e alla manutenzione dei server. Questa soluzione può abilitare scenari come il tele-lavoro e la collaborazione tra dipartimenti ed enti diversi permettendo di abilitare funzionalità che abilitano l’accesso semplice e conveniente a email, documenti, contatti e calendari da qualsiasi luogo e qualunque dispositivo sfruttando la familiare esperienza di produttività per PC, cellulare e browser. Nel corso dell’intervento verranno esaminati casi e testimonianze nei più diversi settori dell’amministrazione pubblica: dalla Sanità ai Comuni fino ai Centri di Servizio Territoriali.

12:30
13:30

Responsabilità Sociale: Terzo Settore Imprese per la crisi[lab.54]

Riflessioni attraverso l’esposizione di buoni esempi realizzati da imprese – responsabili socialmente – e dal Volontariato/Terzo settore.

La forte flessione nei mercati finanziari, richiede una tempestiva rivisitazione dei parametri che determinano il Welfare.

Urge maggiore inclusione e partecipazione nelle responsabilità sociali.

La chiave risolutiva per traghettare le nostre società in una nuova proiezione implica doppiamente il rafforzamento del concetto di relazione alla base del concetto di umanità.

Tessere la rete! Il fenomeno della rete, è destinato a cambiare in meglio, se sotto opportuna regia, il nostro modo di vivere il sociale. Basti pensare anche al fenomeno delle Social Network, già profondamente inoculato nella nostra quotidianità.

In quest’ottica sorge l’imperativo rivolto a tutto il mondo del terzo settore, perché acquisisca gli strumenti necessari a raccogliere la chiamata di chi ha bisogno, per non scoprirsi impreparato davanti a storie di vita che si trasformano tristemente in fatti di cronaca.

Il nuovo volto del terzo settore, deve coinvolgere tutti nel rafforzare le reti già esistenti e nel crearne di nuove laddove non ve ne siano.

Una nuova economia ed una nuova gestione delle questioni sociali, dunque che riscopra il concetto di “economia a misura d’uomo”, facilitando e sinergizzando  l’accesso ai propri diritti sociali; non più fronti disgiunti tra economia, impresa e istituzioni, ma un percorso di compenetrazioni responsabili, atte a creare sereni contesti e realtà auto sostenibili.

Il faro del nostro impegno deve risiedere nei principi della nostra carta costituzionale che, già da lungo tempo, sancisce i diritti che non devono venir mai meno al fine di garantirne il rispetto tra e per uomini,cittadini, volontari, imprenditori e politici.

12:30
13:30

Pianificazione Paesaggistica e Tutela dell’Ambiente[lab.134]

Verranno illustrati due significativi esempi di buone pratiche per lo sviluppo sostenibile del territorio: il progetto “Laghetti delle Soglitelle” e il grande Progetto “Centro storico patrimonio UNESCO” della città di Napoli.

13:00
14:00

«La biblioteca incontra il documento digitale» - La condivisione di documenti bibliografici in formato elettronico.[lab.94]

La catalogazione  in web di  documenti bibliografici ha subito, negli ultimi anni, una grande evoluzione. Il legame con l’oggetto digitale ha lo scopo di valorizzare il patrimonio posseduto dalle biblioteche e di renderlo disponibile on line e fruibile all’utenza. Il processo di digitalizzazione  è nello stesso tempo una strategia per far si che il patrimonio culturale venga protetto e conservato in maniera appropriata, rispettando anche i luoghi e gli spazi

mercoledì, 16 maggio pomeriggio

14:00
14:45

Dati geografici e Open Data[K.32]

I dati geografici sono alla base della maggior parte delle procedure di gestione e analisi del territorio. Dall’avvio del processo OpenData si è potuto constatare che tali informazioni sono in assoluto la tipologia di dati più richiesta e scaricata. Professionisti, imprese e cittadini ne richiedono il riuso che, fra l’altro, potrebbe semplificare molte procedure burocratiche. Ma il processo di liberalizzazione si sta rivelando lungo e costellato di difficoltà. Ad oggi circa un terzo degli enti pubblici centrali e locali non cedono a terzi i dati geografici. Gli altri enti hanno regolamentato la cessione in modo differente con vincoli di diverso tipo. Le pochissime regioni che hanno avviato progetti di OpenData, stentano a liberalizzare i dati di base che sono in assoluto i più richiesti. Perché queste resistenze e quali le possibili soluzioni?

14:00
14:45

La città Resiliente[K.30]

La resilienza delle città e delle nostre comunità è la capacità di reagire a rischi e shocks causati da molteplici fattori: cambiamento climatico, degrado ambientale, scarsità di risorse non solo energetiche, crescita della popolazione.

Le recenti emergenze come l'alluvione in Liguria e Toscana nel 2011 e l'emergenza neve del 2012 hanno mostrato la fragilità del nostro territorio, ma al contempo la capacità di reazione delle comunità. Alla luce di queste esperienze reali cercheremo di comprendere il significato di resilienza per disegnare una mappa degli approcci, delle azioni, degli attori e delle sfide che questo concetto, tutt'altro che nuovo, contiene in sé.

La resilienza non è un pranzo di gala. La resilienza è conoscenza. La resilienza è conversazione.

 

14:00
15:00

Presentazione del libro "Le Unioni di Comuni" di Francesco Raphael Frieri, Luciano Gallo e Marco Mordenti[PR.03]

Le ultime manovre finanziarie hanno affrontato in modo risoluto la questione chiave dell’associazionismo intercomunale, dando forte impulso alla costituzione delle Unioni  di Comuni.
L’art. 16 del D.L. 138/2011, infatti, obbliga i Comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti a gestire in forma associata “mediante un’unione di Comuni” tutti i propri servizi; l’art. 14, comma 31, del D.L. 78/2010, come modificato dalla manovra estiva 2011, obbliga invece gli altri Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti ad associare progressivamente le proprie “funzioni fondamentali”. Da ultimo il c.d. decreto Milleproroghe ha rinviato tutte le  scadenze, evidentemente considerate poco realistiche; una decisione saggia, che tuttavia non deve indurre gli enti a sottovalutare gli adempimenti che li attendono già nei prossimi mesi:
- entro il 30 settembre 2012 (altri Comuni fino a 5.000 abitanti);
- entro il 17 dicembre 2012 (Comuni fino a 1.000 abitanti).
Le misure in esame sono state adottate in piena emergenza e proprio per questo sono suscettibili di ulteriori proroghe e/o aggiustamenti, fermo restando che a questo punto
molto difficilmente il processo associativo potrà essere fermato: ne sono prova le continue prescrizioni che impongono ai piccoli enti nuovi obblighi di gestione associata (per gli appalti, l’informatica, ecc.).

In un momento di crescente e diffusa contrazione delle risorse, è convinzione degli autori che l’Unione di Comuni sia lo strumento più opportuno per erogare in modo efficace ed efficiente i servizi su scala più ampia, e che costituisca pertanto una strada obbligata per tutti gli Enti locali che intendano soddisfare le esigenze e le aspettative di cittadini e imprese.
Il presente manuale si rivolge a segretari comunali, dirigenti e amministratori locali, nonché a studiosi della materia, allo scopo di condividere idee, strumenti e schemi operativi per adempiere agli obblighi di legge e per cercare di fare chiarezza sul “senso” del percorso da compiere.

14:00
14:45

La tracciabilità dei rifiuti: i vantaggi del SISTRI[O.10]

SISTRI è il sistema innovativo che consente l’informatizzazione dell’intera filiera, a livello nazionale, dei rifiuti speciali pericolosi e non. Da un sistema cartaceo - imperniato sui tre documenti costituiti dal Formulario di identificazione dei rifiuti, registro di carico e scarico, modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) - si passa a soluzioni tecnologiche digitali in grado di gestire in tempo reale l’intero processo di tracciabilità dei rifiuti. Nato per semplificare le procedure e gli adempimenti amministrativi, riducendo al contempo i costi sostenuti dalle imprese,  il sistema ha l’obiettivo di contrastare lo smaltimento illegale dei rifiuti, gestendo in modo innovativo ed efficiente un processo di tracciabilità altamente complesso e variegato.

14:00
16:00

Digitcafè. La posta elettronica certificata come strumento di comunicazione digitale[lab.194a]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
14:40

Come semplificare la migrazione a Windows 7[lab.07]

L’aggiornamento del sistema operativo di tutte le postazioni utente di un’organizzazione è una scelta che crea all’IT innumerevoli difficoltà legate alla compatibilità delle applicazioni, ai vincoli di budget e allacarenza di risorse interne: tutti ostacoli che possono rallentare e mettere a rischio la continuità operativa.
Oggi superare con facilità tutti gli ostacoli della migrazione a Windows 7 è oggi possibile grazie alla virtualizzazione desktop Citrix: il PC Win7 diventa un servizio disponibile su ogni device.  Ciò porta importanti vantaggi in termini economici e di gestione come: la riduzione dei costi di migrazione del 40%, la maggiore sicurezza dei dati, l’ottimizzazione del ciclo di aggiornamento dell’hardware, l’utilizzo di applicazioni virtualizzate e la gestione centralizzata degli utenti.
Inoltre, la virtualizzazione desktop di Citrix permette un’ulteriore riduzione dei costi di gestione grazie all’analisi e alla remediation del parco applicativo in uso per eliminare i rischi della migrazione.
Citrix cambia il modo in cui aziende e IT lavorano e gli utenti collaborano nell’era del cloud. Con soluzioni di cloud, collaborazione, networking e virtualizzazione leader di mercato, Citrix migliora gli stili di lavoro mobili e i servizi cloud, rendendo i complessi reparti IT delle imprese più semplici e più accessibili per 260.000 aziende. I prodotti Citrix supportano il 75% degli utenti internet ogni giorno e l’azienda collabora con oltre 10.000 imprese in 100 paesi.

14:00
16:00

Digitcafè. Il sistema pubblico di connettività e cooperazione[lab.192a.2]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
15:00

Gemellaggi AGIRE POR 2007-2013[lab.99a]

Il progetto agire por 2007-2013 ha come obiettivo il rafforzamento delle capacità e delle conoscenze di Amministrazioni “destinatarie” operanti nei territori delle Regioni italiane dell’obiettivo Convergenza attraverso l’attivazione di gemellaggi con Amministrazioni “offerenti” operanti nel territorio nazionale e comunitario, volti al trasferimento di conoscenze, esperienze, metodologie, sistemi organizzativi e gestionali innovativi e, in generale, buone pratiche.

14:00
15:00

La Tutela delle Informazioni e del Patrimonio Informatico Aziendale[lab.26a]

Presentazione della soluzione proposta da DeviceLock per la tutela contro la sottrazione dolosa o accidentale delle informazioni.

Descrizione del modulo base e dei moduli addizionali che costituiscono la Suite di DeviceLock 7.

Gestione degli accessi, dei dispositivi periferici e delle comunicazioni di rete.

Monitoraggio e filtrazione dei contenuti testuali dei file in trasferimento sui dispositivi periferici ed attraverso la rete.

Autoprotezione del software

Archiviazione, indicizzazione e ricerca veloce degli eventi (file log e file shadowing)

Politiche di licensing

14:00
16:00

Presentazione della Ricerca Nazionale sulla diffusione del Fascicolo Sanitario Elettronico[lab.150]

  1. approfondimento delle conoscenze in merito al Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia: strategie tecnologiche, organizzative, comunicative della sanità ad 'alta condivisione' dei dati e delle informazioni sulla salute del cittadino;
  2. conoscenza sociologica, organizzativa e tecnologica approfondita delle reti orizzontali e degli e-Services che generano in Internet il Fascicolo Sanitario Elettronico;
  3. analisi dei processi di razionalizzazione e riorganizzazione della sanità italiana anche a seguito dell'introduzione e diffusione del Fascicolo Sanitario Elettronico.

14:00
16:00

Digitcafè. Disaster recovery[lab.189a.2]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
17:30

Il finanziamento dei servizi pubblici: obblighi europei di trasparenza[lab.29]

Il nuovo pacchetto di norme adottate dalla Commissione europea alla fine di dicembre del 2011 fornisce agli amministratori pubblici regole più chiare e dettagliate in tema di compensazione pubblica per una gestione sempre più efficiente dei  servizi di interesse economico generale (SIEG), cioè dei servizi pubblici di rilevanza economica.
In particolare, il nuovo pacchetto di norme europee introduce un approccio proporzionato e diversificato nei casi di servizi di portata ridotta o che perseguono un obiettivo sociale.

14:00
14:45

L'iniziativa Open Data di Regione Lombardia[lab.151]

Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

14:00
16:00

Digitcafè. Il nuovo italia.gov.it: servizi innovativi per l'amministrazione digitale[lab.193a]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
15:00

Trouble Ticketing e gestione dell’Ufficio Relazione del Pubblico (URP)[lab.41]

Nel corso dell’incontro sarà presentata una soluzione, basata sulla piattaforma Microsoft Dynamics CRM 2011, per il supporto delle attività degli uffici per le relazioni con il pubblico (URP), al fine di consentire agli uffici stessi di svolgere la propria attività avvalendosi di un sistema informativo sui servizi, le strutture e il funzionamento dell'amministrazione. Le principali funzionalità sono:

Modulo Servizi per la gestione delle richieste di informazioni o documentazione (chiamati casi o ticket) provenienti dai cittadini, loro risoluzione direttamente all’interno dell’URP oppure escalation ai vari uffici comunali;

Modulo “Citizen Satisfaction”, per l’esecuzione di campagne mirate alla raccolta di feedback da parte dei cittadini che hanno usufruito di un determinato servizio, in modo da verificare la loro soddisfazione.

I moduli si interfacciano con funzionalità comuni, quali:

Gestione delle anagrafiche “Cittadini”, popolate con le informazioni anagrafiche, i vari indirizzi, informazioni per il contatto; tali anagrafiche sono ricercabili secondo i criteri stabiliti dal Comune (es. ricerca per Codice Fiscale, e-mail ecc.).

Gestione interazioni (chiamati anche Impegni) in entrata ed in uscita dal sistema: tracciamento di lettere, e-mail, telefonate, ricevute o effettuate da/verso i cittadini, sulla base delle richieste pervenute allo sportello.

Smistamento delle richieste ai vari Uffici Comunali, tramite code di smistamento con relativa visibilità per ciascun utente.

Funzionalità di reportistica incrociata tra i vari moduli.

In collaborazione con NTTAGIC.

14:00
15:00

Presentazione della Ricerca Nazionale sulla diffusione del Fascicolo Sanitario Elettronico[lab.183]

Attraverso il FSE, il cittadino deve poter accedere e aggregare in internet, in forma rispettosa delle leggi sulla privacy, tutti i dati personali che si generano nel Servizio Sanitario Nazionale (referti, lettere di dimissioni dell’ospedale, scheda sintetica di salute predisposta dal medico di famiglia ecc.). Le regioni  e le ASL italiane, sulla base delle direttive del Ministero della Sanità della più recente legislazione nazionale ed europea in materia di privacy, stanno realizzando il Fascicolo Sanitario Elettronico del cittadino e sono in una fase realizzativi più o meno avanzata.
Il progetto dell’Osservatorio, promosso da Federsanità ANCI, Assinter Italia e l’Università di Urbino Carlo Bo, è accompagnato da un programma di Alta Formazione sul FSE che ogni anno prevede moduli formativi a Urbino e Napoli in collaborazione con l’Istituto Tumori Pascale di Napoli.
In questo incontro verrà presentato il progetto di ricerca curato dall’Università di Urbino Carlo Bo e sotto l’attenzione di un Comitato Scientifico e sarà fornito un primo quadro informativo sulla situazione italiana e europea che costituirà la base per la presentazione del prossimo rapporto.

 

14:00
15:00

Unioni di Comuni: Il riordino degli Enti Locali come volano di ripresa nazionale[w.14a.2]

Il complesso percorso aggregativo dei piccoli Comuni calabresi.

E’ ormai in fase avanzata il progetto di Animazione Istituzionale “Unioni di Comuni” della Regione Calabria, di cui la Fondazione Field è soggetto attuatore.

Alla luce del nuovo contesto normativo, è apparso utile prevedere un percorso di supporto agli enti che si muova lungo più direttrici operative e consolidi, da un lato, l’azione di affiancamento precedentemente svolta dalla Field nei confronti degli Enti Locali calabresi, favorendo dall’altro sinergie con soggetti quali le Università, la Scuola Superiore di Scienze delle Amministrazioni Pubbliche dell’UNICAL, l’ANCI, la Lega Autonomie e le altre istituzioni interessate a migliorare la gestione della cosa pubblica – a cominciare,

proprio, dall’attività dei Comuni – così contribuendo al processo, in atto, di riforma delle istituzioni nazionali e locali.

Lo strumento del quale si è ritenuto di doversi avvalere è quello di un Laboratorio Dinamico di Animazione Istituzionale per lo sviluppo di competenze e scambio di esperienze propedeutiche alla Costituzione di Unioni di Comuni.

Per il conseguimento di questi obiettivi, considerate le oggettive complessità di costituzione di detti organismi sovracomunali, i piccoli comuni calabresi hanno quindi trovato un valido interlocutore nella Regione Calabria, per il tramite della Fondazione Field e della presenza in loco degli animatori territoriali che intervengono in veste di facilitatori dei processi di sviluppo locale e di ammodernamento della P.A., accompagnando e favorendo l’avvio e l’attuazione di politiche, progetti ed iniziative di aggregazione.

D’intesa con le Amministrazioni che hanno voluto aderire al progetto e sulla base di oggettivi criteri di efficienza, le attività si stanno svolgendo presso la sede di uno dei Municipi partecipanti alla futura associazione. Il tutto è fornito a titolo gratuito, senza alcun onere per i Comuni. Nel contempo, sempre

attraverso l’utilizzazione dei fondi europei, la Regione Calabria ha integrato il Progetto “Unioni di Comuni” con il programma di implementazione dell’Agenda Digitale Locale per le piccole comunità grazie alla collaborazione fra la stessa Field Calabria ed il CEMSDI (Civil- servants Empowerment for Multi-media Service Delivery ICT-enabled). L’adesione ufficiale della Field al CEMSDI, progetto europeo che mira a formare amministratori e tecnici di comunità locali per la gestione e l’utilizzo delle ICT ((Information and Communication Technologies) nel governo del territorio e dei servizi pubblici (eGovernment), è stata ufficializzata nel corso di una importante conferenza tenutasi a Roma presso la Sala Nassirya di Palazzo Madama: una strategia di sviluppo che passa attraverso la predisposizione di un ambiente formativo

rivolto in particolar modo ai piccoli comuni, al fine di colmarne il divario digitale, in modo da poter rendere più efficienti i servizi della Pubblica Amministrazione.

Allo stato dell’arte, dalla fine di Luglio 2011 ad oggi, nell’ambito del Progetto “Unioni di Comuni” sono pervenute alla Fondazione Field n. 294 richieste di assistenza tecnica da parte dei Comuni e sono già state effettuate n. 148 analisi del fabbisogno, che rappresenta la fase di ricerca che precede la progettazione del percorso di aggregazione delle funzioni. Il percorso in esame è un work in progress in cui si sta delineando un’ipotesi di costruzione di circa 20 aggregazioni intercomunali, 6 rivitalizzazioni di unioni già esistenti ed 1 nuova Unione.

Ciò che è certo è che, alla vigilia di queste importanti trasformazioni istituzionali, il Progetto “Unioni di Comuni” è stato legittimato quale best practice di governo locale esportabile e replicabile in contesti extraregionali,

per l’unicità e l’innovatività delle azioni implementate a sostegno dei processi in atto nel Paese, proiettando la Regione Calabria in ambito nazionale quale esempio virtuoso di amministrazione moderna e riformatrice.

14:00
14:50

Trasformare i contenuti sanitari in informazioni per valorizzare gli investimenti, condividere la conoscenza, migliorare performance e sicurezza, ridurre i rischi[w.37a]

Un approccio olistico alla gestione dei contenuti e delle informazioni sanitarie che traguardi l’innovazione garantendo la continuità dei servizi IT. La presentazione illustra benefici, casi d’uso, esempi concreti della soluzione EMC per la sanità a livello ospedaliero, regionale e nazionale. Saranno inoltre evidenziati gli aspetti relativi alla sicurezza e alla condivisione delle informazioni sanitarie personali.

14:30
17:30

La Salute nelle Regioni[C.41]

Formez PA organizza un convegno dal titolo “La Salute nelle Regioni, Attività e Prospettive dell’Assistenza Tecnica del Ministero della Salute”.

L’appuntamento muove dalla presentazione delle attività del Progetto POAT Salute, cofinanziato con Fondi FESR 2007-2013, che Formez PA realizza, per conto del Ministero della Salute, nelle Regioni dell’Obiettivo Convergenza Calabria, Campania, Puglia e Sicilia per inserire tali attività nello scenario generale della salute in queste Regioni.

Il POAT Salute è mirato al rafforzamento delle capacità tecniche e di governance delle Regioni, per il miglioramento dell’efficacia della programmazione e della valutazione delle azioni per la salute che concorrono allo sviluppo socio economico dei territori.

Obiettivo del Convegno è presentare i primi feedback che scaturiscono dalle iniziative in svolgimento nelle Regioni e che possono contribuire al dibattito fornendo indicazioni utili al sostegno e al rafforzamento del percorso attuativo dei Piani di Rientro dal deficit sanitario cogliendo possibili suggerimenti e prospettive.

L’evento nazionale dà conto di questa innovativa esperienza e presenta i primi risultati raggiunti, Regione per Regione, attraverso la definizione di:

1. Linee Guida sul PUA
2. Modello funzionale Case delle Salute
3. Riorganizzazione servizi territoriali
4. Programmazione investimenti ospedalieri
5. Proposte di tariffazione di profili di cura domiciliari
6. Reti di Referenti
 

14:30
16:30

Il risparmio ed il riuso dell’acqua attraverso tecniche a basso impatto ambientale quali la fitodepurazione: le linee guida e la regolamentazione della Provincia di Roma[lab.128]

  1.  Introduzione e presentazione dei regolamenti provinciali di disciplina dei procedimenti autorizzatori e concessori in materia di tutela delle acque e delle risorse idriche: Paola Camuccio
    Illustrazione dei regolamenti approvati nel corso del 2011 dal Consiglio Provinciale per uniformare le procedure autorizzatorie dell’Amministrazione Provinciale alla legislazione nazionale e alla normativa di settore.
    Regolamenti finalizzati alla diffusione di una chiara informazione sull’iter da seguire per le autorizzazioni e concessioni in materia delle acque e delle risorse idriche.
  2. Le acque sotterranee, recupero e razionalizzazione : Giorgio Prati
    Il risparmio idrico ottenibile attraverso la rivisitazione dei consumi. Gli atti ricognitivi e concessori finalizzati alla riduzione dei prelievi.
  3. Le acque superficiali, linee guida tecniche in materia di opere idrauliche: Franco Cardamone
    Illustrazione di linee guida nelle scelte progettuali e nelle applicazioni dei metodi adottati per le opere idrauliche che interessano le aree demaniali e le loro pertinenze.
  4. Riqualificazione fluviale e partecipazione: Giovanni Dani
    Rischio idraulico, rinaturalizzazione e condivisione delle scelte nell’esperienza della progettazione partecipata nell’ambito della riqualificazione dell’alta e media valle dell’Aniene
  5. Le acque superficiali, tecniche di risanamento e di depurazione a basso impatto ambientale, con particolare riguardo alla fitodepurazione: Mario Dionisi
    Le funzioni della Provincia quale Ente territoriale di pianificazione delle risorse idriche, la valutazione e l’importanza dell’impatto ambientale, il valore delle risorse idriche e del loro risparmio. Promozione di tecniche a basso impatto ambientale per la depurazione delle acque reflue. Linee guida su fitodepurazione ed evapotraspirazione.

14:30
15:30

Misurazione delle attività di volontariato: manuale ILO e altre esperienze a confronto[lab.55]

Misurare – per contare di più, per potersi confrontare, per riflettere sulle proprie azioni, per comunicare meglio, per agire in maniera più efficace. Nell’assenza di dati certi e comparabili sul numero, profilo e le attività dei volontari in Europa, l’EVMP si propone di

- Far adottare l’utilizzo del Manuale ILO sulla misurazione del lavoro volontario dagli uffici statistici nazionali.

-  Analizzare i dati in una prospettiva comparativa e produrre il primo report sullo “Stato del volontariato in Europa”.

-  Avviare la realizzazione di un Annex al Manuale ILO che definisca i modelli e i criteri per la valutazione degli impatti sociali del volontariato.

Gli assi portanti del progetto sono: un’originale e sostenibile metodologia scientifica/statistica e il coinvolgimento del volontariato e delle reti del terzo settore come protagonisti di un progetto culturale, alla pari degli uffici statistici e del mondo accademico. Nel primo anno della fase preparatoria, l’EVMP ha stimolato le prime implementazioni del “modulo volontariato” in Polonia e Ungheria, coinvolto e formato esperti statistici di una quindicina di paesi, fatto progredire l’agenda politica europea in tema di misurazione del volontariato.

La metodologia definita dal Manuale OIL si presta anche agli utilizzi su scala ridotta, sui singoli territori e nelle realtà associative: ad esempio nell’ambito del bilancio sociale, per la valorizzazione del co-finanziamento o per far emergere aspetti del capitale sociale sul territorio.

14:30
17:30

Conoscenza e cultura del controllo: come cambiare il volto della Sanità. Analisi delle conseguenze e degli effetti dell’applicazione del Titolo II D.Lgs. 118/2011[w.57]

Il contesto della crisi segnato dal rischio default ha determinato una focalizzazione delle politiche pubbliche sulla necessità di attuare strategie mirate di Spending Review. Nel settore cruciale della Sanità questo indirizzo generale si è tradotto in un vero e proprio imperativo, fondato su un duplice paradigma: la conoscenza e il controllo. Per innovare usando metodi virtuosi il soggetto pubblico deve, infatti, porre mano all’eliminazione degli sprechi, alla riduzione delle inefficienze, all’esercizio della qualità della spesa, cercando di bilanciare il sistema delle performance con un elevato livello di qualità e sostenibilità dei servizi, diretti ai cittadini. Partendo dall’evoluzione normativa dettata dall’applicazione del Titolo II del Decreto Lgs. 118/2011 inerente l’armonizzazione contabile dei Sistemi Sanitari Regionali, il workshop si pone, dunque,  come principale obiettivo di far comprendere  i metodi e le strategie che le Regioni, sottoposte ai piani di rientro dal disavanzo sanitario,  stanno mettendo in campo per affrontare  il percorso di adeguamento alla normativa e di risanamento complessivo dei conti e degli asset di bilancio.

Nel corso dell’incontro saranno, in particolare, analizzati e discussi gli effetti derivanti dall’applicazione del dettato normativo, insieme alle opportunità che si stanno facendo strada con l’avvio di percorsi che devono portare alla certificabilità dei bilanci da parte delle aziende sanitarie e nel contempo all’avviamento di una Gestione Accentrata  e al  consolidamento dei conti  da parte delle diverse realtà regionali.

14:30
15:30

Sicurezza e tutela della privacy nel Cloud[w.28a]

Il Cloud Computing e le Google Apps hanno un impatto positivo sui processi di innovazione della Pubblica Amministrazione, ma la loro adozione mette di fronte a questioni delicate come la sicurezza e la tutela della Privacy. Chi sceglie queste soluzioni vuole essere certo che i dati e le informazioni archiviate nella nuvola siano al sicuro, garantite con i migliori strumenti di protezione. Per avere questa certezza servono competenze e conoscenze, per saper affrontare le criticità, sfruttando al massimo i vantaggi della tecnologia.

Scube NewMedia ha acquisito un’esperienza specifica su questi temi, supportando numerose amministrazioni pubbliche.

In questo Master organizzerà un dibattito aperto, a cui parteciperanno Corrado Giustozzi (Security Evangelist and Information Security Consultant, Member of ENISA PSG), Luca Giuratrabocchetta (Country Manager di Google Enterprise) e Adam Pomson (Sales Director di CloudLock). L’obiettivo sarà quello di fornire ai partecipanti le conoscenze adeguate per poter scegliere in modo consapevole i servizi Cloud. Il contributo degli ospiti servirà per delineare il livello di sicurezza con cui i Cloud provider come Google garantiscono i dati dei propri utenti e offrirà un quadro dettagliato di come è cambiata la gestione dei rischi e della compliance nel passaggio da contesti On-premise ad ambienti Cloud.

Alla fine del Master Adam Pomson presenterà strumenti pratici per gestire l’eGRC di servizi come Google Drive o Google Plus.

14:30
15:30

Cloud e Big Data: nuove piattaforme di interazione per una PA moderna al servizio del cittadino[w.19a]

Nell’Agenda Digitale si fa particolare riferimento alla necessità di rendere liberamente disponibili i dati delle pubbliche amministrazioni incentivando l’efficienza e la trasparenza della PA. L’innovazione è l’elemento centrale ed abilitante di una relazione “evoluta” tra il cittadino e la pubblica amministrazione.

Il cuore di questa innovazione è una nuova piattaforma IT basata su Cloud Computing e Big Data per un utilizzo sociale della tecnologia, la realizzazione delle reti di nuova generazione e una comunicazione “intelligente” tra PA e cittadino.

14:30
15:20

I Servizi Integrati Poste Italiane nell’ambito della fiscalità locale.[w.07a]

Le recenti evoluzioni normative in materia di riscossione fiscale e tributaria hanno introdotto alcune novità in merito alla possibilità, per ogni comune, di gestire la riscossione sia volontaria che coattiva delle proprie entrate.

In tale ambito il Gruppo Poste Italiane può supportare i comuni nei processi di riscossione volontaria e coattiva mettendo a disposizione una gamma di servizi per gestire sia i tributi che le violazioni al codice della strada.

Un’offerta integrata,‘end to end’, fornita in modalità cloud che:

•          garantisce “accessi” sicuri attraverso sofisticati sistemi di sicurezza

•          rispetta le  nuove disposizioni normative

•          permette un elevato grado di personalizzazioni e parametrizzazioni dei dati utili alle attività di riscossione

•          integra varie fasi di servizio, dalle attività ordinarie a quelle coattive, eseguite direttamente da Poste Italiane

Grazie alla disponibilità di piattaforme tecnologiche evolute e di centri specializzati, il Gruppo Poste Italiane è in grado di offrire servizi dedicati ponendosi come facilitatore dei rapporti tra Cittadino e Pubblica Amministrazione.

Tra i servizi integrati, attualmente il Servizio Integrato Notifiche consente di esternalizzare e automatizzare le attività legate al processo di notifica con un'offerta modulare che può essere personalizzata in base alle specifiche esigenze del cliente.

Vantaggi dei servizi integrati:

  • gestione completa di tutte le forme di corrispondenza (cartacee, ibride ed elettroniche) che favorisce il superamento del digital divide
  • interlocutore unico per la gestione di tutte le attività determinando una conseguente riduzione dei costi interni di gestione;
  • integrazione tra servizio di notifica/comunicazione e sistema di gestione dei pagamenti; 
  • riduzione dei rischi grazie ad una  gestione del servizio in sicurezza tramite log-in personalizzato.

14:45
18:00

Cloud computing per la sanità digitale: dalle applicazioni alle regole[C.13]

Il cloud computing è una risorsa strategica per la sanità italiana, sia per la sua evoluzione, sia, nelle situazioni di ritardo, per un suo riscatto tecnologico. Il cloud è già una realtà in alcuni Paesi stranieri che lo impiegano non lateralmente rispetto alle attività cliniche, ma proprio per affrontare il “core business sanitario” con maggiori convenienze ed opportunità. In Italia, ci sono alcune esperienze in corso, quantitativamente più modeste ma altrettanto significative.
Forum PA, in partnership con l’Azienda ULSS n. 8 di Asolo, si fa promotore di questo
appuntamento dando seguito a due precedenti importanti convegni, che negli ultimi mesi hanno portato a disegnare un percorso di approfondimento: a Castelfranco Veneto, nello scorso ottobre, sugli scenari tecnologici, economici, giuridici e gestionali del cloud; a Gerusalemme, nel marzo di quest’anno, assieme ad istituzioni israeliane, sulle buone applicazioni cliniche. Prima di un quarto appuntamento a Stoccolma, nel prossimo novembre, dedicato al nuovo framework creato dal cloud, proponiamo questo seminario che vuole contribuire a una riflessione sull’elaborazione delle nuove regole per il cloud, trovando quel punto virtuoso di equilibrio che consente di regolare e promuovere un paradigma che è una chance per tutti.

15:00
18:00

Agenda Digitale italiana - Lo sviluppo dell’e-commerce[C.02]

 La strategia di Agenda Digitale Italiana per l’area E-commerce si propone alcuni obiettivi prioritari che saranno alla base del convegno proposto:

 

  • Massimizzare la diffusione della moneta elettronica e dell’e-payment, con conseguente emersione dei capitali nascosti
  • Stimolare l’accesso delle piccole e medie imprese al mercato online
  • Promuovere presso i cittadini una maggiore certezza complessiva verso l’utilizzo dei canali digitali d’acquisto

15:00
18:00

Dall’ascolto al miglioramento organizzativo. Customer Satisfaction e Qualità dei servizi nel Performance Management[C.12]

La qualità dei servizi pubblici è un tema più che mai centrale nell’agenda del Paese. In una situazione di crisi la Pubblica Amministrazione non può sottrarsi alla sfida delle performance e dell’offerta di risposte adeguate alle esigenze dei cittadini, conciliandole con le esigenze di finanza pubblica. Questo significa fare meglio, con meno: operare per il continuo miglioramento delle prestazioni nel quadro di una attenzione crescente alla ottimizzazione delle risorse, alla selezione delle priorità, alla produttività, efficienza e qualità dei servizi erogati, alle misure di soddisfazione dei cittadini.

La riforma della Pubblica Amministrazione con il D.Lgs. 150/2009, del resto, ha introdotto il performance management proprio nel quadro di una visione citizen centric della PA dove servizi, prestazioni, valutazioni di efficacia e qualità sono viste dal lato del cittadino e rispetto alla capacità di soddisfare bisogni. Il decreto di riforma ha indicato chiaramente gli
strumenti per raggiungere livelli di performance, qualità, partecipazione e trasparenza dell’azione pubblica. Tra questi, è centrale il punto di vista dei cittadini: la rilevazione della soddisfazione rispetto ai servizi erogati, la valutazione delle politiche pubbliche, la misurazione della qualità sono inseriti a pieno titolo nel ciclo delle performance e nei processi di miglioramento di prestazioni e servizi.

La giornata di lavori propone una riflessione sul rapporto tra performance, valutazione e miglioramento della qualità dei servizi, inserendo in questa cornice il ruolo del Customer Satisfaction Management nella pianificazione strategica e nel ciclo delle performance. Il seminario è anche l’occasione per presentare risultati e linee di azione del progetto MiglioraPA, coordinato dal DFP e rivolto alle amministrazioni delle regioni obiettivo convergenza con la finalità di rafforzarne la capacità amministrativa di utilizzare strumenti di CSM per migliorare i propri servizi e le proprie prestazioni.

15:00
18:00

La riforma delle Province, la definizione delle funzioni degli Enti Locali e la Carta delle Autonomie[C.01]

 La Commissione affari costituzionali del Senato ha ripreso, l’11 aprile scorso, l’esame del disegno di legge “Individuazione delle funzioni fondamentali di Province e Comuni, semplificazione dell’ordinamento regionale e degli enti locali, nonché delega al Governo in materia di trasferimento di funzioni amministrative, Carta delle autonomie locali. Riordino di enti ed organismi decentrati” già approvato dalla Camera dei deputati il 30 giugno 2010.

L’esame del testo di riforma della Carta delle Autonomie si era poi arenato per lungo tempo.

Il convegno, partendo dal dibattito sulla riforma delle province, si occuperà poi di alcuni punti chiave: funzioni dei comuni; funzioni delle province, riordino degli altri enti territoriali, obbligo di esercitare le funzioni in forma associata, la soppressione degli enti.

15:00
15:45

Abruzzo e il Fondo Sociale Europeo. La buona politica esiste[K.48]

Il Fondo Sociale Europeo è fiore all'occhiello dell'attività della Regione Abruzzo. L’attuazione di percorsi di gestione innovativi, spesso sfociati in best practice quali i bonus assunzionali e le politiche mirate per le donne e i giovani, sono divenuti leva strategica per la crescita e lo sviluppo”.

Un importante momento di informazione e confronto sullo stato di attuazione della programmazione FSE regionale e sugli interventi innovativi e di successo realizzati in Abruzzo, come il recente avviso “La crescita è Donna".

15:00
18:00

Linea Amica: la PA al servizio del cittadino[C.34]

Linea Amica, il servizio multicanale di ascolto e risposta al cittadino, avviato nel 2009 dal Ministero per la PA e la Semplificazione e realizzato attraverso la partecipazione attiva dei più importanti contact center d’Italia e di oltre 1200 strutture pubbliche di risposta al cittadino, presenta i risultati e le strategie del 2012. Dopo un bilancio fatto di circa 750.000 contatti e oltre 420.000 ticket gestiti, con un gradimento rilevato di circa il92%, Linea Amica punta ora ad elevare ed uniformare gli standard di servizio e favorire un uso massiccio dei servizi on line.

Infatti tra le novità c’è la nuova piattaforma del Portale degli italiani, www.lineaamica.gov.it, la porta di accesso unica alla PA lanciata un anno fa e che già registra in media 10.000 contatti giornalieri. Il Portale consente al cittadino di usufruire in modo semplice e veloce di tutti i servizi delle amministrazioni centrali e locali nonché di ricevere notizie aggiornate e risposte a vari quesiti.

Nel corso del convegno si terrà la premiazione della settima edizione del Concorso Nazionale “La PA che si vede, la Tv che parla con te”. Il Premio, promosso dalla Presidenza del Consiglio - Ministero per la PA e la Semplificazione e organizzato da Formez PA in collaborazione con il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, ha la finalità di valorizzare la creatività e le professionalità coinvolte nei processi di produzione informativa di nuova concezione, capaci di sfruttare al meglio le potenzialità associate del web, del video, dellatv digitale e della mobile tv.

E’ previsto un saluto del Ministro per la PA e la Semplificazione, Filippo Patroni Griffi.

Saranno presenti i vertici delle Dieci Sorelle di Linea Amica,gli enti maggiormente rappresentativi del Network che sin dal 2009 hannocontribuito al successo dell’iniziativa

15:00
15:45

Smart Cities: il Mobile Payment per semplificare l’accesso ai servizi pubblici.[O.08]

Le nuove tecnologie consentono di rendere piu accessibile ed efficiente l’accesso ai servizi da parte del cittadino, tra questi il pagamento dei mezzi di trasporto pubblici, il pagamento dei parcheggi e l’accesso alle zone a traffico limitato sono quelli di piu’ immediata adozione e di maggiore interesse.

15:00
17:00

Digitcafè. Il nuovo portale e le regole tecniche per il Repertorio nazionale dei Dati territoriali[lab.195a]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

15:00
15:30

Servizi consolari a distanza[lab.81]

Nell’officina sarà presentato il portale dei servizi consolari a distanza, dedicato all’offerta di servizi telematici in favore dei connazionali residenti all’estero.
Il portale si compone di circa 70 servizi, raggruppati in otto categorie tematiche, che costituiscono l’insieme delle prestazioni consolari erogati dalla Rete del Ministero degli affari esteri. Più nel dettaglio, al connazionale sarà possibile ottenere documenti e certificati, avviare ogni tipo di procedimento, accedere alla propria scheda anagrafica, chiedere e ottenere informazioni. Tramite il sito si può inoltre seguire l’andamento della pratica, dialogare con il consolato, utilizzare forme di messaggistica avanzata.
A ciò si aggiunga la disponibilità di forme di pagamento a distanza, integrate con il “nodo dei pagamenti” realizzato da DigitPA, per concludere l’intera procedura senza che sia necessario muoversi da casa.
Il progetto s’inserisce da un lato nelle linee d’innovazione tecnologica proprie del MAE e, dall’altro, anticipa i contenuti della “agenda digitale italiana”, in quanto accresce il panorama delle applicazioni e-gov e dei servizi erogati attraverso il web.
La presentazione sarà accompagnata dalla proiezione di un video illustrativo.

 

15:00
15:45

Open data nella PA Centrale: Funzione Pubblica e ISTAT[lab.154]

Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

15:00
17:00

Esperienze di riorganizzazione, reingegnerizzazione e autoanalisi organizzativa degli Uffici Giudiziari[lab.142a]

Per rendere l’azione degli Uffici Giudiziari più efficace sotto il profilo amministrativo e più efficiente sotto il profilo economico, occorre ripensare l’organizzazione e reingegnerizzare i processi di lavoro coinvolgendo il personale nel percorso di modernizzazione, al fine di ottenere condivisione e collaborazione e  sviluppare la consapevolezza che “modernizzare ed innovare è possibile”. Il punto di partenza di questo processo è la conoscenza dei punti di forza e di debolezza organizzative dell’Ufficio Giudiziario, acquisita anche attraverso strumenti di autovalutazione quali il Common Assessment Framework. Nel seminario verranno presentate e discusse esperienze concrete di realizzazione di passi significativi di questo complesso percorso.

15:00
16:00

NetApp per i Citrix Virtual Desktop[lab.32a]

NetApp è presente al Forum PA per presentare le proprie soluzioni per il mercato delle Pubbliche Amministrazioni centrali e locali. In questo momento di mercato in cui i budget sono sempre più ridotti, poter contare su un fornitore di sistemi di archiviazione dei dati attento all’innovazione e all’efficienza, consente di ottenere di più utilizzando meno risorse.
In particolare, durante i workshop verranno presentati tutti gli aspetti legati ai benefici di un approccio cloud e all’evoluzione della virtualizzazione per i desktop.
La virtualizzazione dei desktop sta diventando sempre più una soluzione apprezzata dagli IT manager, in quanto capace di garantire una maggiore sicurezza e flessibilità, unite ad una riduzione dei costi. Le soluzioni NetApp, in virtù della loro efficiency, riescono a far ridurre i costi per i prorpi clienti, creando valore che in ambito di pubblica amministrazione, può andare direttamente a favore del cittadino.
NetApp è tra i leader mondiali nelle soluzioni di storage unificato che permettono a organizzazioni in tutto il mondo di gestire e proteggere una delle loro risorse più preziose: i dati. NetApp offre soluzioni innovative grazie anche a partnership strategiche con leader di mercato come, tra gli altri, Citrix, Cisco, VMware, Micsosoft, Fujitsu. NetApp ha realizzato un fatturato superiore ai 5 mld $ nel FY 2012, con oltre 150 sedi nel mondo e 11.000 dipendenti.

15:00
16:00

Risparmiare ed aumentare la produttività integrando i sistemi di comunicazione (presenza, web conferencing, VoIP): l’esperienza del Comune di Mantova[lab.37]

La capacità delle organizzazioni pubbliche di affrontare con successo il cambiamento è direttamente legata alla possibilità che i propri dipendenti possano svolgere al meglio il proprio lavoro ed accedere e gestire al meglio le informazioni e la conoscenza.

Attraverso l’esperienza del Comune di Mantova nell’ambito di questo incontro si intende analizzare le possibilità offerte dalle moderne tecnologie di collaborazione e comunicazione integrate al servizio di un ente pubblico.

Queste soluzioni infatti permettono di aumentare la produttività dei gruppi di lavoro e di abbassare sensibilmente i costi  eliminando o riducendo le necessità di spostamenti per partecipare alle riunioni permettendo di coinvolgere anche persone esterne all’azienda (consulenti esterni, personale di altri enti, colleghi in modalità di tele-lavoro oppure in mobilità sul territorio). Posta elettronica, Instant Messaging, Audio/Video Web Conference, VoIP e social collaboration: nel corso della sessione vedremo come grazie alla tecnologia tutti i canali di comunicazione posso essere tenuti sotto controllo da qualsiasi luogo in modo semplice ed intuitivo.

15:00
16:00

I progetti finanziati con i Fondi Europei: disponibilità di dati aperti in Italia e in Europa[lab.171]

Quali dati sono attualmente disponibili in formato aperto sui progetti e i beneficiari dei Fondi Strutturali in Italia e in Europa?
Viene presentato uno studio realizzato dal Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica sulle modalità di pubblicazione via web delle liste dei beneficiari dei Programmi Operativi co-finanziati dai Fondi Strutturali Comunitari, anche rispetto a quanto previsto per il 2014-2020. L’analisi individua i modelli più comuni di pubblicazione dei dati, evidenziandone punti di forza e di debolezza identificando buone pratiche da riutilizzare.Sulla base di questo studio, è stato effettuato anche un primo riuso finalizzato ad una visualizzazione territoriale interattiva del livello di trasparenza raggiunto nelle regioni dell’Europa.
I dati grezzi della rilevazione effettuata sono disponibili in formato open sul sito del Dipartimento. 

15:00
16:00

Innovare la comunicazione interna per migliorare la qualità della comunicazione con il cittadino. L'esperienza della Regione Campania[lab.135]

Obiettivo dell'iniziativa è presentare SI-URP, la piattaforma tecnologica di comunicazione interna dell'URP della Regione Campania, quale best practice per il miglioramento della qualità e dell'efficacia della comunicazione con il cittadino. Il software, attivato negli scorsi mesi, è stato progettato e gestito da personale dell'URP e realizzato in collaborazione con il Centro Regionale Elaborazione Dati (CRED) della Regione Campania anche nell'ottica del riuso da parte di altre PA.
L'idea-forza che ha spinto i due uffici a collaborare per realizzare il progetto si fonda sull’importanza di innovazione tecnologica e organizzativa quali leve per garantire un'efficace comunicazione tra l'URP e gli uffici della Regione Campania, con un conseguente significativo miglioramento della comunicazione con il Cittadino.

 

15:00
16:30

Apulian ICT Living Labs: un nuovo paradigma per l'Innovazione in Puglia[lab.45]

“Apulian ICT Living Labs” è un nuovo approccio nelle attività di ricerca, dove l'utente partecipa attivamente allo sviluppo e alla sperimentazione di soluzioni innovative, realizzate attraverso l’uso delle Tecnologie dell’Informazione e delle Comunicazioni (ICT), definendo le specifiche di nuovi prodotti e servizi e valutando i primi prototipi.

Adottando questa metodologia, la Regione Puglia mette a disposizione delle PMI pugliesi del settore ICT, 15 milioni di euro dal Programma Operativo FESR 2007-2013,  Obiettivo Convergenza “Investiamo nel vostro futuro”, Asse 1, Linea di intervento 1.4, Azione 1.4.2 “Supporto alla crescita e sviluppo di PMI specializzate nell’offerta di contenuti e servizi digitali” per sviluppare e valorizzare soluzioni innovative e metterle a disposizione delle aziende, delle famiglie e dell’intera regione.

“Apulian ICT Living Labs” prevede la costituzione di un partenariato composto da almeno tre soggetti con sede operativa nella Regione Puglia, uno per ciascuna delle tre categorie: Piccola e Media Impresa del settore ICT; soggetti collettivi dell’utenza finale, del  sistema socioeconomico regionale ed Enti Pubblici; Laboratori di Ricerca riconosciuti dal MIUR.

I settori interessati sono: Ambiente, Sicurezza e Tutela Territoriale; Beni Culturali e Turismo; Energia; Governo elettronico per la PA; Inclusione Sociale e Invecchiamento attivo e in salute; Istruzione ed Educazione; Industria Creativa; Trasporti e Mobilità.

"Apulian ICT living labs" è un progetto della Regione Puglia, Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l’Innovazione, Servizio ricerca industriale e innovazione ed è affidato per la realizzazione a InnovaPuglia, società in house per l’innovazione strategica ICT della Regione Puglia.

15:00
17:00

Proposte IBM per l’agenda digitale: riflessioni a confronto sui possibili modelli di trasformazione dell’ecosistema pubblico alla luce dei fenomeni dell’eGovernment e Open data.[w.61]

Il master intende presentare la visione IBM sull’agenda digitale italiana, con particolare riferimento al tema dell’eGovernment e degli Open data. Il punto di vista IBM, basato su una visione di trasformazione sistemica dell’infrastruttura pubblica, verrà presentato e discusso con alcuni dei potenziali stakeholder dell’ecosistema pubblico al fine di valutare scenari e percorsi possibili.

15:00
16:00

Le condizioni economiche delle famiglie[w.09a]

Il master intende fornire un sintetico quadro di riferimento delle principali misure attualmente utilizzate per l’analisi delle condizioni economiche delle famiglie, con particolare riferimento alle misure di povertà. Alla presentazione del contesto teorico e metodologico, che ha portato alla definizione e alla messa a punto dei principali indicatori e delle fonti di riferimento, segue l’illustrazione del contenuto e del significato dei principali indicatori. Attraverso l’analisi degli indicatori disponibili per l’Italia, vengono, infine, presentati i principali tratti caratteristici delle condizioni economiche e di povertà delle famiglie residenti nel nostro paese.

15:00
16:00

L'efficienza energetica negli usi finali dell'energia: benefici e strumenti di supporto[w.58]

Il workshop ha l'obiettivo di fornire una panoramica sui benefici connessi all'efficienza energetica negli usi finali dell'energia e sui relativi meccanismi di supporto. Verranno in particolare trattati gli elementi di base del meccanismo dei titoli di efficienza energetica e le principali novità introdotte nell'anno 2011.

15:00
15:50

Nuovo CAD: nuove sfide e nuovi obiettivi per la PA. Le soluzioni RSA per rispondere alle nuove esisgenze[w.38]

e-government 2012 – Nuovo CAD - Agenda Digitale. Obiettivo: garantire la sicurezza dei sistemi informativi e delle reti, costruire un rapporto “digitale” tra la PA ed il cittadino.
L'Art.51 del Nuovo CAD definisce l'importanza della sicurezza dei dati, dei sistemi e delle infrastrutture. Il codice introduce disposizioni importanti sulla continuità operativa e sul disaster recovery, dettando le regole per la predisposizione dei piani operativi.
RSA si propone come partner abilitante per l’orientamento delle nuove normative.

 

15:30
16:00

Realizzazione di impianto fotovoltaico sul palazzo della Farnesina[lab.78]

Il fabbisogno di energia elettrica del Ministero degli Affari Esteri viene soddisfatto mediante la fornitura di energia elettrica dalla rete dell’azienda distributrice (ACEA). In particolare per l’illuminazione esterna dell’edificio, il Mae sostiene un consumo annuo di energia elettrica pari a: 58.735 kWh stimato mediante i corpi illuminanti presenti pari ad un costo annuo di circa € 21.000.
La disponibilità degli ampi spazi di copertura di cui l’edificio del Ministero degli Affari Esteri è dotato (11.950 m2) ha permesso la loro valorizzazione per la produzione di energia da fonte rinnovabile (energia solare). L’autoproduzione dell’energia elettrica per l’illuminazione esterna dell’edificio della Farnesina permette inoltre la riduzione del fabbisogno di energia primaria; la riduzione delle emissioni climalteranti e nocive per l’ambiente; corrisponde alla normativa in tema di utilizzo di fonti rinnovabili ed assimilate (ai sensi dell’art. 1 L. 10 del 9 gennaio 1991 e del D.P.R. n. 412 del 26 agosto 1993 e s.m.i.) nonché si inquadra perfettamente  best practice “Farnesina Verde”.
Alcuni dati tecnici: superficie di copertura impegnata: 886 m²; Superficie totale pannelli: 299,74 m²; Numero totale pannelli: 184; Numero totale inverter: 4; Energia totale annua prodotta: 59.400,06 kWh; Potenza totale: 43.240 kW.
Alcuni dati economici: Costo totale: € 484.442,93; Ricavo totale: € 596.488,20; Saldo finale (20 anni): + € 112.045,27. Break even point: 15° anno dall’attivazione.
La presentazione sarà accompagnata dalla proiezione di slides.

15:30
17:00

Il Network della Formazione di Qualità e il Portale della Formazione[lab.173]

Il Progetto speciale “Una rete per la formazione di qualità” risponde all’intento della SSPA di porsi come punto di riferimento della formazione di eccellenza destinata ai dirigenti e funzionari pubblici per produrre, attraverso la cooperazione con le scuole di formazione delle pubbliche amministrazioni, le università e le altre strutture di formazione operanti nelle pubbliche amministrazioni, idee e soluzioni innovative per il continuo miglioramento della offerta formativa rivolta al personale delle pubbliche amministrazioni, nonché per l’analisi, la sperimentazione e la diffusione di metodologie e pratiche innovative.

15:30
16:30

PA e prodotti per la detergenza e la disinfezione: la sostenibilità tra i vincoli della normativa vigente e la spinta dell'innovazione[w.02a.2]

Un efficace sistema di pulizia e di igiene che tenga conto degli aspetti legati alla sostenibilità è un fattore determinante nel contenimento della spesa pubblica, ma la Pubblica Amministrazione ne è consapevole?

Spesso non sono conosciuti i vantaggi derivanti dall’applicare criteri di sostenibilità nella selezione dei fornitori e negli acquisti diretti, compresi quelli riguardanti le operazioni di pulizia e disinfezione degli ambienti. Oltre ad essere considerati prevalentemente un impegno oneroso, manca la percezione di quelli che sono i benefici non solo in tema di sicurezza e protezione ambientale, ma anche e soprattutto in termini economici.

Si parlerà di evoluzione dello scenario normativo nella detergenza e nei biocidi (REACH, classificazione ed etichettatura, Regolamento Biocidi) e dei pilastri della sostenibilità di Assocasa e la loro applicazione in alcuni progetti volontari come il “Charter per la pulizia sostenibile”

15:30
16:20

Comunicare al cittadino, il traino dell’open government.[w.05a]

La comunicazione migliore per riaffermare la centralità della PA nel contesto territoriale. Divulgare l’offerta di servizi al cittadino, trainare l’innovazione, aumentare la trasparenza e la qualità dei flussi informativi/amministrativi, proteggere e promuovere il territorio. Poste Italiane al servizio della PA, per gestire le sue comunicazioni, attraverso strumenti facilmente accessibili, innovativi e diversificati in funzione del target e dei contenuti.

15:30
16:30

Armonizzazione dei sistemi contabili nella Pubblica Amministrazione[w.17a]

“...L’armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di Bilancio delle Amministrazioni Pubbliche è finalizzata a sopperire alle molteplici criticità rilevate nell’attuale sistema, nell’ottica di una maggiore trasparenza e affidabilità dei dati della finanza pubblica..."

Per tale finalità, due decreti (DLgs 91 del 31/05/2011 e DLgs 118 del 23/06/2011) recano forti innovazioni alla disciplina delle procedure contabili: per gli enti pubblici non territoriali, il primo; per quelli territoriali e strumentali, il secondo. In accordo ad essi tutte le Amministrazioni Pubbliche hanno iniziato un percorso per armonizzare i propri regimi contabili, rendendo così più trasparenti e confrontabili i bilanci dei diversi livelli della PA.

Tale quadro normativo modifica sensibilmente le modalità gestionali necessarie per un'azione amministrativa di tipo "aziendalista" e richiede l’affiancamento di un sistema di correlazione tra attività e risultati a quello, obbligatorio, di contabilità finanziaria.

Nell’ambito del Master, verrà illustrato come l’offerta Oracle consenta a tutti i soggetti, attivi e non, di gestire le informazioni in modo semplice e con strumenti standard e di come, allo stesso tempo, metta a disposizione delle Amministrazioni modelli di processo predefiniti ed al contempo flessibili, in modo da poter essere facilmente rielaborati, per riflettere sia gli assetti organizzativi esistenti che sia quelli futuri e le scelte operative di ogni Amministrazione.

16:00
16:50

La riforma dell’amministrazione: il ruolo della Cassa Depositi e Prestiti per lo sviluppo e la competitività.[I.02]

L'amministrazione pubblica può essere un fattore di sviluppo, come una palla al piede del Paese. Franco Bassanini, Ministro della Funzione Pubblica nel primo Governo Prodi, nel secondo Governo D'Alema e nel secondo Governo Amato, Presidente di Astrid, che è il più importante think tank sulla riforma della PA, e Presidente della cassa Depositi e Prestiti spazierà dai temi del cambiamento della macchina pubblica a quelli più che attengono al ruolo della "mano pubblica" in economia.

16:00
17:30

L'applicazione del D.Lgs.150/2009 nelle Regioni dell'obiettivo convergenza: una opportunità per ripensare gli strumenti di programmazione e controllo dei POR[lab.103]

Il D.Lsg. 150 del 2009 ha  fornito una buona spinta alle amministrazioni  per migliorare i propri processi di programmazione e monitoraggio e  rendere più efficiente l’impiego delle risorse, ma è ancora scarsa l’attenzione che le amministrazioni regionali dedicano alla rilevazione del grado di soddisfazione dei destinatari. Come risulta dall’indagine che FormezPa ha realizzato nel 2011 sui punti  principali di  attenzione  da parte delle Regioni ai diversi principi del D. Lgs. 150,  il 2011 è stato un anno di  revisione dei processi con uno sguardo rivolto prevalentemente all’interno dell’amministrazione, ma nel 2012 si dedicherà maggiore attenzione agli stakeholder e alla comunicazione, per rendere più efficaci e trasparenti le scelte e le policy.
L’applicazione del D.Lgs. 150/2009 ha costituito un’ opportunità  per creare sinergie e applicare modelli di cooperazione e collaborazione all’interno dell’amministrazione. Nelle due Regioni di cui si illustreranno le esperienze, Calabria e Puglia, ciò ha consentito, con riferimento alle diverse policy regionali l’attivazione del ciclo della performance secondo metodologie comuni e con modalità condivise, superando quella segmentazione settoriale che aveva in passato contraddistinto l’approccio di molte amministrazioni nei confronti dei POR.
Questi miglioramenti dei processi di programmazione e valutazione sono potuti avvenire anche grazie all’apporto del Progetto Innovare, realizzato da FormezPA su mandato del Dipartimento della Funzione Pubblica,  che nel 2011 e in questi primi mesi del 2012 hafornito un costante supporto alle amministrazioni regionali dell’Obiettivo Convergenza  per rendere più efficace ed integrato l’utilizzo  degli strumenti del performance management.  

16:00
17:00

Il programma LLP Leonardo da Vinci: le opportunità di finanziamento del bando 2013[lab.56]

Il Workshop è finalizzato alla presentazione del Programma Life long Learning, con un focus specifico sul sotto-programma Leonardo da Vinci, anche in vista della prossima uscita del bando di chiamata 2012 che interesserà i progetti multilaterali di trasferimento di innovazione e i progetti di mobilità. L’occasione consentirà di fornire informazioni utili alle caratteristiche del programma LLP, alle opportunità di finanziamento e alle modalità di accesso alle opportunità.

Inoltre saranno illustrati gli elementi centrali del nuovo Label – Bando Europeo delle Lingue ed anche in questo caso verranno fornite informazioni pratiche per la partecipazione alla competizione.

Infine la presenza dell’Indire di Firenze consentirà di illustrare, per linee generali, le opportunità aperte dagli altri programmi (Erasmus, Grundvig,ecc.) previsti dal Life Long Learning Programme. 

16:00
17:00

Dematerializzazione: consigli e guida pratica per portare efficienza ed efficacia nelle amministrazioni dell’era digitale[lab.34]

Durante l’incontro vengono illustrati:

  • Gli elementi fondamentali che determinano il successo derivante dall’introduzione e dall’utilizzo delle soluzioni di BPM ed Organization Intelligence all’interno delle amministrazioni che si sono impegnate in progetti di dematerializzazione dei documenti e dei processi seguendo le indicazioni del nuovo CAD.
  • L’importanza che i dati destrutturati assumono all’interno delle organizzazioni, e quanto la lavorazione di questi dati sia fondamentale.
  • Oltre il Protocollo Informatico e la Conservazione Sostitutiva: le soluzioni di BPM ed Organization Intelligence assumono un ruolo fondamentale nel fornire risposte concrete ed affidabili per affrontare e risolvere le esigenze delle amministrazioni “2.0”, offrendo loro la possibilità di dotarsi dell’infrastruttura necessaria per disegnare, sviluppare ed automatizzare in autonomia le procedure di lavorazione delle informazioni, eliminando colli di bottiglia ed inefficienze che generano costi.
  • Descrizione degli aspetti fondamentali da curare per introdurre con successo una soluzione di BPM ed Organization Intelligenze all’interno delle organizzazioni, ed ottenere rapidamente un ritorno dell’investimento (ROI).
  • Casi di studio. Pubbliche amministrazioni che hanno adottato queste soluzioni per portare efficienza ed efficacia nei propri processi e procedure con descrizione di alcuni dati sul Ritorno dell’Investimento.

Intervento in collaborazione con It Consult e FILAS (a cura dell’Ing. Stefano Gasparri, Responsabile Tecnologico di Filas, Finanziaria della Regione Lazio).

16:00
17:00

Portale PESC/PSDC[lab.22]

Il Portale PESC/PSDC è stato concepito come strumento di rilevanza esterna ed interna: infatti non solo vuole essere uno strumento di informazione per coloro che sono interessati ai temi e alle iniziative della Politica Estera, di Sicurezza e Difesa Comune (PESC/PSDC) ma anche uno strumento operativo interno grazie al quale razionalizzare il lavoro dell’intera Unità.

Il Portale si prefigge l’obiettivo di fornire una informazione aggiornata ed esaustiva sui principali temi afferenti a quattro macro-aree (PESC, PSDC, questioni istituzionali e finanziarie e sanzioni). Sono quindi disponibili sul sito documenti pubblici ed informazioni aggiornate su tutti dossier rilevanti, incluse le missioni civili e militari dell’UE in corso e concluse. Di particolare interesse è la sezione dedicata alle sanzioni, contenente un quadro completo delle misure restrittive adottate dall’UE negli ultimi anni, suddivise per Paese.

16:00
16:45

Introduzione all'Open Data[lab.152a.2]

Il seminario introduce il tema dei dati aperti e contestualizza il fenomeno in Italia. Partendo da una definizione di dato pubblico aperto, vengono affrontate questioni riguardanti gli aspetti tecnici e normativi dei dati governativi, per poi arrivare ai principali esempi italiani ed esteri di pubbliche amministrazioni che hanno intrapreso un percorso di apertura della proprie informazioni ed esposizioni dei proprio dati in formato aperto. Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

16:00
17:00

Mydoctor@home:l’ innovativo servizio di teleassistenza domiciliare[lab.113]

Mydoctor@home è un innovativo servizio di teleassistenza domiciliare che consente ai pazienti il monitoraggio da casa dei propri parametri fisiologici attraverso il telefono cellulare, migliorandone la qualità della vita e consentendo una significativa riduzione dei costi per il sistema sanitario.

La soluzione Mydoctor@Home, consente ai pazienti di misurare alcuni parametri fisiologici dalla propria abitazione, attraverso l’uso di semplici dispositivi di rilevazione portatili e senza fili (forniti dall’Azienda al paziente), e successivo invio automatico tramite cellulare delle misure al centro medico ospedaliero di riferimento, utilizzando una piattaforma informatica messa a punto da Telecom Italia. Il medico dell’Azienda, interpretate clinicamente le misure, monitorizza l’andamento della terapia ed attiva eventuali azioni correttive (es. variazione terapia, variazione frequenza misure, ecc) oppure segnalando il problema al Medico di Famiglia del paziente.

Gli obiettivi attesi dal servizio di tele monitoraggio sono molteplici:

4      Migliorare la qualità di vita dei pazienti che possono essere tenuti sotto controllo direttamente da casa propria senza doversi recare presso un ambulatorio o l’ospedale

4      Offrire ai medici curanti le informazioni per poter avere sotto controllo la situazione delle misure effettuate dal paziente in tempo reale, senza dover dedicare del tempo ad una visita dedicata.

4      Supportare l’assistenza ospedaliera e domiciliare attraverso l’utilizzo di tecnologie biomedicali e dell’ICT che facilitino il monitoraggio del paziente ed il suo rapporto con il referente clinico più adeguato (medico curante e/o medico specialista, infermiere, assistente domiciliare)

4      Contribuire a ridurre i costi: un paziente adeguatamente monitorato può essere deospedalizzato in anticipo, e può usufruire di cambiamenti di terapia farmacologica mirati. Entrambi gli aspetti, oltre a costituire un vantaggio per la qualità della vita e per la salute del paziente, comportano minori costi per la struttura sanitaria, anche in termini di rientri ospedalieri

4      Produzione di lavori scientifici

16:00
17:00

Leggere la congiuntura e il ciclo economico[w.10a]

Il corso intende fornire un primo quadro di conoscenze utili per leggere gli indicatori congiunturali, offrendo alcuni strumenti di base per gli utilizzatori non esperti di dati economici. In particolare, si vuole integrare le diverse informazioni all’interno di uno schema interpretativo che, seppure molto semplificato, permetta una prima lettura dell’evoluzione delle maggiori variabili economiche.

 

16:00
17:00

Smart City per i beni culturali[w.29a]

Negli ultimi anni la diffusione delle informazioni disponibili sul web sta aumentando in maniera esponenziale. Per gli utenti diventa sempre piùdifficile districarsi nella miriade di dati che trovano in rete. Per la Pubblica Amministrazione e per gli sviluppatori la sfida consiste nel riuscire a integrare dati disomogenei fra loro, valorizzandoli e cercando di migliorarne usabilitàe interoperabilità.

Le mappe diventano l’interfaccia per inglobare informazioni differenti fra loro. Il mezzo ideale per comunicare con i cittadini in maniera efficiente o per mettere a disposizione dei turisti percorsi culturali aggiornati e interattivi. Uno strumento con il quale èpossibile effettuare ricerche e scoprire risorse altrimenti impossibili da trovare. Ed èfondamentale che gli utenti possano consultare le mappe da qualsiasi dispositivo e in qualunque momento della loro giornata. Per questa necessitàc’èbisogno di una piattaforma che offra una perfetta compatibilitàcon la maggior parte dei device.

Settori come il turismo o la Pubblica Amministrazione possono trarre enormi vantaggi utilizzando i dati e le informazioni territoriali raccolte e hanno la possibilitàdi aumentarne il valore processandoli con strumenti di analisi, widget e applicazioni.

Scube NewMedia presenta in questo master le innovative funzionalitàdelle mappe e di come un sistema di gestione dei contenuti geospaziali possa rendere semplici, divertenti ed efficaci le quotidiane operazioni di ricerca sul territorio. 

16:30
17:20

Gestione Documentale: la leva fondamentale per migliorare il servizio al cittadino e ridurre i costi della PA.[w.32a]

La nuova visione “open government” vede nell’innovazione, nella semplificazione e nella Digitalizzazione le leve fondamentali per migliorare i servizi offerti ai cittadini, incrementando l’efficienza e riducendo i costi.

L’esigenza di dotarsi di soluzioni in grado di realizzare questo delicato passaggio si sposa perfettamente con l’identificazione del partner capace di garantire servizi e soluzioni integrate finalizzate a velocizzare il cambiamento.

16:30
17:30

Citizen Experience. Quando ad essere importante è sia la meta che il viaggio[w.18a]

La Citizen Experience, ovvero il modo in cui il Cittadino esperisce il suo rapporto con la Pubblica Amministrazione, è ben altro che essere una soluzione software, un progetto e, forse, anche un programma. La Citizen Experience è una rotta, che ci indica cosa dobbiamo fare per rendere tale rapporto un’esperienza che vada oltre il mero esercizio dei nostri diritti e l’ottemperanza dei nostri doveri.

Partecipare alla vita pubblica, infatti, è fondamento dell’esserne parte e non si può essere soggetti passivi rispetto ad essa: l’esserne parte equivale a prenderne parte. La partecipazione alla vita pubblica è un momento di continuo confronto tra il nostro volerla vivere ed il poterlo fare in modo coerente con le regole che un sistema tanto complesso deve necessariamente darsi.

La Citizen Experience, quindi, ridisegna il modello di relazione, cercando di sostenerlo piuttosto che vincolarlo: la relazione tra il Cittadino e la Pubblica Amministrazione è un fenomeno sociale, che si modella sulla base di dinamiche difficilmente canalizzabili e la tecnologia, da questo punto di vista, deve avere un ruolo di sostegno piuttosto che di indirizzo.

Nell’ambito del Master, verrà illustrato come Oracle sostiene tale modello, attraverso una soluzione modulare, che possa assemblarsi in modo da adattarsi a differenti modelli, i quali, pur sposando il concetto generale della Customer Experience, si contestualizzano sugli specifici obiettivi che ciascuna Amministrazione ha.

17:00
17:45

Cambiare modello: le proposte di Stati Generali dell'Innovazione per l'Agenda Digitale[K.19]

 L’associazione Statigeneralinnovazione.it (senza fini di lucro e che conta più di 100 associazioni aderenti, 2000 iscritti tra i diversi gruppi sulle community web) è promossa da un network di associazioni, aziende e privati cittadini che credono che le migliori opportunità di crescita per il nostro Paese siano offerte dalla creatività dei giovani, dal riconoscimento del merito, dall'abbattimento del digital divide, dal rinnovamento dello Stato attraverso l'Open Government.

Apartitica e senza collocazione di area politica, SGI vuole costituire un punto di riferimento per chi opera nell'area dell'innovazione, attraverso il coinvolgimento diretto dei soggetti più attivi e dei politici interessati, finalizzato a costruire un programma per l'innovazione nel governo dell'Italia.
Dopo un breve intervento sull'associazione e sulle sue modalità operative, verranno illustrate le proposte di SGI per l'Agenda Digitale così come anticipate nel primo eBook della Collana "Cambiamo Modello" dal titolo "Metti in agenda il futuro del Paese" http://www.garamond.it/index.php?pagina=846
Illustreremo infine la roadmap dei prossimi interventi dell'associazione e saranno graditi interventi dalla platea per condividere proposte, attività, idee per sviluppi futuri.

17:00
17:45

La storia dell'Open data nei Paesi Baschi[K.06]

Open Data Euskadi è il servizio pubblico del Governo basco che mira all’empowerment dei cittadini attraverso l’utilizzo dell’informazione pubblica per generare nuova informazione, trasparenza e valore economico.  Open Data Euskadi, che ha da poco compiuto 2 anni, conta ad oggi 2000 database, 1000 utenti registrati, 500 download mensili.  Nel contesto più ampio delle politiche sull’Open Government nei Paesi Baschi sono stati registrati interessanti successi che saranno presentati nel corso del key note e, proprio a partire da questi, si discuterà il modello basco, basato su 6 principi chiave. La prospettiva è lavorare in maniera congiunta, settore pubblico e settore privato, per raccogliere i benefici economici e sociali dell’open data su scala europea.

17:00
18:00

Conoscere per lavorare: il sistema documentale ISFOL. Strumenti e percorsi di ricerca dei documenti utili per l’orientamento formativo e professionale - Open access per la ricerca pubblica[lab.57]

Presentazione del sistema della documentazione scientifica Isfol (OPAC e repository istituzionale) alla luce degli sviluppi che i sistemi strutturati di documenti ed informazioni stanno avendo in seguito all’adozione di politiche di open access.    

17:00
17:50

Unioni di Comuni: Il riordino degli Enti Locali come volano di ripresa nazionale[w.14a.3]

Il complesso percorso aggregativo dei piccoli Comuni calabresi.

E’ ormai in fase avanzata il progetto di Animazione Istituzionale “Unioni di Comuni” della Regione Calabria, di cui la Fondazione Field è soggetto attuatore.

Alla luce del nuovo contesto normativo, è apparso utile prevedere un percorso di supporto agli enti che si muova lungo più direttrici operative e consolidi, da un lato, l’azione di affiancamento precedentemente svolta dalla Field nei confronti degli Enti Locali calabresi, favorendo dall’altro sinergie con soggetti quali le Università, la Scuola Superiore di Scienze delle Amministrazioni Pubbliche dell’UNICAL, l’ANCI, la Lega Autonomie e le altre istituzioni interessate a migliorare la gestione della cosa pubblica – a cominciare,

proprio, dall’attività dei Comuni – così contribuendo al processo, in atto, di riforma delle istituzioni nazionali e locali.

Lo strumento del quale si è ritenuto di doversi avvalere è quello di un Laboratorio Dinamico di Animazione Istituzionale per lo sviluppo di competenze e scambio di esperienze propedeutiche alla Costituzione di Unioni di Comuni.

Per il conseguimento di questi obiettivi, considerate le oggettive complessità di costituzione di detti organismi sovracomunali, i piccoli comuni calabresi hanno quindi trovato un valido interlocutore nella Regione Calabria, per il tramite della Fondazione Field e della presenza in loco degli animatori territoriali che intervengono in veste di facilitatori dei processi di sviluppo locale e di ammodernamento della P.A., accompagnando e favorendo l’avvio e l’attuazione di politiche, progetti ed iniziative di aggregazione.

D’intesa con le Amministrazioni che hanno voluto aderire al progetto e sulla base di oggettivi criteri di efficienza, le attività si stanno svolgendo presso la sede di uno dei Municipi partecipanti alla futura associazione. Il tutto è fornito a titolo gratuito, senza alcun onere per i Comuni. Nel contempo, sempre

attraverso l’utilizzazione dei fondi europei, la Regione Calabria ha integrato il Progetto “Unioni di Comuni” con il programma di implementazione dell’Agenda Digitale Locale per le piccole comunità grazie alla collaborazione fra la stessa Field Calabria ed il CEMSDI (Civil- servants Empowerment for Multi-media Service Delivery ICT-enabled). L’adesione ufficiale della Field al CEMSDI, progetto europeo che mira a formare amministratori e tecnici di comunità locali per la gestione e l’utilizzo delle ICT ((Information and Communication Technologies) nel governo del territorio e dei servizi pubblici (eGovernment), è stata ufficializzata nel corso di una importante conferenza tenutasi a Roma presso la Sala Nassirya di Palazzo Madama: una strategia di sviluppo che passa attraverso la predisposizione di un ambiente formativo

rivolto in particolar modo ai piccoli comuni, al fine di colmarne il divario digitale, in modo da poter rendere più efficienti i servizi della Pubblica Amministrazione.

Allo stato dell’arte, dalla fine di Luglio 2011 ad oggi, nell’ambito del Progetto “Unioni di Comuni” sono pervenute alla Fondazione Field n. 294 richieste di assistenza tecnica da parte dei Comuni e sono già state effettuate n. 148 analisi del fabbisogno, che rappresenta la fase di ricerca che precede la progettazione del percorso di aggregazione delle funzioni. Il percorso in esame è un work in progress in cui si sta delineando un’ipotesi di costruzione di circa 20 aggregazioni intercomunali, 6 rivitalizzazioni di unioni già esistenti ed 1 nuova Unione.

Ciò che è certo è che, alla vigilia di queste importanti trasformazioni istituzionali, il Progetto “Unioni di Comuni” è stato legittimato quale best practice di governo locale esportabile e replicabile in contesti extraregionali,

per l’unicità e l’innovatività delle azioni implementate a sostegno dei processi in atto nel Paese, proiettando la Regione Calabria in ambito nazionale quale esempio virtuoso di amministrazione moderna e riformatrice.

giovedì, 17 maggio mattina

09:30
11:00

Procedura telematica per gestione delle autorizzazioni uniche di impianti da Fonti energetiche rinnovabili[lab.46]

Sarà illustrata, anche direttamente dal portale telematico www.sistema.puglia.it, la procedura che consente di depositare ed analizzare tutta la copiosa documentazione progettuale richiesta a corredo delle istanze di autorizzazione unica ex D. Lgs 387/2003 senza scambio di corrispondenza cartacea. La procedura consente di gestire tutte le possibili fasi dell’iter autorizzativo fino alla convocazione della Conferenza di Servizi e soprattutto facilita l’istruttoria tecnica dei progetti anche da parte degli enti partecipanti alla Conferenza. Attraverso l’interfaccia con il sistema informativo territoriale, è possibile evidenziare con immediatezza e su supporto cartografico le eventuali interferenze con vincoli esistenti e con le aree non idonee all’installazione di impianti da fonti energetiche rinnovabili.

La procedura è corredata da un sito FAQ costantemente presidiato che gestisce in maniera separata i quesiti di ordine tecnico-informatico da quelli inerenti gli aspetti procedurali

09:30
11:30

Previdenza complementare: avviare una campagna d'informazione previdenziale - Diversificazione del rischio[lab.58]

Oggi è sempre più difficile sostenere l’adesione ai fondi pensione. Le crisi finanziarie di questi anni hanno ulteriormente frenato l’affermazione del 2° pilastro. Eppure, la crisi del debito “sovrano” e l’ennesimo recente intervento sulla previdenza obbligatoria che realizza da una parte la sostenibilità del sistema previdenziale lasciando però inalterata la necessità del 2° pilastro, dovrebbero spingere i lavoratori a “diversificare il rischio” aderendo alla previdenza complementare. L’adesione alla previdenza complementare potrebbe rappresentare, in tempo di crisi,  una valida diversificazione del rischio connesso agli investimenti delle risorse destinate al risparmio e agli investimenti. I lavoratori non ne sono del tutto consapevoli e inoltre sembra non siano in grado di assumere le conseguenti iniziative.
Per poter fare le scelte giuste  emerge sempre di più il bisogno di informare i lavoratori, ma in generale i cittadini, in materia finanziaria e previdenziale: la pensione ormai si “costruisce” con un percorso che va seguito durante le varie fasi della vita lavorativa e non. La pensione dovrà essere il risultato di due montanti: quello di 1° e quello di 2° pilastro in un’ottica di prestazione “globale”.
Il comma 29 dell’art 24 della legge n 214 del 2011 ha previsto che il Ministero del Lavoro e della Politiche Sociali elabori annualmente un programma coordinato di iniziative di informazione e di educazione previdenziale. In questa attività, oltre alla Covip, devono essere coinvolti gli enti gestori di previdenza obbligatoria, i fondi pensione, i datori di lavoro e le OO.SS. I programmi devono essere tesi a diffondere la consapevolezza, in particolare tra le giovani generazioni, della necessità dell'accantonamento di risorse a fini previdenziali, in funzione dell'assolvimento del disposto dell'art. 38 della Costituzione.
L’iniziativa presso il FORUM PA potrebbe quindi rappresentare una sorta di laboratorio per la definizione degli obiettivi del programma di educazione previdenziale e informazione previsto dalla legge, invitando i principali protagonisti della previdenza complementare a dare il proprio contributo per l’elaborazione del predetto piano.

10:00
13:00

Semplifica Italia: dalle norme al risultato[C.07]

La semplificazione è essenziale per liberare risorse per la crescita e lo sviluppo. Le norme sono importanti, ma non bastano: il risultato non è raggiunto fino a che la semplificazione non è effettivamente percepita da imprese e cittadini.

Il convegno è dedicato, quindi, alle scelte, ai percorsi e agli strumenti per rendere operative le numerose semplificazioni recentemente introdotte.

Nella prima sessione verranno affrontati le novità e aspetti applicativi della decertificazione e delle nuove disposizioni in materia poteri sostitutivi per garantire certezza ai tempi di conclusione dei procedimenti, la cui efficace attuazione può cambiare il volto della pubblica amministrazione.

Nella seconda sessione verranno messi a fuoco gli approcci più avanzati delle metodologie di semplificazione e riduzione degli oneri amministrativi, il principio di proporzionalità per le PMI, i nuovi programmi le novità del budget regolatorio e il ruolo della consultazione.

La terza ed ultima sessione sarà dedicata ai nuovi strumenti di cooperazione tra Stato, Regioni e autonomie locali indispensabili per il successo di una politica di semplificazione.

10:00
13:00

Giornata dell'Innovazione Sociale - Innovazione sociale made in Italy. Lavori in corso[G.04]

La Giornata che FORUM PA 2012 dedica all'innovazione sociale e ai suoi attori si articola in due sessioni. Nella  Sessione mattutina “Innovazione sociale made in Italy. Lavori in corso”, a partire dalle analisi e dalle esperienze si lavora per elaborare un documento di raccomandazioni, base di interlocuzione con soggetti istituzionali europei, nazionali e territoriali e con i "corpi intermedi". Si prevedono tavoli tematici, in cui i soggetti attivi e competenti in tema di innovazione sociale sono invitati a confrontarsi sugli strumenti di policy e di sviluppo per l'innovazione sociale in Italia  negli ambiti individuati: Governance dei beni comuni; Welfare; Imprenditorialità; Finanza; Education; Tecnologia; Scienza e società, Ambiente e Territorio.
La Sessione pomeridiana “Innovazione sociale made in italy. Come e perché”, che partirà dalla sintesi dei lavori e aprirà il dibattito su temi e le dimensioni dell 'innovazione sociale, è aperta a tutti e per partecipare basta iscriversi qui.

10:00
13:00

Convegno inaugurale di Techfor: la sicurezza dei cittadini, delle città e delle infrastrutture critiche e dei sistemi al tempo della cyberwar[C.16]

Torna a TechFOr 2012 l’iniziativa “Innovazione e sicurezza”, il call per raccogliere e comunicare le migliori e qualificate esperienze che hanno utilizzato l’innovazione tecnologica o organizzativa per sviluppare azioni relative alla Sicurezza del Paese e delle infrastrutture critiche, Sicurezza dei cittadini e delle città, Salvaguardia del territorio e gestione del rischio.

10:00
18:00

Prima giornata su “L'impegno delle amministrazioni per le smart city e le smart community”[G.02]

 Questa giornata di studio e approfondimento coglie il particolare momento storico in cui l’attenzione del Governo, delle amministrazioni locali, delle aziende e della società civile si concentra sulla realizzazione di smart city e smart community.

I finanziamenti disponibili a livello nazionale ed europeo sono un’occasione irripetibile per sviluppare un modello italiano di città intelligente calato nella realtà storico-geografica del paese e adeguato alle specificità di partecipazione, governo e tessuto imprenditoriale.

Le questioni aperte sono molte, a partire da quali siano i confini che definiscono una smart city, la sua operatività, la governance e le scelte tecnologiche più adeguate.

Il programma affronta tutti i temi principali proponendo il punto di vista delle istituzioni insieme ad esperienze di città e realtà internazionali, società di servizi, mondo della ricerca e dell’impresa.

Quest’anno l’impegno di FORUM PA sui temi delle smart city e smart community si intensifica grazie a un nuovo appuntamento dedicato: la manifestazione SMART City Exhibition, organizzata in collaborazione con BolognaFiere, in programma dal 29 al 31 ottobre 2012.

10:00
13:00

Il sistema di performance management è utilizzato dalle amministrazioni pubbliche per le decisioni più rilevanti?[C.31]

Il Dipartimento della funzione pubblica dedica un’intera giornata al Performance management nei Comuni, nell’ambito del Progetto “Valutazione delle performance”, realizzato in collaborazione con FormezPA, per favorire nei Comuni delle Regioni Obiettivo Convergenza l’implementazione di sistemi di pianificazione, misurazione e valutazione dei risultati, coerenti con le prescrizioni del D.lgs n.150 del 2009 sul Ciclo di gestione delle performance.

Nella Prima Sessione verrà affrontata una delle questioni chiave, relative alla funzionalità ed efficacia dei sistemi di Performance Management nelle amministrazioni pubbliche ed al loro effettivo utilizzo a supporto delle decisioni strategiche ed operative. Le analisi svolte in ambito nazionale ed internazionale evidenziano che anche nelle amministrazioni in cui i sistemi di misurazione e valutazione delle performance sono ben organizzati non necessariamente essi sono utilizzati a supporto delle decisioni più rilevanti per l’amministrazione.

La Sessione terminerà con la consegna degli attestati ai Comuni delle Regioni Obiettivo Convergenza che hanno concluso con successo il percorso di affiancamento nell’implementazione del Ciclo di gestione delle performance previsto dal Progetto.

La sessione pomeridiana vedrà l’esperienza dei comuni delle Regioni Obiettivo Convergenza nel Ciclo di gestione delle performance.

10:00
13:00

Broadband Forum. Agenda digitale e banda larga nell’Italia delle Regioni[C.37]

Broadband Forum: La banda larga nell’Italia delle Regioniè un evento organizzato in collaborazione con Key4Biz, per un confronto tra rappresentanti di istituzioni ed enti locali, di imprese e di associazioni di consumatori, una ricognizione sullo sviluppo della banda larga e sulle soluzioni da adottare per assicurare internet a tutti.

L’accesso alla banda larga è una condizione necessaria per l’Italia che vuole riprendere a correre ed essere più competitiva.

Il lancio dell’Agenda Digitale Italiana è un requisito indispensabile per rilanciare l’economia, aprire nuovi mercati, scoprire nuove competenze e avviare appieno il processo di modernizzazione di cui il Paese ha bisogno.

Senza internet tutto ciò sarà impossibile.

E allora, quali soluzioni esistono per assicurare il diritto universale dei cittadini all’accesso alla Rete attraverso tutte le modalità disponibili: Fibra, Wireless, Mobile e internet via Satellite?

E, soprattutto, che cosa possono fare il Governo e le Regioni italiane per superare l’ostacolo del digital divide, un fenomeno che riguarda non solo le zone rurali, ma anche aree metropolitane dove l’accesso a internet risulta del tutto insoddisfacente?

10:00
13:00

1^ Assemblea degli Enti Free Italia Wi-Fi[O.02]

Nell’ambito del Forum PA 2012, la Provincia di Roma, la Regione Autonoma della Sardegna e il Comune di Venezia, in qualità di Enti promotori del progetto Free ItaliaWiFi promuovono la 1^ Assemblea degli Enti Free ItaliaWiFi, un incontro fra tutti gli Enti che hanno aderito alla rete federata per valutare l'esperienza comune svolta fino ad ora e delinearne le prospettive future.

Il Consorzio interuniversitario CASPUR, che ospita l'iniziativa, è l'operatore tecnico del progetto che gestisce il nodo di interscambio nazionale di Free ItaliaWiFi. L'incontro vuole essere un'occasione di confronto fra gli Enti aderenti alla federazione nazionale nonchè un momento per un reciproco scambio di idee e proposte. All’ordine del giorno, le opportunità offerte dal WiFi pubblico e gratuito al centro dell'attenzione dei cittadini e degli amministratori nell’ottica delle Smart Cities, la registrazione dei turisti e la situazione normativa post Pisanu, le semplificazioni amministrative auspicabili, gli sviluppi tecnici e applicativi delle reti WiFi.

Ad oggi, sono 25 le amministrazioni che hanno aderito sottoscrivendo l'adesione al regolamento e ai principi, di cui 14 hanno già effettivamente effettuato l’interconnessione.

L'incontro avrà carattere di assemblea di lavoro in cui tutti i rappresentanti degli enti potranno contribuire alla discussione. L’evento è aperto al pubblico e rivolto alle amministrazioni interessate alla rete federata.

10:00
12:00

Lavoro pubblico e stato delle riforme (in memoria di Ubaldo Poti)[C.20]

La recente intesa con i Sindacati del Pubblico impiego e con i rappresentanti di regioni ed Enti Locali ha apero una nuova stagione per il Ministro della PA e della semplificazione e per il Dipartimento della Funzione Pubblica. Il convegno, diretto dal Capo Dipartimento, il tecnico che ha seguito questo processo di riavvicinamento, tenderà a verificare se si tratta veramente di un arretramento rispetto alla riforma Brunetta, come viene denunciato da più parti, o si tratta invece di un rafforzamento delle possibilità effettive di attuazione della riforma, che non perde nulla della sua centratura su merito e trasparenza.

10:00
13:00

Globalizzazione e promozione dei Diritti Umani: le nuove tecnologie e il ruolo del Ministero Affari Esteri[O.01]

Concorso tra gli studenti universitari delle principali Università romane (La Sapienza, Roma Tre, Tor Vergata, Luiss, S.Pio V, LUMSA) partecipanti al Secondo Ciclo di Incontri su “I Diritti Umani: dalla teoria alla pratica”, organizzato dal Comitato Interministeriale per i Diritti Umani (CIDU),),in collaborazione con il Comitato per la Promozione e Protezione dei Diritti Umani (una delle principali reti di organizzazioni non governative italiane attive nel settore dei Diritti fondamentali).

Gli studenti che partecipano al Ciclo di Incontri sono circa 80 e saranno suddivisi in 4/5 gruppi (per una media di 15 studenti a gruppo). Ciascun gruppo, eleggendo propri rappresentanti, effettuerà una presentazione di 10 minuti sul tema “Globalizzazione e promozione dei Diritti Umani: le nuove tecnologie e il ruolo del Ministero Affari Esteri”. Sarà previsto l’eventuale supporto di dispositivi multimediali.

Il gruppo vincitore, proclamato dagli studenti stessi e da una apposita giuria (composta da personalità di spicco del mondo dei Diritti Umani e dei media, tra cui il Sen. Marcenaro, l’On. Touadi, il giornalista Duilio Gianmaria),  vedrà pubblicata sul sito del CIDU - Ministero Affari Esteri la propria presentazione.

Si prevede la realizzazione di un servizio televisivo ad hocsull’evento, a cura di Rai News 24 (nella striscia quotidiana curata dalla giornalista Luce Tommasi).

10:00
12:00

Regala un’ora: diffondiamo le buone pratiche nel Terzo settore[C.48]

Il Consiglio Regionale del Lazio ed i Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio Cesv e Spes individuano in questo progetto l’esigenza di  costruire una scuola della comunità, radicata nel sociale, per consolidare il senso di civismo e di solidarietà e tradurre i principi della convivenza civile in pratiche sociali. Con l’iniziativa ‘Regala un’ora’ si intendono offrire risposte valide contro i pericoli dell’isolamento, dell’emarginazione e delle devianze, contribuire alla costruzione di una nuova dimensione formativa dell’educazione alla solidarietà e avvicinare gli studenti ai processi decisionali della propria regione. Si tratta dunque di un intervento concreto volto a favorire il raccordo fra le associazioni di volontariato e no profit e  le scuole, curando la diffusione di esperienze significative nel terzo settore.

10:00
10:45

Introduzione all'Open Data[lab.152b]

Il seminario introduce il tema dei dati aperti e contestualizza il fenomeno in Italia. Partendo da una definizione di dato pubblico aperto, vengono affrontate questioni riguardanti gli aspetti tecnici e normativi dei dati governativi, per poi arrivare ai principali esempi italiani ed esteri di pubbliche amministrazioni che hanno intrapreso un percorso di apertura della proprie informazioni ed esposizioni dei proprio dati in formato aperto. Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

10:00
11:00

G-Cloud: l’evoluzione del Data Center verso il Private Cloud[lab.35b]

Dopo anni di innovazioni nel settore dell’Information Technology, è in atto una profonda trasformazione. L’affermarsi di nuove tendenze in campo tecnologico, la maggior potenza di elaborazione, le soluzioni per la virtualizzazione e le connessioni Internet a banda larga hanno contribuito all’avvio di questo cambiamento.

L’epoca del Cloud Computing rappresenta un’enorme opportunità: l’offerta dell’IT come servizio consente alle aziende di dedicarsi principalmente alle soluzioni business-critical e di ottimizzare il rapporto tra costi di erogazione e produttività complessiva. Il Cloud Computing offre vantaggi sostanziali che consentono alle aziende di ottimizzare i data center e fornire servizi a utenti finali, partner e clienti nel modo più efficiente, affidabile e flessibile. Nel corso di questo intervento saranno illustrate le soluzioni Microsoft con le quali è possibile Implementare un Private Cloud o “Government Cloud” secondo le proprie esigenze, sfruttando una piattaforma server familiare, una gestione delle identità e una piattaforma di sviluppo comuni.

10:00
12:00

Digitcafè. La posta elettronica certificata come strumento di comunicazione digitale[lab.194b]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
12:00

Servizi all’utenza e sportelli polifunzionali[lab.143b.1]

Per soddisfare cittadini che legittimamente sviluppano una coscienza dei propri diritti e una capacità critica sempre maggiori, per erogare servizi di qualità all’altezza di tali esigenze, occorre ripensare i meccanismi operativi e dotarsi di nuovi strumenti per l’esercizio della Giustizia, volti a facilitare e rendere più efficaci i rapporti con cittadinanza ed utenti. Nel corso della sessione seminariale verranno illustrati alcuni progetti che hanno prodotto risultati positivi e proposto soluzioni nuove e interessanti in termini di miglioramento dei rapporti con i cittadini.

10:00
12:30

Sportello Amico – Pagamenti Veloci[lab.125]

Nell’ ambito del Forum PA 2012 la Provincia di Roma presenterà l’ iniziativa “Sportello Amico”, avviata su impulso dell’ Assessore al Bilancio e prevista  da un Protocollo d’ Intesa siglato lo scorso novembre 2011 con Posteitaliane S.P.A.

La Provincia di Roma annovera tra i propri obiettivi, la realizzazione di progetti innovativi capaci di garantire un miglioramento della qualità dei servizi e ritenendo necessario il coinvolgimento di soggetti terzi anche al fine di dedicare le proprie risorse ad attività più propriamente istituzionali.

Poste Italiane S.p.a.,  disponendo di sistemi tecnologicamente avanzati e di una rete di sportelli diffusa capillarmente sul territorio, è una delle principali aziende per l’offerta di servizi integrati ad alto valore aggiunto e di soluzioni per la Pubblica Amministrazione.

Esempio di questi servizi innovativi è l’ istituzione presso gli uffici postali del c.d. “Sportello Amico”, che  si prefigura come “sportello di vicinanza” delle pubbliche amministrazioni aderenti all’ iniziativa e ha come fine quello di  semplificare e rendere più agevoli i rapporti tra cittadino e P.A.

10:00
11:00

Costruiamo insieme la sanità digitale di domani[lab.184]

Federsanità ANCI organizza la prima iniziativa di CATALIS in cui sarà presentata la bozza delle linee guida per i servizi sanitari digitali che Federsanità ANCI ha elaborato su incarico del Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Tecnologica.
Catalis (CATALizzatore dell’Innovazione per la Salute) ha come obiettivo di fungere da catalizzatore, aumentando la velocità di propagazione dell’innovazione e riducendo lo sforzo necessario per la sua affermazione, attraverso l’aggregazione e la collaborazione di tutti gli stakeholder della sanità.

 

10:00
12:00

Digitcafè. La gestione documentale[lab.197]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
11:00

Progetto “Molise tra Storia e Paesaggio”[lab.93]

L’intervento progettuale interessa due aree della regione con caratteristiche morfologiche diverse ma unite da due piste tratturali: la zona dell’Alto Molise e quella del Molise Centrale. Geograficamente i territori interessati dal progetto sono collegati dai tratturi Castel di Sangro – Lucera ed il Celano – Foggia. Il progetto prevede interventi indirizzati al ripristino di alcune aree con modalità diversificate a seconda della realtà ambientale che si andrà a presentare.

10:00
11:00

Open Data[lab.206]

Il tema della valorizzazione del patrimonio informativo pubblico è centrale nei lavori dell'Agenda Digitale e rappresenta un’opportunità trasversale per il settore TLC pubblico e privato. All’interno del seminario saranno trattati gli elementi principali del modello Open Data attraverso la spiegazione del progetto “Scuola in Chiaro - Open Data” e sarà discussa la strategia Open Data del MIUR volta a una maggiore valorizzazione dei dati pubblici non solo dal punto di vista tecnico ma soprattutto culturale.

10:00
12:00

Digitcafè. Pagamenti e fatturazione elettronica[lab.198]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
12:00

Digitcafè. Open Data interoperabili[lab.199b]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
12:00

Digitcafè. I siti web della pubblica amministrazione: normativa di riferimento, contenuti obbligatori e procedura di registrazione dei domini ".gov.it"[lab.196]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
10:50

Gestione Documentale: la leva fondamentale per migliorare il servizio al cittadino e ridurre i costi della PA.[w.32b]

La nuova visione “open government” vede nell’innovazione, nella semplificazione e nella Digitalizzazione le leve fondamentali per migliorare i servizi offerti ai cittadini, incrementando l’efficienza e riducendo i costi.

L’esigenza di dotarsi di soluzioni in grado di realizzare questo delicato passaggio si sposa perfettamente con l’identificazione del partner capace di garantire servizi e soluzioni integrate finalizzate a velocizzare il cambiamento.

10:00
10:40

Mobilità e GCloud al servizio della Pubblica Amministrazione. Modelli ed esperienze[w.01b]

Mobilità e flessibilità stanno indirizzando l’evoluzione dei sistemi informativi della Pubblica Amministrazione con grandi vantaggi economici e di gestione.
Ma l’ ”ICT come servizio” non è il solo vantaggio del GCloud. Grazie alla virtualizzazione esso diviene realtà e fattore abilitante di un nuovo modello di erogazione del valore pubblico per enti e organizzazioni.
Ogni giorno un testimonial d’eccezione illustrerà casi concreti d’implementazione di soluzioni di Cloud Computing e Mobilità.
L’appuntamento è presso lo stand Citrix il:
- 16 Maggio - ore 11.00 con con Alessandro Musumeci, Direttore Centrale Sistemi Informativi di Ferrovie dello Stato;
- 17 Maggio alle ore 10.00 con Marco Fagiolo, Responsabile Delivery Servizi ICT di  Finmeccanica;
- 18 Maggio alle ore 12.00 con Salvatore Talerico, Direzione Centrale Sistemi Informativi di INPDAP.

 

10:00
12:30

Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella PA[w.54]

In coerenza con il mutato clima e con le linee di indirizzo economico, adottate in ambito dall’Unione Europea, la legge n. 196 del 2009 con l’apposita delega (attuata con emanazione del DLgs 91/2011 e del D. Lgs. 118/2011) ha previsto una disciplina per le attività di Analisi e valutazione della spesa.  Obiettivo principale è quello di consentire una lettura “orizzontale” dei bilanci pubblici, superando l’attuale frammentazione dovuta alla disomogeneità dei criteri adottati. Diventa perciò di importanza cruciale adottare strumenti di rilevazione dei dati di bilancio e metodologie di rappresentazione comparabili, al fine di fornire informazioni chiare e complete sui dati disponibili al management pubblico.

Due gli elementi chiave della riforma su cui insisterà il seminario: il primo concerne il criterio del risultato, cui sono legati i concetti di efficienza, efficacia ed economicità, cui si affianca il paradigma del valore, senza di cui non si possono ottenere dei risultati apprezzabili.  Diventa in quest’ottica importante mettere a punto gli strumenti di misurazione delle performance, che siano in grado di quantificare la produzione di valore e la sua distribuzione alla comunità amministrata. Inoltre il decreto attuativo 118/2011 ridisegnando l’ordinamento federale sposta opportunamente l’attenzione sui fenomeni di trasformazione che si stanno verificando a livello locale, aprendo l’ambito di analisi alla comprensione dei nuovi equilibri su cui si regge il rapporto tra lo Stato centrale e i governi territoriali.

10:00
10:50

Innovazione e big data: analisi dei profili e comunicazioni personalizzate ai cittadini[w.44]

Le aspettative del cittadino sono focalizzate su servizi e comunicazioni personalizzate, di conseguenza le tecnologie devono aiutare la Pubblica Amministrazione a trasformare i Big Data in Single Data. Non si tratta, quindi, solo di analizzare i dati ma di correlare informazioni ed eventi per definire processi nuovi e costruire un "fascicolo" per ogni cittadino. La presentazione illustra modalità e esempi con spunti operativi: dal problema alla soluzione.

10:00
11:00

Sistemi di gestione dell'energia, EGE e nuovi schemi di certificazione comunitari: cogliere le opportunità[w.59]

Negli ultimi due anni sono state pubblicate alcune norme molto interessanti per promuovere la diffusione delle soluzioni per l'efficienza energetica. La norma internazionale ISO 50001 consente di implementare un sistema di gestione dell'energia aziendale, in grado di garantire alle imprese benefici energetici ed economici, oltreché di immagine. La norma EN 15900 disciplina i servizi energetici integrati, facilitando i contratti a prestazioni garantite e il finanziamento tramite terzi. La UNI CEI 11352 e la UNI CEI 11339 consentono alle ESCo e agli esperti in gestione dell'energia di ottenere una certificazione terza e poter dimostrare le proprie capacità e competenze. Infine è in corso a livello nazionale e comunitario la predisposizione di una norma sugli audit e sul benchmarking. Il workshop illustrerà le caratteristiche principali delle norme citate.

10:00
10:50

Gli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili: Il finanziamento in leasing per la PA[w.53b.1]

L’intervento sarà dedicato al quadro normativo nel quale si colloca l’utilizzo dei contratti di leasing che prevedono come utilizzatore la Pubblica Amministrazione ed agli elementi che devono caratterizzare il bando ed il contratto di leasing stesso per un utilizzo ottimale dello strumento. Verranno inoltre illustrati alcuni casi concreti di finanziamenti in leasing nel settore delle energie rinnovabili, in particolare nel fotovoltaico.

10:00
13:00

Corso Formazione Suap[w.67]

Corso Operativo di gestione dei servizi offerti dallo Sportello Unico per le Attività Produttive, rivolto a Professionisti, Imprese e P.A. 

10:30
13:00

La visione IBM per l’infrastruttura digitale della nuova PA: sfide e fattori abilitanti[w.33]

La sessione propone la visione IBM sul progetto strategico di realizzazione della federazione di data center per la PA evidenziandone le principali sfide ed i fattori abilitanti.

Il paradigma del cloud abilita nuove modalità di erogazione di servizi e consente di orchestrare le risorse informatiche della PA in una logica sia di efficientamento sia di miglioramento dei livelli di servizio.

Richiede però un processo di trasformazione in cui la PA deve affrontare importanti sfide.

Ne approfondiremo in particolare due: la gestione della sicurezza e della continuità operativa e l’adozione di tecnologie di firma digitale o di archiviazione a sostegno di progetti di trasformazione.

Agenda:

L’INFRASTRUTTURA DIGITALE DELLA NUOVA PA

10.30  L’infrastruttura digitale: il punto di vista della Pubblica Amministrazione , M. Fedeli – Direzione Infrastrutture Consip, Resp.le Dip.to del Tesoro

11.00  La visione IBM: verso una federazione dei Data Center della PA 
G. Camorali – Mgr of Marketing, Strategy and Transformation, IBM

GESTIONE DEL RISCHIO E SICUREZZA
11.20    Dalla continuità operativa al disaster recovery 
G. Oldani – Managing Consultant, IBM

11.40    La  sicurezza: da sfida a fattore abilitante   
D. Raguseo – Europe Security Systems Technical Ldr, IBM

Nuovi Scenari di Dematerializzazione abilitati dal CAD                      

12.00    La firma elettronica avanzata e la firma biometrica: nuovi scenari di dematerializzazione, A. Taurisano - AD Intesa S.p.A.

12.20    Il caso Medigas – La dematerializzazione all’origine dei documenti di trasporto nei servizi per le ASL, G. Fontana - AD Medigas S.p.A.

12.40    Conclusioni       

10:30
11:30

La Programmazione delle aree urbane in Calabria e l’Innovazione Tecnologica nella “Governance” delle città[w.69]

La programmazione delle aree urbane in Calabria è oggi fortemente ancorata alle strategie di sviluppo urbano e delle politiche comunitarie connesse alla “Carta di Lipsia per lo sviluppo urbano sostenibile nell’Unione Europea” del 2007 dove sono state identificati gli obiettivi e le soluzioni per lo sviluppo sostenibile delle aree urbane, e dei contenuti della successiva Dichiarazione di Marsiglia del 2088 e Dichiarazione di Toledo del 2010, che pongono particolare enfasi sulle politiche energetiche e sulle soluzioni tecnologiche da adottare nelle politiche di sviluppo urbano. Particolare enfasi in tale direzione è dato ai processi di innovazione tecnologica connessa alle strategie per incrementare la competitività e e l’attrattività dei territori urbani e per interconnettere ricerca scientifica e tecnologica al ruolo “intelligente “ delle Città.

E’ in tale direzione che non solo i Progetti Integrati di Sviluppo Urbano (PISU) della programmazione FESR 2007/2013 insistono sul tema dell’innovazione, ma le Città Calabresi si sono misurate con la sperimentazione delle “Smart Cites” e con i processi di digitalizzazione dei servizi della pianificazione  urbana e della “governance” della gestione del territorio, nella prospettiva  dell’Agenda Digitale Europea.

11:00
14:00

Crisi economica, protezione sociale e ruolo della PA[lab.47]

La Regione Puglia ha da tempo affrontato il delicato e cruciale tema del modello organizzativo quale formula necessaria per assicurare livelli essenziali delle prestazioni e per dare adeguato sviluppo al territorio e alla sua collettività. Di recente ha varato un nuovo modello organizzativo denominato Gaia e già si appresta a ripensarlo al fine di renderlo più coerente e rispondente alla mutata realtà e al mutato contesto economico-sociale.

In questa ottica ha pensato di proporre un seminario che in termini più ampi ed in considerazione della congiuntura economica di particolare complessità affronti e sviluppi possibili scenari di cambiamento per una governance più efficace.

La crisi fiscale degli stati nazionali europei, particolarmente avvertita in Italia con la crisi del debito sovrano, sta costringendo da qualche anno il nostro Paese  ad adottare  misure di riduzione della spesa pubblica eccezionali.

L'entità delle manovre richieste e gli accordi europei sottoscritti  portano a dover ridisegnare il peso e il ruolo della spesa pubblica e quindi a riflettere su quali siano le funzioni e i servizi di cui il settore  pubblico potrà farsi carico ai diversi livelli di governo.

La  frammentazione delle competenze e il polimorfismo e policentrismo  amministrativo scaturiti dalla riforma del Titolo V della Costituzione  rendono tale esercizio particolarmente difficile, ma al contempo necessario.

Nel biennio 1992-1993, in presenza di una grave crisi economica  e politica, è stata realizzata una profonda revisione del modello giuridico  di organizzazione delle pubbliche amministrazioni.

Preso atto  dell’impossibilità di preordinare e di standardizzare mediante norme  legislative la complessa varietà degli apparati amministrativi, si  attribuì un ruolo centrale nella strutturazione e nella gestione degli  stessi ad un rinnovata dirigenza.

A distanza di quasi venti anni,  ancora una volta in un contesto economico e politico eccezionale, il  tema torna di attualità: mentre si valuta criticamente l’operato dei  dirigenti pubblici, riemergono un rinnovato primato della legge e una significativa compressione dei margini di autonomia organizzativa di ciascuna P.A.

11:00
11:45

Good Pratice italiane generata dall'esperienza piemontese[lab.187]

Il workshop illustra stato dell'arte e scenari evolutivi della piattaforma tecnologica dati.piemonte.it, framework normativo, organizzativo e tecnologico e i business models che derivano dal riuso degli open data. dati piemonte è un "progetto in beta permanente" a significare il continuo movimento che lo caratterizza: l'evoluzione dell'asset normativo che ha portato alla Legge Regionale sugli open data, le funzionalità della piattaforma in termini di catalogo multi-ente con funzionalità di federazione con altri cataloghi e la diffusione del modello organizzativo per l'utilizzo di dati piemonte da parte dei comuni del Piemonte. Ma anche l'avoluzione verso le 5 stelle con l'introduzione di Open Linked data  e di componenti semantiche, fino all' analisi dei modelli di Business per il riuso degli open data.Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

11:00
12:00

NetApp per i Citrix Virtual Desktop[lab.32b]

NetApp è presente al Forum PA per presentare le proprie soluzioni per il mercato delle Pubbliche Amministrazioni centrali e locali. In questo momento di mercato in cui i budget sono sempre più ridotti, poter contare su un fornitore di sistemi di archiviazione dei dati attento all’innovazione e all’efficienza, consente di ottenere di più utilizzando meno risorse.
In particolare, durante i workshop verranno presentati tutti gli aspetti legati ai benefici di un approccio cloud e all’evoluzione della virtualizzazione per i desktop.
La virtualizzazione dei desktop sta diventando sempre più una soluzione apprezzata dagli IT manager, in quanto capace di garantire una maggiore sicurezza e flessibilità, unite ad una riduzione dei costi. Le soluzioni NetApp, in virtù della loro efficiency, riescono a far ridurre i costi per i prorpi clienti, creando valore che in ambito di pubblica amministrazione, può andare direttamente a favore del cittadino.
NetApp è tra i leader mondiali nelle soluzioni di storage unificato che permettono a organizzazioni in tutto il mondo di gestire e proteggere una delle loro risorse più preziose: i dati. NetApp offre soluzioni innovative grazie anche a partnership strategiche con leader di mercato come, tra gli altri, Citrix, Cisco, VMware, Micsosoft, Fujitsu. NetApp ha realizzato un fatturato superiore ai 5 mld $ nel FY 2012, con oltre 150 sedi nel mondo e 11.000 dipendenti.

11:00
12:00

Il cittadino al centro delle azioni di comunicazione del PON Ricerca e Competitività 2007-2013[lab.131]

Il Programma Operativo Nazionale PON Ricerca e Competitività 2007-2013 persegue la crescita della capacità di produrre e utilizzare ricerca e innovazione di qualità per l’innesco di uno sviluppo sostenibile nelle Regioni italiane interessate all’obiettivo “Convergenza”: Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Il relativo Piano di Comunicazione  ha l’obiettivo generale di: accrescere la conoscenza, la cooperazione e la partecipazione attiva delle cittadine e cittadini europei sulle priorità d’intervento del PON, in coerenza con finalità, metodi e risultati attesi della politica regionale unitaria, valorizzando il ruolo dell’UE nel cofinanziamento del PON stesso e diffondendo il valore aggiunto dell’intervento comunitario al livello nazionale, regionale e locale.

Il Piano di comunicazione assume come missione l’attuazione in partnership della comunicazione, in coerenza con i principi esplicitati nel “Libro Bianco per una politica europea di comunicazione”, per contribuire a creare una Rete della Comunicazione per la ricerca e l’innovazione delle Regioni italiane al servizio degli operatori e dei cittadini europei che rimanga a disposizione di tutti i potenziali fruitori anche dopo la chiusura del Programma.

11:00
12:00

L’innovazione e l’organizzazione della P.A. dettate dall’Unione Europea: Punti di contatto e Reti europee al servizio dei cittadini e delle imprese[lab.30a.1]

I punti di contatto sui riconoscimenti professionali aiutano a comprendere il sistema di norme europee e nazionali che regolano la libera circolazione dei professionisti nell'UE. La rete IMI è uno strumento informatico per lo scambio di informazioni tra autorità competenti in relazione alle direttive del Mercato interno. Il SOLVIT è una rete gratuita per la risoluzione di problematiche relative a due Stati dell’U.E.  causate  dalla non corretta applicazione  della normativa   del mercato interno da parte delle Pubbliche Amministrazioni.
 

11:00
12:00

Come misurare la Società dell’Informazione?[lab.102]

Il POAT SI, nel corso degli oltre due anni di attività di assistenza tecnica alle Regioni Convergenza, ha affrontato il tema della misurazione degli interventi nel campo della Società dell’Informazione, focalizzando l’attenzione sulla costruzione e rilevazione di indicatori adeguati, anche attraverso alcuni lavori di ricerca originali.
In particolare, un primo campo di analisi ha riguardato la programmazione comunitaria 2007-2013, con l’obiettivo di individuare indicatori coerenti e pertinenti rispetto agli obiettivi tematici settoriali definiti all’interno dei PO delle 4 Regioni Convergenza; inoltre, un approfondimento specifico ha riguardato il tema della sanità elettronica, con una proposta di indicatori per la valutazione dei progetti dell’obiettivo Salute del Piano Egov 2012.
Nel corso dell’officina verranno presentati i principali risultati di tali lavori e i relatori potranno verificare con i funzionari presenti, la correttezza e la solidità di tali risultati, oltre a discutere circa la concreta applicabilità degli indicatori individuati.

 

11:00
12:00

Cassa depositi e prestiti. Prestiti Ordinari della CDP: la Gestione dei Residui[lab.90]

Cassa depositi e prestiti offre agli Enti locali una serie di interventi che consentono di ottimizzare l’utilizzo finanziario dei residui non erogati sui mutui concessi da CDP, recuperando risorse e favorendo, quindi, gli investimenti.

L’operazione in atto coinvolge circa 5mila Amministrazioni tra Comuni e Province, per un ammontare complessivo di risorse fino a 1,5 miliardi di euro.

CDP offre agli Enti più opportunità: 

1) trasformazione di prestiti “Ordinari” in prestiti di tipo “Flessibile”, con il beneficio del risparmio - per un periodo fino a 3 anni e mezzo - sulle rate di ammortamento dei finanziamenti;

2) gestione dei residui finalizzati ad altre opere o eventuale riduzione dell’indebitamento verso CDP;

3) erogazione immediata, laddove ne sussistano i requisiti,  da parte di CDP dei residui di importo inferiore al 5% del prestito, ovvero fino a 5mila euro.

11:00
12:00

La Tutela delle Informazioni e del Patrimonio Informatico Aziendale[lab.26b]

Presentazione della soluzione proposta da DeviceLock per la tutela contro la sottrazione dolosa o accidentale delle informazioni.

Descrizione del modulo base e dei moduli addizionali che costituiscono la Suite di DeviceLock 7.

Gestione degli accessi, dei dispositivi periferici e delle comunicazioni di rete.

Monitoraggio e filtrazione dei contenuti testuali dei file in trasferimento sui dispositivi periferici ed attraverso la rete.

Autoprotezione del software

Archiviazione, indicizzazione e ricerca veloce degli eventi (file log e file shadowing)

Politiche di licensing

11:00
12:30

PROGETTO LUMIERE – Illuminazione pubblica – Dalla riqualificazione dell’impianto alla smart street[w.63]

Lumière è un Progetto di Ricerca e Trasferimento strutturato da ENEA con l’obiettivo di promuovere l’efficienza energetica nel settore dell’Illuminazione Pubblica ed in particolare favorire la riduzione dei consumi di energia elettrica degli impianti d’illuminazione dei Comuni.
La riqualificazione degli impianti d’illuminazione pubblica, rappresenta il punto di partenza per la diversificazione del loro ruolo, in particolare quello dei lampioni pubblici, che da semplice supporto per apparecchi di illuminazione, possono trasformarsi in infrastrutture sia per l’erogazione di servizi innovativi di pubblica utilità sia per l’ottimizzazione di quelli già esistenti.
La rete di illuminazione pubblica gioca un ruolo molto significativo nella gestione di una serie di servizi urbani che vanno oltre la stessa IP. Unprimo passo verso la smart city è quello di abilitare la rete di illuminazione pubblica ai servizi smart, creando così una “smart street”, per poi evolversi in “smart town”  e  in  Smart City per una sostenibilità a 360°.
Lumière rappresenta dunque il primo passo per l’impostazione del percorso dei nostri Comuni verso la sostenibilità.

11:00
12:00

Nuovi stili di lavoro nella PA: il percorso verso Windows 8 (efficienza e sicurezza grazie alle soluzioni di Mobility)[w.13b]

I nuovi scenari di innovazione che si prospettano per le pubbliche amministrazioni richiedono sempre più nuovi stili di lavoro, dove ad esempio l'ufficio non è necessariamente identificabile con un luogo o una postazione di lavoro specifica. Nuove tecnologie, nuovi dispositivi hardware e le potenzialità offerte dal Cloud computing permettono di:

-         Accedere sempre e ovunque a dati e informazioni

-         Integrare qualunque dispositivo (Desktop, Smartphone, Slate, Tablet) sfruttando al meglio gli strumenti di collaborazione e comunicazioni unificate disponibili

-         Gestire un'infrastruttura intelligente che garantisca allo staff IT una maggiore sicurezza e compliance con l'utilizzo anche di soluzioni Cloud.

Inoltre al termine dell’incontro scopri in anteprima una dimostrazione Live del nuovo sistema operativo Windows 8.

11:00
11:50

Le energie rinnovabili per lo sviluppo del territorio: l'esperienza del fotovoltaico[w.50b]

La strategia europea delineata nel cd. Pacchetto clima-energia “20-20-20”, prefigura uno scenario energetico europeo più sostenibile e sicuro, attraverso la riduzione delle emissioni di CO2, l’aumento del ricorso a energie rinnovabili e la maggior efficienza energetica. In un difficile contesto macroeconomico, le opportunità offerte dalle politiche di incentivazione sulle fonti rinnovabili, hanno tra l’altro fornito negli anni più recenti strumenti importanti per le economie locali per arrivare a centrare obiettivi ambientali e di sviluppo del territorio.

Nel corso si ripercorrerà quella che è stata fino ad oggi l’esperienza del PPP sul fotovoltaico, settore tra le rinnovabili che maggiormente ha contribuito al processo di sviluppo, fornendo una possibile lettura degli scenari futuri anche alla luce dell’ormai imminente emanazione del Quinto Conto Energia. 

Al contempo si accennerà al tema dell’efficientamento energetico degli impianti di illuminazione pubblica e negli edifici ad uso della Pubblica Amministrazione individuando ipotesi di finanziamento dei relativi investimenti.

11:00
11:50

CAD 2.0: le problematiche legate alla continuità operativa e al disaster recovery[w.40]

Nel corso del workshop verranno descritte le principali caratteristiche degli strumenti di gestione digitale dell’informazione a disposizione della PA che permettono tempi rapidi di evasione delle pratiche e di svolgimento degli iter approvativi, garantendo alla Amministrazioni Pubbliche l’abbattimento dei tempi di risposta.

11:00
12:00

Le condizioni economiche delle famiglie[w.09b]

Il master intende fornire un sintetico quadro di riferimento delle principali misure attualmente utilizzate per l’analisi delle condizioni economiche delle famiglie, con particolare riferimento alle misure di povertà. Alla presentazione del contesto teorico e metodologico, che ha portato alla definizione e alla messa a punto dei principali indicatori e delle fonti di riferimento, segue l’illustrazione del contenuto e del significato dei principali indicatori. Attraverso l’analisi degli indicatori disponibili per l’Italia, vengono, infine, presentati i principali tratti caratteristici delle condizioni economiche e di povertà delle famiglie residenti nel nostro paese.

11:00
12:00

PA e prodotti per la detergenza e la disinfezione: la sostenibilità tra i vincoli della normativa vigente e la spinta dell'innovazione[w.02b.1]

Un efficace sistema di pulizia e di igiene che tenga conto degli aspetti legati alla sostenibilità è un fattore determinante nel contenimento della spesa pubblica, ma la Pubblica Amministrazione ne è consapevole?

Spesso non sono conosciuti i vantaggi derivanti dall’applicare criteri di sostenibilità nella selezione dei fornitori e negli acquisti diretti, compresi quelli riguardanti le operazioni di pulizia e disinfezione degli ambienti. Oltre ad essere considerati prevalentemente un impegno oneroso, manca la percezione di quelli che sono i benefici non solo in tema di sicurezza e protezione ambientale, ma anche e soprattutto in termini economici.

Si parlerà di evoluzione dello scenario normativo nella detergenza e nei biocidi (REACH, classificazione ed etichettatura, Regolamento Biocidi) e dei pilastri della sostenibilità di Assocasa e la loro applicazione in alcuni progetti volontari come il “Charter per la pulizia sostenibile”

11:00
12:00

Sviluppo di applicazioni per la PA digitale[w.30b]

La Pubblica Amministrazione ha bisogno di strumenti che riescano a integrare numerose funzioni, utilizzabili tramite interfacce semplici e pensate a misura d’utente. Nella PA spesso l’unica soluzione per avere servizi di questo tipo è lo sviluppo di software personalizzati, progettati da zero. Il problema è che spesso i costi per ideare, realizzare e testare programmi di questo tipo sono altissimi e i tempi molto lunghi. I processi di innovazione subiscono un rallentamento per colpa di questi aspetti critici, e diventa conveniente conservare soluzioni obsolete piuttosto che avviare cambiamenti con problematiche non prevedibili.

Il Cloud Computing, grazie alle piattaforme di sviluppo, semplifica i processi di creazione e test delle applicazioni, personalizzate secondo le necessità e modificabili rapidamente in un tempi successivi

Scube NewMedia in questo master presenta le modalità di sviluppo di applicazioni mobile con piattaforme Cloud, come soluzione per aumentare l’accessibilità dei dati, migliorare l’efficienza e abbattere i costi.

Oltre alle Apps concepite per un uso mobile hanno un ruolo fondamentale per l’innovazione anche le applicazioni sviluppate per gli altri dispositivi. Realizzate utilizzando “motori” di sviluppo “in the cloud”, che facilitano e velocizzano le varie fasi, dal progetto al rilascio, e aumentano incredibilmente le potenzialità delle applicazioni create.

11:00
11:50

Decreto Semplifica Italia e Agenda Digitale: quale il contributo di Poste Italiane per una PA più semplice?[w.08b]

L’allargamento della produzione verso molteplici settori del mondo economico ha consentito a Poste di diventare, in breve tempo, anche un indispensabile partner all’attività della PA centrale e locale attraverso progetti dedicati e lo sviluppo di servizi di eGovernment.

L’obiettivo perseguito è la costituzione di un vero e proprio network tra Stato, cittadini e business community, attraverso il crescente sfruttamento della multicanalità di accesso ai servizi e di contatto con la clientela (uffici postali, portalettere, call center, internet, uffici postali mobili, ecc).

L’evoluzione del posizionamento di Poste Italiane segue costantemente l’evoluzione normativa, tesa a definire le regole di base necessarie per conseguire l’obiettivo di una PA sempre più moderna ed efficiente. Il recente Decreto Semplifica Italia rappresenta il più recente contributo in questa direzione.

Nel corso di questo Master verranno analizzati, in particolare, alcuni aspetti connessi all’Agenda Digitale, con particolare riferimento all’area “Potenziamento delle applicazioni di amministrazione digitale (eGovernment) per il miglioramento dei servizi ai cittadini e alle imprese”.

Le iniziative di Poste Italiane per la Pubblica Amministrazione si inquadrano infatti in un modello in base al quale l’Azienda gioca un duplice ruolo di “interfaccia tra il cittadino/impresa e la PA” e di “outsourcer di processi sul territorio” che consente alle Pubbliche Amministrazioni di avvalersi, nell’esercizio di alcune funzioni amministrative, di strutture e personale esterno alla propria organizzazione con aumento dell’accessibilità e semplificazione degli adempimenti.

Nel corso del Master verranno presentati alcuni focus in ambito sanitario, con particolare riferimento ai servizi di Prenotazione prime visite e Pagamento dei ticket. 

11:00
12:00

MySQL, a lezione dai siti web più trafficati al mondo[w.20]

MySQL è adottato in 9 dei 10 siti a maggior traffico al mondo, tra cui Google, Facebook e YouTube. Questo conferisce a MySQL un punto di vista unico per lo studio di architetture orientate ai database che assicurino livelli di servizio elevati e riducano al contempo costi, rischi e complessità.

La grande quantità di utenti e l’enorme mole di dati accomunano il web e la Pubblica Ammistrazione e questo seminario presenta una serie di architetture di riferimento per soluzioni web di piccole, medie e grandi dimensioni.

Vengono presentati i componenti che stanno alla base della maggior parte dei siti, tra cui Session Management, Authentication, eCommerce e Content Management. Vengono illustrate le architetture e le topologie di implementazione ottimali in funzione delle dimensioni e dei requisiti di disponibilità di ogni ambiente e tali da supportare iniziative d’innovazione nella Pubblica Amministrazione.

11:30
13:00

Sostenibilità in tempo di crisi. Modelli di riuso per il Fascicolo Sanitario Regionale. Nuovi strumenti per affrontare la crisi[lab.120]

In tempi di crisi si chiede alle Pubbliche Amministrazioni di trovare soluzioni innovative ed economiche che rispondano alle esigenze di cambiamento, senza gravare sulle tasche del cittadino e dell’ente stesso. Tra i modelli sperimentati esiste il sistema del riuso di modelli tecnologici ed organizzativi già sviluppati con successo dalla PA, che si propone come soggetto in grado innescare il cambiamento positivo. Gli interventi al tavolo saranno focalizzati sul momento storico che impone di razionalizzare le risorse più che mai in un contesto come quello della sanità che rappresenta la maggiore fonte di spesa per le Regioni. Il caso pratico proposto è quello del Fascicolo Sanitario Elettronico, occasione per la sanità pubblica di cogliere la sfida dell’innovazione nella quale diventa utile se non indispensabile, a livello economico, applicare modelli già sviluppati con risultati soddisfacenti in termini di efficienza del servizio pubblico e riduzione della spesa. Si valuterà quindi quanto possa essere utile ad un ente pubblico in sanità l’applicazione del riuso come sistema che razionalizza i costi e ottimizza le risorse, in un’ottica di condivisione imperniata sul lavoro di rete.

11:30
12:30

Inail digitale….senza barriere[lab.69]

 L’INAIL “burocratico” sviluppa servizi telematici sempre più raffinati per liberare risorse umane ed economiche a vantaggio dell’INAIL “sociale”. Le Sedi territoriali dell’Istituto sempre più diventano avamposti per la prevenzione dei rischi e per la presa in carico del cittadino più debole, il lavoratore infortunato, utilizzando al meglio le risorse economiche derivanti dalla contribuzione delle aziende. Dal canto loro le aziende e i soggetti intermediari si avvantaggiano della virtualizzazione dei servizi, della personalizzazione delle comunicazioni e dei rapporti amministrativi, attraverso canali telematici diversificati per esigenze molteplici, riducendo il costo della burocrazia.

Ne parliamo con i rappresentanti della Direzione Centrale Pianificazione e Controllo che progettano i servizi telematici, con i rappresentanti della Direzione Regionale Lazio e della Sede territoriale di Roma Centro, dove i servizi vengono concretamente offerti, con un rappresentante del mondo datoriale ed uno dei lavoratori infortunati.

11:30
13:00

DFP risponde. Pubblico impiego: gestione delle risorse umane e mobilità[lab.136]

L'Ufficio per l'organizzazione, il reclutamento, le condizioni di lavoro ed il contenzioso nelle pubbliche amministrazioni cura l'elaborazione degli indirizzi generali in materia di organizzazione degli uffici e del lavoro e di gestione del personale delle amministrazioni pubbliche nonché, sentiti gli altri uffici del Dipartimento competenti per materia, degli enti vigilati dal Dipartimento; definisce la programmazione del reclutamento del personale per concorsi o mobilità; coordina e promuove le iniziative riguardanti la mobilità del personale non dirigenziale dipendente dalle amministrazioni pubbliche, curando i relativi adempimenti; segue il coordinamento e la promozione della disciplina generale in materia di contratti flessibili di lavoro; coordina e promuove iniziative per il miglioramento delle condizioni di lavoro nelle pubbliche amministrazioni; elabora e cura i dati inerenti le politiche di gestione del personale delle pubbliche amministrazioni, i sistemi di valutazione e di incentivazione; concorre alla promozione e al coordinamento dei progetti di studio e assistenza a supporto delle amministrazioni in materia di organizzazione e rapporto di lavoro; svolge attività istruttoria e di coordinamento in materia di conferimento di incarichi dirigenziali; gestisce e sviluppa le banche dati istituzionali previste per legge nelle materie di propria competenza; coordina e dirige la gestione degli affari legali e del contenzioso del Dipartimento.

L'Ufficio è articolato nei seguenti servizi:

Servizio organizzazione uffici e fabbisogni del personale delle PA, programmazione assunzioni, reclutamento, mobilità e valutazione;

Servizio per la gestione e lo sviluppo delle banche dati istituzionali;

Servizio affari legali e contenzioso.

12:00
13:00

La carriera diplomatica: miti e realtà[lab.82]

Miti e realtà della carriera diplomatica: l’onore e la responsabilità di rappresentare l’Italia nel mondo.
Come si accede alla carriera diplomatica in Italia? I requisiti e le prove di uno dei concorsi tra i più selettivi della Pubblica Amministrazione.
Come ci si prepara al concorso diplomatico? Consigli e suggerimenti basati sull’esperienza personale di chi ha vinto il concorso. Come la realtà contemporanea, anche il concorso per l’accesso alla carriera diplomatica richiede preparazione approfondita su diversi temi, capacità di cogliere le interdipendenze tra fenomeni apparentemente distanti, accuratezza di analisi, spirito critico, capacità di sintesi, ben oltre una preparazione da manuale.
Quali sono le sfide che aspettano un giovane diplomatico?
Una carriera ricca di sfide quotidiane sin dai primi anni e, proprio per questo, autenticamente straordinaria.

 

12:00
13:00

Prima parte: La gestione delle risorse umane, un sistema virtuoso della valutazione. Seconda parte: Il Modello 231 applicato ai processi amministrativi come strumento di diffusione della cultura del controllo[lab.87]

La relazione sarà suddivisa in due parti. La prima relativa alle novità nella gestione delle risorse umane e nella valutazione: i talenti, il job posting, la formazione e marketing formativo, la valutazione della dirigenza e del comparto, la comunicazione interna ed esterna.
La seconda sul decreto legislativo 231 del 2001 che ha introdotto una nuova forma di responsabilità per gli illeciti commessi da persone fisiche legate agli Enti stessi (Amministratori, Dirigenti, Dipendenti, Terze Parti, ecc.). L’Azienda Sanitaria di Firenze, nell’intento di promuovere e migliorare la propria missione di tutelare i diritti di salute dei cittadini anche attraverso l’implementazione di sistemi di gestione sempre più evoluti, ha nel corso del 2011, deciso di adottare i principi fondamentali previsti dal decreto 231.

12:00
13:00

L’innovazione e l’organizzazione della P.A. dettate dall’Unione Europea: Punti di contatto e Reti europee al servizio dei cittadini e delle imprese[lab.30a.2]

I punti di contatto sui riconoscimenti professionali aiutano a comprendere il sistema di norme europee e nazionali che regolano la libera circolazione dei professionisti nell'UE. La rete IMI è uno strumento informatico per lo scambio di informazioni tra autorità competenti in relazione alle direttive del Mercato interno. Il SOLVIT è una rete gratuita per la risoluzione di problematiche relative a due Stati dell’U.E.  causate  dalla non corretta applicazione  della normativa   del mercato interno da parte delle Pubbliche Amministrazioni.
 

12:00
13:00

Gestione Documentale e Conservazione Sostitutiva secondo il nuovo CAD[lab.40]

Il processo attuativo delle linee guida derivanti dal nuovo CAD (Codice Amministrazione Digitale) è ancora in corso. Molte Amministrazioni locali e centrali sono ancora in fase di adeguamento alle nuove norme per la gestione del documento informatico all`interno delle Pubblica Amministrazione. Tanti sono ancora i punti che attendono un`interpretazione definitiva, così come le regole tecniche che ancora devono essere emesse. Nel corso dell`incontro cercheremo di fare un punto della situazione circa lo stato dell`arte, e di come le tecnologie Microsoft possano essere abilitanti sui temi "caldi" del nuovo CAD: copia informatica, firma digitale, conservazione documentale, processo di archiviazione, continuità operativa (Business Continuity) e comunicazione con il cittadino tramite PEC.

In collaborazione con NTTAGIC.

12:00
12:40

Raggiungi il desktop virtuale Citrix con Check Point GO, dovunque e senza rischi[lab.11]

Fabaris presenta una soluzione sicura per l’accesso alle proprie applicazioni e desktop virtuali Citrix. Check Point GO non è una semplice chiavetta USB ma la chiave d’accesso al tuo PC virtuale. Grazie ad una versione “portable” del Plugin Citrix, installato su Check Point GO, potrai raggiungere le tue applicazioni ed i tuoi dati con pochi click, sfruttando la potenza della tecnologia HDX di Citrix. Un qualsiasi PC ed una connessione Internet ti consentiranno di sfruttare in tutta sicurezza il tuo ambiente di lavoro virtuale, evitando rischi. Check Point GO cripta i tuoi dati e tiene separato il tuo desktop virtuale dal PC fisico che stai utilizzando, mettendoti al riparo in caso di smarrimento o utilizzo di un PC insicuro.

12:00
13:00

Gemellaggi AGIRE POR 2007-2013[lab.99b]

Il progetto agire por 2007-2013 ha come obiettivo il rafforzamento delle capacità e delle conoscenze di Amministrazioni “destinatarie” operanti nei territori delle Regioni italiane dell’obiettivo Convergenza attraverso l’attivazione di gemellaggi con Amministrazioni “offerenti” operanti nel territorio nazionale e comunitario, volti al trasferimento di conoscenze, esperienze, metodologie, sistemi organizzativi e gestionali innovativi e, in generale, buone pratiche.

12:00
13:00

Come cambia l’ufficio stampa nell’era del web 2.0[lab.25]

Le nuove tecnologie della comunicazione hanno modificato profondamente il contesto in cui l’ufficio stampa si trova ad operare. I nuovi pubblici si affiancano a quelli tradizionali, gli strumenti digitali si aggiungono all’”antico armamentario” della comunicazione. Per la pubblica amministrazione la presenza sui social network può rivelarsi un straordinaria opportunità di dialogo con i cittadini. Le possibili strategie per una presenza “social”: dal presidio della rete al semplice ascolto. Piccola guida per riorientare strategie strumenti e azioni dell’ufficio stampa di un’amministrazione pubblica in chiave 2.0.

12:00
12:45

Verso i linked open data geografici[lab.155]

La Regione Emilia-Romagna ha progettato e sta implementato una soluzione innovativa – Open Geo Data - che consente, in maniera automatica, di rendere disponibili come Open Data (con particolare attenzione per il formato RDF/XML e quindi come Linked Open Data) dati e metadati gestiti dall’infrastruttura di dati territoriali .
Mentre la pubblicazione in formato Linked Open Data dei metadati, disponibili attualmente in formato XML secondo lo schema ISO 19139, ha senso a prescindere dal particolare dato a cui ci si riferisce, perché nota e codificata la semantica del metadato stesso, per i dati il discorso è differente.
La pubblicazione di dati come dati aperti linkabili assume significato quando questi dati sono collegati a dati esistenti già pubblicati e sono a loro volta potenzialmente riferibili da altri. Questo vale per tutti i dati in generale ma in particolare per quelli territoriali che sono, per loro natura, base per la correlazione di informazioni.
La soluzione, realizzata in collaborazione con Planetek Italia e Sinergis, rientra nell’ambito di un progetto di sviluppo evolutivo dell’Infrastruttura Geografica del sistema degli enti del territorio emiliano-romagnolo ed è progettata per essere portabile e poter essere calata in realtà differenti, in quanto interopera con l’Infrastruttura Geografica attraverso servizi standard (OGS WFS, OGC CSW) ed è perfettamente integrata con il portale Open Data Emilia-Romagna.
Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

12:00
21:50

Agenda Digitale Europea e finanziamenti UE per il settore ICT: un’opportunità per enti pubblici, Università ed imprese[w.51b.1]

L’Agenda Digitale Europea è una delle iniziative faro dell’Unione Europea, e mira a sviluppare un mercato unico digitale per condurre l’Europa verso una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

Una delle priorità dell’Agenda Digitale Europea è quella di aumentare gli investimenti in attività di ricerca ed innovazione sulle ICT e garantire che le idee migliori giungano sul mercato, anche attraverso la concessione di appositi incentivi per enti pubblici, Università ed imprese.

Nel corso del Master verranno presentati i principali incentivi che l’Unione Europea offre per gli enti che vogliono investire in attività di ricerca o innovazione nel settore delle ICT. Tra gli argomenti affrontati anche quello del nuovo Partenariato Europeo per il Cloud Computing, recentemente lanciato dalla Commissione Europea allo scopo di contribuire a superare l’attuale frammentazione nella domanda da parte della Pubblica Amministrazione di servizi di Cloud Computing.

12:00
12:50

L'Agenda Digitale: approfondimenti e riflessioni[w.45]

In occasione di FORUM PA, punto di incontro e di confronto sull’innovazione tra attori pubblici e privati, R1 e EMC, in collaborazione con Vmware e Cisco, hanno deciso di affrontare il tema dell’Agenda Digitale, che rappresenta uno dei temi principali della strategia Europa 2020. A fronte del programma comunitario di sviluppo dell’Unione Europea, il nostro Paese è chiamato a mettere in atto una serie di misure volte a conseguire gli obiettivi di crescita stabiliti dalla Commissione Europea, entro il 2020. L’Italia, tuttavia, si trova a fare i conti con un ritardo, non solo economico, ma anche infrastrutturale e culturale.
Il workshop consentirà un confronto tra i principali player del mercato ICT e  interlocutori importanti del settore pubblico e privato, per cercare di ridare al nostro Paese una competitività ed una cultura digitale pari a quella dei nostri principali partner europei.
Mai come adesso è richiesto un contributo per lo sviluppo di una strategia comune

12:00
13:00

Integrazione e condivisione dei dati sanitari[w.26b]

Al settore sanitario servono soluzioni tecnologiche che aumentino l’efficienza senza pregiudicare la sicurezza. Informazioni e dati sensibili devono essere processati e gestiti attraverso piattaforme personalizzabili, che garantiscano un alto livello di affidabilità e di flessibilità.

L’interazione tra differenti attori genera una rilevante necessità di circolazione delle informazioni e le Google Apps offrono una tecnologia che permette la condivisione controllata, con una interfaccia semplice e un servizio garantito. La ASL 4 Medio Friuli rappresenta una realtà importante, che prima di scegliere una soluzione Cloud ha dovuto analizzare i bisogno dei suoi numerosi utenti e dei differenti contesti. Con il supporto di Scube NewMedia ha integrato le Google Apps, migliorando l’accessibilità alle informazioni, tagliando i costi e rispettando i vincoli di natura tecnica e giuridica. Inoltre, con la tecnologia Cloud, si sono risolte le problematiche legate alla compatibilità con i device portatili, il cui uso da parte dei MMG è notevolmente aumentato, per la necessità di muoversi e di portare con sé un’ingente quantità di dati.
Scube NewMedia in questo master con il contributo del Direttore Generale della ASL e del responsabile IT descrive quali sono le procedure per una corretta integrazione e condivisione dei dati sanitari, soffermandosi sull’analisi dell’esperienza acquisita nel supporto ad ASL 4 Medio Friuli.
Le soluzioni presentate sono orientate alla creazione di un modello sostenibile di innovazione, che renda disponibili strumenti per l’acquisizione delle competenze utili per il miglioramento delle attività primarie.

12:00
12:50

InfoPAL: la rilevazione e la gestione dei dati territoriali a supporto delle PAL.[w.04b]

I dati territoriali costituiscono lo strumento fondamentale a disposizione delle PAL per conoscere e per comprendere la realtà del proprio contesto e per tutte le politiche connesse alla gestione del territorio.

In particolare, il possesso di informazioni territoriali puntuali, aggiornate e georeferenziate rappresenta una risorsa chiave a supporto di molti processi decisionali, nel campo della pianificazione del territorio, della riscossione dei tributi locali, dell’erogazione dei servizi alla collettività, nonché della corretta applicazione delle normative di riferimento in tema di sicurezza ed igiene ambientale.

L’attività di rilevazione delle informazioni territoriali di interesse, quali sequenze di numeri civici, destinazioni d’uso degli immobili, accessi carrabili e occupazioni di suolo pubblico, affissioni pubblicitarie comunali, stato del decoro urbano e della viabilità, integrata con altri servizi (piattaforme di gestione dati, servizi di riscossione tributi, gestione istanze, …ecc.), configura un nuovo modello di presidio del territorio in cui Poste Italiane, grazie alla presenza capillare sul territorio e ai suoi asset evoluti di rilevazione e trasmissione delle informazioni, si pone come partner strategico a supporto dell’innovazione delle PAL.

12:00
13:00

Cloud e Big Data: nuove piattaforme di interazione per una PA moderna al servizio del cittadino[w.19b]

Nell’Agenda Digitale si fa particolare riferimento alla necessità di rendere liberamente disponibili i dati delle pubbliche amministrazioni incentivando l’efficienza e la trasparenza della PA. L’innovazione è l’elemento centrale ed abilitante di una relazione “evoluta” tra il cittadino e la pubblica amministrazione.

Il cuore di questa innovazione è una nuova piattaforma IT basata su Cloud Computing e Big Data per un utilizzo sociale della tecnologia, la realizzazione delle reti di nuova generazione e una comunicazione “intelligente” tra PA e cittadino.

12:30
13:00

La nuova Biblioteca digitale del Consiglio regionale del Lazio[PR.04]

La biblioteca, conformemente ai principi di efficienza, efficacia ed economicità dell’azione amministrativa, ha nel corso di quest’anno dato inizio ad un nuovo progetto a gestione esclusivamente interna, con il supporto tecnico di Lait, di una nuova pagina web intitolata “La biblioteca digitale” per raccogliere, in un formato visivo più snello ma sicuramente più efficace rispetto al prodotto precedentemente in uso, i link di accesso alle banche dati e alle riviste giuridiche online. Tale progetto si arricchisce inoltre di nuove pagine contenenti una selezione accurata e costantemente aggiornata di informazioni, utili a fornire un panorama completo ed esaustivo degli atti e delle politiche promosse da diversi enti pubblici.

12:30
13:30

Studiare in Europa: la mobilità con Euroguidance Italy[lab.60]

Nel 2010 la Commissione europea ha presentato la strategia Europa 2020 con lo scopo di rilanciare l'economia dell'Ue segnata dalla crisi finanziaria mondiale degli ultimi anni, e riportare l’occupazione a livelli di maggiore stabilità. La nuova strategia si concentra principalmente sui settori in cui è necessario intervenire: conoscenza e innovazione, economia più sostenibile, e un alto tasso di occupazione e inclusione sociale; priorità queste, che intendono aiutare l'Ue ad uscire dalla crisi e riconfermare gli attuali modelli sociali. Uno dei temi strumentali al raggiungimento di questi obiettivi è quello della mobilità internazionale dei cittadini per motivi di studio o di lavoro. A tal proposito, la rete Euroguidance creata dalla Commissione europea nel 1992, è nata come luogo di informazione, documentazione, animazione, sensibilizzazione, formazione e consulenza sul tema della mobilità. Ed, il Centro Euroguidance Italy ha il compito, attraverso i sui principali strumenti e canali di comunicazione (cartacei ed online), di supportare e promuovere l’orientamento alla mobilità in una dimensione europea, favorendo la diffusione del concetto di learning mobility in un contesto europeo.        

13:00
13:45

Open data e controllo civico: l’iniziativa Open Municipio[K.15]

Monitorare il lavoro dei politici in tempo reale, consultare lo storico di un atto, contribuire al dibattito e intervenire sulle decisioni prima che “i giochi siano fatti”: oggi si può fare, con Open municipio, il progetto che “apre la politica” dei comuni italiani, attraverso la piena trasparenza di processi, atti e decisioni.

Open municipio è una piattaforma web nazionale che usa i dati politico-amministrativi ufficiali dei comuni che aderiscono al progetto e li distribuisce in formato aperto per offrire alla cittadinanza servizi di informazione, monitoraggio e partecipazione attiva alla vita della propria città. Le informazioni sulle attività di sindaco, giunta e consiglio sono aggiornate in tempo reale ed è possibile seguirne l’iter di approvazione. In questo modo viene completamente ribaltato il criterio di pubblicità degli atti in cui tutto ciò che è stato già deciso viene reso pubblico per soli 15 giorni. In Open municipio tutto ciò che viene presentato e discusso è reso pubblico e accessibile online prima che sia stato discusso e votato: i cittadini possono commentare e votare gli atti, monitorare politici, argomenti e territorio.
Il progetto parte con i comuni di Senigallia e Udine.
Si tratta di un’operazione unica in Italia e tra le prime esperienze nel mondo delle PMO’s, (le Parliamentary Monitoring Organizations), di cui Openpolis è rappresentante italiana.

È prevista la testimonianza del Dott. Paolo Coppola, Assessore all'Innovazione ed e-government del Comune di Udine.

13:00
13:45

Comunicazione Pubblica 2.0[K.34]

L’intervento vuole mettere in luce il cambiamento che sta coinvolgendo la pubblica amministrazione italiana e in particolare le sue strategie di comunicazione di fronte al grande sviluppo delle piattaforme Web 2.0 e all’evoluzione dei consumi mediali della popolazione italiana. In questo contesto dinamico e dai confini ancora in via di definizione siamo assistendo ad un rapido modificarsi delle modalità di fare comunicazione pubblica, attraverso un processo che abbandona sempre più mezzi e modelli informativi tradizionali per strutturare flussi di comunicazione pubblica 2.0 che coinvolgono e rendono protagonisti gli stessi cittadini. Ma come si stanno modificando le attività di comunicazione pubblica? Quali modelli comunicativi e di relazione stanno emergendo con il Web 2.0 e i media sociali? Cosa postano le PA sui social network sites? E perchè i cittadini diventano fan delle amministrazioni su Facebook? Lo speech cercherà di fornire risposte a questi interrogativi mettendo in luce l’evoluzione della comunicazione pubblica e le principali forme di colonizzazione del Web sociale da parte delle amministrazioni, anche grazie alla presentazione di alcune ricerche empiriche condotte sul tema.

13:00
14:00

Walk show: un percorso alla scoperta della Smart city[C.45]

Da sempre laboratorio di linguaggi, FORUM PA propone anche quest'anno a tutti i partecipanti nuove formule per vivere la manifestazione in maniera coinvolgente e da protagonisti, in particolare attraverso innovativi format di comunicazione realizzati grazie alla collaborazione con Urban Experience. Le nuove tecnologie divengono strumenti per vivere, comunicare e capire meglio l’innovazione. Il walk show, in particolare, è una passeggiata radioguidata attraverso le aree espositive del FORUM PA per raccontare, attraverso le voci dei protagonisti, le caratteristiche delle diverse applicazioni innovative nell'ambito della PA. Insieme alla conduzione radiofonica su sistema whisper radio sarà possibile utilizzare dei repertori audio tratti dal web (su piattaforma soundcloud) attraverso i mobtag (qr code) posizionati lungo il percorso, presso gli stand.

I partecipanti si incontreranno alla fine della sessione mattutina della Prima giornata su “L'impegno delle amministrazioni per le smart city e le smart community”, organizzata da FORUM PA in collaborazione con ASSET Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma. Appuntamento, quindi, alle 13.00 davanti alla sala dove si terrà la giornata. Da lì comincerà il percorso di poco più di un’ora, che porterà ad incontrare i protagonisti di questo tema presenti alla Manifestazione e a condividere idee e approcci diversi.

13:00
15:00

Esperienze di riorganizzazione, reingegnerizzazione e autoanalisi organizzativa degli Uffici Giudiziari[lab.142b]

Per rendere l’azione degli Uffici Giudiziari più efficace sotto il profilo amministrativo e più efficiente sotto il profilo economico, occorre ripensare l’organizzazione e reingegnerizzare i processi di lavoro coinvolgendo il personale nel percorso di modernizzazione, al fine di ottenere condivisione e collaborazione e  sviluppare la consapevolezza che “modernizzare ed innovare è possibile”. Il punto di partenza di questo processo è la conoscenza dei punti di forza e di debolezza organizzative dell’Ufficio Giudiziario, acquisita anche attraverso strumenti di autovalutazione quali il Common Assessment Framework. Nel seminario verranno presentate e discusse esperienze concrete di realizzazione di passi significativi di questo complesso percorso.

13:00
14:00

Dematerializzazione: come risparmiare nella gestione di una seduta di un organo Consiliare (Comunale, Provinciale o Regionale)[lab.38]

Tutti siamo a favore di una pubblica amministrazione paperless, sia per i suoi benefici per l'ambiente che per l'impatto sulla spesa pubblica. Eppure le sedute dei consigli dei nostri organi amministrativi continuano ad essere una delle fonti di consumo di carta più rilevanti di tutta la PA, una verità spesso nascosta perché annidata nei bilanci di migliaia di Enti territoriali. Il divario di semplicità di utilizzo che esiste tra il foglio di carta e la sua versione digitale è ancora tale per cui si preferisce stampare e fotocopiare le agende, gli ordini del giorno ed i documenti di discussione piuttosto che utilizzare un sistema paperless basato su un portale e accessibile per esempio da un PC portatile oppure un Tablet PC. Nel corso di questo incontro vedremo come è possibile gestire in maniera digitale il ciclo di gestione dei documenti per la seduta di un organo Consiliare con alcuni esempi di applicazioni utilizzati in alcuni paesi del Nord Europa (Norvegia,Svezia, etc…). Quali sono i fattori sui quali agire? Vieni all’incontro sapendo quanto spendi ogni anno di carta e scopri quanto budget e CO2 potresti risparmiare.

13:00
14:20

La Provincia di Roma per lo sviluppo sostenibile: un impegno riconosciuto[lab.170]

La Provinciadi Roma coglie la sfida della Commissione Europea di abbandonare progressivamente l’economia e la cultura fossile e ridurre di oltre il 20% le emissioni di CO2 nel proprio territorio insieme ai Comuni aderenti all’iniziativa del Patto dei Sindaci.  Il Piano di Azione Energia Sostenibile (PAES) della Provincia di Roma e dei comuni aderenti rappresentano una strategia realistica ma ambiziosa di come raggiungere entro il 2020 l’obiettivo comunitario. Le Province italiane, oltre alle loro competenze dirette di governo del territorio svolgono funzioni essenziali di coordinamento dei Comuni. Da qui si spiega il forte impegno della Provincia di Roma in qualità di Coordinatore territoriale per il Patto dei Sindaci. I PAES avranno il ruolo di indirizzare l’ente nei prossimi anni nell’obiettivo della riduzione dei gas serra nel proprio territorio e al contempo di fornire i criteri per un continuo monitoraggio per il progetto ambizioso del mainstreaming della politica climatica in tutti i settori rilevanti dell’ente.

In particolare in questo evento si approfondirà il tema degli acquisti verdi e della riduzione dei rifiuti attraverso il compostaggio domestico.  

13:30
14:30

Presentazione del libro di Luciano Hinna e Mauro Marcantoni "La riforma obliqua. Come riformare la Pubblica Amministrazione giocando di sponda" - Gli autori ne parlano con il Ministro Filippo Patroni Griffi[PR.01]

Il volume che si presenta è nato dalla collaborazione tra l’università Luiss-Guido Carli di Roma e la tsm-Trentino School of Management di Trento. Il punto di partenza è stato un seminario a porte chiuse tenutosi il 3 maggio 2011 cui hanno partecipato illustri studiosi: Giuliano Amato, Cristiano Castelfranchi, Giuseppe De Rita, Massimo Egidi, Jean-Paul Fitoussi. Un insieme prestigioso e variegato di sensibilità, competenze ed esperienze che hanno corrisposto al fondamentale prerequisito del seminario: un approccio interdisciplinare ai massimi livelli.
Il volume è stato curato da Luciano Hinna, professore ordinario di economia all’università Tor Vergata di Roma e da Mauro Marcantoni, direttore generale di tsm-Trentino School of Management di Trento.
Ciascuno dei cinque capitoli del corpo centrale del libro sono stati impreziositi dai contributi degli esperti che hanno partecipato al seminario.

giovedì, 17 maggio pomeriggio

14:00
15:00

Come la virtualizzazione e il Cloud Client Computing abilitano un accesso alla rete sicuro e conveniente per il settore pubblico[lab.86b]

L’odierno interesse per il Client Cloud e per l’Infrastruttura Desktop Virtuale (VDI) è centrato sulla migrazione delle attività di calcolo e di storage dal client verso i server. I fattori alla base di questo interesse nel settore pubblico sono la necessità di ottenere una maggiore sicurezza e il blocco delle workstation, un ridotto impatto ambientale e un minore costo totale di proprietà (TCO).

14:00
16:00

Digitcafè. Il nuovo italia.gov.it: servizi innovativi per l'amministrazione digitale[lab.193b]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
17:30

L’innovazione e l’organizzazione della P.A. dettate dall’Unione Europea: Punti di contatto e Reti europee al servizio dei cittadini e delle imprese[lab.30a.3]

I punti di contatto sui riconoscimenti professionali aiutano a comprendere il sistema di norme europee e nazionali che regolano la libera circolazione dei professionisti nell'UE. La rete IMI è uno strumento informatico per lo scambio di informazioni tra autorità competenti in relazione alle direttive del Mercato interno. Il SOLVIT è una rete gratuita per la risoluzione di problematiche relative a due Stati dell’U.E.  causate  dalla non corretta applicazione  della normativa   del mercato interno da parte delle Pubbliche Amministrazioni.
 

14:00
15:00

Informazione statistica territoriale settoriale per le politiche strutturali 2010-2015[lab.104]

Il progetto “Informazione statistica territoriale e settoriale per le politiche strutturali 2010-2015” co-finanziato dal Dipartimento per le politiche di sviluppo e coesione (DPS) del Ministero dello sviluppo economico e dall’Istituto nazionale di statistica (Istat) ha come obiettivo soddisfare i maggiori bisogni informativi espressi ai fini della valutazione del Quadro Strategico Nazionale QSN 2007-2013 e, più in generale, realizzare un sistema di statistiche per la misurazione dei risultati degli interventi pubblici per lo sviluppo locale.
Disporre di informazioni statistiche disaggregate a livello territoriale e periodicamente aggiornate sulle principali tematiche di intervento delle politiche regionali 2007-2013 e sui possibili scenari per le politiche di coesione post-2013, è fondamentale per sostenere le azioni dei decisori pubblici, per la programmazione e la valutazione delle politiche strutturali e di sviluppo.
Il progetto è pertanto diretto: a rendere più tempestiva l’informazione regolarmente prodotta dall’Istat; ad aumentare in modo significativo l’offerta di dati e indicatori a livello territoriale, per suddivisioni amministrative dettagliate (Regioni, Province, Comuni) e per suddivisioni funzionali del territorio (sistemi locali del lavoro, aree protette, altre aree rilevanti per le politiche, ecc.); a sostenere alcuni studi progettuali e di fattibilità per dar luogo ad una nuova disponibilità di statistiche nel futuro, in particolare in alcuni settori quali Trasporto, Progresso e benessere, Imprenditorialità, Pubblica Amministrazione, Ambiente.


 

14:00
15:30

DFP risponde. Decertificazione e decreto “Semplifica Italia”: istruzioni per l’uso[lab.137]

Le recenti novità in materia di documentazione amministrativa, in vigore a partire dal 1 gennaio 2012, sono destinate ad incidere profondamente nel rapporto tra amministrazione e  i cittadini e  nella cultura e nei comportamenti quotidiani delle amministrazioni.

A distanza di più di 4 mesi dall’entrata in vigore delle norme sulla decertificazione, l’OFFICINA consente ad operatori pubblici e privati di confrontarsi sulle molte questioni applicative di una riforma così rilevante nella vita quotidiana, in modo da consolidare le soluzioni finora proposte per la corretta attuazione della novità legislativa e permette, in ogni caso, di valutare eventuali ulteriori aspetti che possono utilmente contribuire alla sua implementazione.

Verranno inoltre approfondite le principali novità del decreto semplifica Italia

14:00
16:00

Digitcafè. IL Cloud in SPC[lab.203]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
15:00

SalusNet: “ECM, quali sanzioni a partire da agosto”[lab.185]

La recente manovra del governo Monti (legge n.214 del 22/12/2011, articolo 33), così come il precedente DPR n.138 del 13 agosto 2011 (convertito con modificazioni dalla legge n.148 del 14 settembre 2011), sancisce che entro il 13 agosto 2012 gli Ordini Professionali dei medici chirurghi e quelli delle professioni sanitarie non mediche dovranno stabilire le sanzioni da applicare a chi non acquisisce ogni anno i crediti ECM necessari per soddisfare gli obblighi formativi.
SalusNet, ha organizzato un incontro in cui vengono messi a confronto i punti di vista dei soggetti coinvolti a diverso titolo: dalla Direzione Amministrativa delle ASL ai Responsabili della Formazione agli Ordini e ai Sindacati.

 

14:00
15:00

Dalla Posta elettronica alla Collaborazione sul Cloud: l’esperienza della Provincia di Lecco[Lab.36]

Il Centro Servizi Territoriale (CST) della Provincia di Lecco per erogare servizi di comunicazione e collaborazione omogenei a tutte le municipalità ha optato per una soluzione di Cloud Computing. Con una logica Software As A Service tutti i dipendenti possono così accedere agli stessi avanzati servizi su Cloud  di posta elettronica, collaborazione e comunicazione in tempo reale permettendo un risparmio nei costi di acquisizione e gestione del servizio.

Nel corso dell’intervento dalla viva voce dei rappresentanti della Provincia si esaminerà l’esperienza di progetto valutandone i costi verso i benefici. La sessione è dedicata a Enti pubblici locali di tutte le dimensioni, Centri di Servizio Territoriali e Unioni di Comuni.

14:00
16:00

Digitcafè. Sistema di conservazione e albo dei conservatori accreditati[lab.200]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
16:00

Digitcafè. La gestione associata dell'ICT nei piccoli Comuni alla luce del DL semplificazione[lab.201]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
16:00

Digitcafè. La registrazione dei domini di secondo livello ".gov.it" e la nuova procedura[lab.202]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
16:00

Digitcafè. Il nuovo portale e le regole tecniche per il Repertorio nazionale dei Dati territoriali[lab.195b]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

14:00
15:00

Weekend-one “Salta il rischio e vai col divertimento”: meeting dei giovani sul rischio e divertimento attraverso la peer-education[lab.118]

“Salta il rischio e vai con il divertimento” è lo slogan della seconda edizione del meeting “Weekendone”, organizzato dalla Asl 9 sui temi della sicurezza e rivolto al mondo dei più giovani, in particolare i ragazzi delle scuole medie superiori del territorio provinciale.
L’obiettivo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare i giovani su temi che siano attinenti alla loro sfera di interesse, ma che riguardino abitudini, comportamenti e stili di vita, in modo da renderli sempre più responsabili e attenti ad evitare “il rischio”, soprattutto nei momenti di divertimento e tempo libero. Il mezzo sono progetti di comunicazione ed elaborati che i ragazzi hanno realizzato nel corso dell’anno e che saranno oggetti di mostre e performance.
Attraverso questa iniziativa, i ragazzi diventano veicolo, tra coetanei e non solo, di corretti stili di vita, secondo la filosofia dell’ educazione “tra pari” che gli operatori dell’Educazione alla salute della Asl 9 stanno portando avanti con successo da anni.
L’obiettivo finale dell’azienda è quello di lavorare con il mondo della scuola per creare percorsi dinamici, con la compartecipazione.

14:00
15:00

Il CAD e la PA Digitale[w.39]

La dematerializzazione dei processi documentali per la PA si traduce in vantaggi  in termini di risparmio, efficienza e riduzione del margine di errore, portando ad un miglioramento del rapporto con il cittadino, con il territorio e con le imprese.
Nel corso del workshop verranno descritte le principali caratteristiche degli strumenti di gestione digitale dell’informazione a disposizione della PA che permettono tempi rapidi di evasione delle pratiche e di svolgimento degli iter approvativi, garantendo alla Amministrazioni Pubbliche l’abbattimento dei tempi di risposta.

 

14:30
18:00

Giornata dell’Innovazione Sociale - Innovazione sociale made in Italy. Come e perché[G.04b]

L'appuntamento pomeridiano “Innovazione sociale made in Italy. Come e perché” apre un confronto multidisciplinare e multiprospettico sui temi, le dimensioni, le esperienze e gli attori dell’innovazione sociale, alla ricerca di un modello di sviluppo capace di rimettere al centro i beni relazionali, considerando le peculiarità e i punti di forza del panorama socio-economico italiano e gli indirizzi e le spinte che vengono dall’Unione europea.
Base di partenza per il confronto, aperto a tutti gli interessati,  sarà la sintesi dei lavori degli otto tavoli tematici nella sessione mattutina " Innovazione sociale made in Italy. Lavori in corso".

14:30
17:30

Il ciclo di gestione della performance nell’esperienza dei comuni[C.31b]

Il Dipartimento della funzione pubblica dedica un’intera giornata al Performance management nei Comuni, nell’ambito del Progetto “Valutazione delle performance”, realizzato in collaborazione con FormezPA, per favorire nei Comuni delle Regioni Obiettivo Convergenza l’implementazione di sistemi di pianificazione, misurazione e valutazione dei risultati, coerenti con le prescrizioni del D.lgs n.150 del 2009 sul Ciclo di gestione delle performance.

Dopo la sessione mattutina, nella seconda sessione, attraverso la testimonianza dei Comuni delle Regioni Obiettivo Convergenza, che hanno preso parte al Progetto “Valutazione delle Performance”, verranno affrontati i temi più rilevanti emersi dalle esperienze di maggior successo nell’implementazione del ciclo di gestione delle performance.La sessione sarà organizzata con modalità ispirate al cosiddetto "elevator pitch” per assicurare rapidità ed efficacia alla comunicazione .

14:30
16:30

Urbanistica e Mobilità Sostenibile: le azioni della Provincia di Roma per la semplificazione e l’innovazione nella gestione del territorio[lab.129]

La Provincia di Roma nel marzo 2010 ha approvato il Piano Territoriale Provinciale Generale (PTPG) la cui efficacia ha comportato importanti deleghe in materia urbanistica e di svolgere un ruolo attivo nella promozione e nello sviluppo coordinato del territorio. Per esercitare le nuove competenze la Provincia ha messo in campo specifici progetti per rendere i processi più snelli e certi nei tempi di risposta alle istanze di trasformazione del territorio. Nel corso dell’workshop saranno illustrati gli strumenti operativi realizzati per elaborare i dati del territorio metropolitano mediante la costruzione del quadro dinamico degli strumenti urbanistici comunali, la mappa, sistematicamente aggiornata, dei piani e dei programmi ivi operanti, operazione complessa che richiede lo svolgimento parallelo di diverse attività: digitalizzazione del PTPG, per renderlo interrogabile via web; Mosaico dei PRG, insieme di dati geografici dello stato vigente della pianificazione comunale. Altra azione, finalizzata a rendere trasparente e certa nei tempi l’istruttoria e l’emissione dei pareri nell’ambito di diverse procedure urbanistiche è la Soluzione S.I.PA. - Sistema Informativo PAreri – un Sistema eGovernment di Workflow & Business Process Management per la gestione dei flussi di emissione dei pareri che, allo stato, gestisce sei procedimenti “tipizzati” e si presta agevolmente ad integrare ulteriori tipologie procedimentali. Insieme alla costante ricerca di dialogo con i Comuni, che ha trovato espressione nell’analisi e chiarificazione delle procedure urbanistiche confluite in specifici atti di indirizzo, questi strumenti operativi vogliono contribuire ad assicurare un più ampio accesso da parte dei cittadini ai dati sulla gestione del territorio.

14:30
16:30

Giovani, Agricoltura e Politiche Regionali della Puglia: un triangolo di successo[lab.48]

La senilizzazione dell’imprenditoria agricola assume da tempo nei Paesi Sviluppati dimensioni e caratteristiche preoccupanti per il futuro del settore primario. Da alcuni anni l’Unione Europea - per il tramite dei Programmi Regionali per lo Sviluppo Rurale (PSR) - incentiva l’insediamento di imprenditori agricoli con meno di 40 anni. In Regione Puglia, oltre all’interessante modello di incentivo utilizzato, incentrato su una idea d’impresa su cui imperniare il proprio percorso di sviluppo, si è fortemente creduto in un nuova tipologia di relazione tra utenza e pubblica amministrazione, basando tutto il processo di definizione, redazione, trasmissione e selezione del progetto su un sistema informatico fortemente interattivo che ha anche garantito certezza delle regole ed eguaglianza di queste per tutti i concorrenti. Infatti,  i giovani interessati si sono candidati presentando preliminarmente la propria idea progettuale  senza attivare le procedure amministrative connesse all’avvio di una impresa agricola (attivazione di partita IVA, iscrizione al registro delle imprese agricole presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, acquisizione della titolarità dell’azienda oggetto di insediamento, ecc.). L’Amministrazione regionale ha valutato l’idea progettuale del giovane e, se questa è risultata idonea, lo ha invitato ad avviare l’attività di impresa; in caso contrario il giovane ha avuto la possibilità di ricandidarsi con una nuova idea progettuale.

Per l’accesso al pacchetto multimisura giovani, quindi, è stata adotta una procedura a “bando aperto”.

In definitiva si sono avuti 2 vantaggi:

•  Il giovane ha avviato l’attività di impresa soltanto a fronte di una effettiva ammissibilità a finanziamento dell’idea progettuale;

•  L’Amministrazione regionale ha effettuato l’istruttoria tecnico amministrativa delle sole istanze che hanno superato la fase preliminare. Ciò ha consentito di ottimizzare i tempi dell’istruttoria e l’utilizzo delle risorse disponibili ed ha ridotto il rischio del contenzioso.

E’ stato seminato per il futuro e la sopravvivenza di una specie a serio rischio di estinzione: l’agricoltore e, con lui, l’agricoltura pugliese.

14:30
15:30

Exploring the cloud: quali opportunità per il settore pubblico?[w.55]

Il cloud computing in ambito pubblico è ormai una realtà. Nel corso dell'incontro si cercherà di dare uno sguardo sinottico a quello che sta accadendo nel mondo, commentando i risultati di una survey di KPMG International, che affronta un tema cruciale: Cluod nel Government. Il confronto si manterrà sul un duplice binario: prestigiosi player che operano sul mercato multinazionale (Microsoft, Google) offriranno una prospettiva globale sui trend di applicazione e sviluppo, nel contempo DigitPA, l'ente che indirizza l'innovazione tecnologica, farà il punto sui processi di cambiamento in atto nella PA Italiana, alla luce di questa “nuova stagione della convergenza”. 

Nella parte conclusiva del dibattito verrà presentato l'approccio di KPMG per valutare la "Cloud Readiness", termine che esprime il grado di preparazione e di attitudine da parte delle organizzazioni produttive a entrare nel “mondo Cloud” per beneficiare appieno delle sue enormi potenzialità.

14:30
16:00

PROGETTO LUMIERE – LINEE GUIDA per l’Efficienza Energetica nella Pubblica Illuminazione[w.62]

Le Linee Guida rappresentano un documento intermedio e sperimentale ai fini della definizione di un percorso di riferimento atto a promuovere e facilitare la riqualificazione energetica degli impianti d’Illuminazione Pubblica, obiettivo principale del Progetto Lumière.
Un progetto essenzialmente dedicato agli Amministratori e tecnici Comunali con l’obiettivo  di agevolare ed instradare i loro Comuni  a realizzare interventi di riqualificazione energetica  degli  impianti di illuminazione, delineando appositamente per loro un percorso, tecnologico ed economico-finanziario standardizzato, nel quale confluiscano gli aspetti tecnologici, economici, finanziari e contrattuali che intervengono ed interagiscono nei processi di riqualificazione.
Le Linee Guida sperimentali, che analizzano e spiegano questo percorso, sono state inviate a oltre 2500 Comuni e ai presidenti di Regione e Provincia e disponibili sul sito www.progettolumiere.enea.it.
Una nuova edizione aggiornata ed integrata con nuove tematiche che attengono al percorso per la riqualificazione dell’impianto sarà messa a disposizione dei Comuni entro la fine dell’anno.
L’adesione al progetto Lumière è gratuita ed aperta a chiunque voglia contribuire a rendere il settore dell’illuminazione pubblica efficiente, innovativo e sostenibile.

14:30
15:30

Le soluzioni Oracle per il Disaster Recovery e la Business Continuity nelle PA alla luce del nuovo CAD[w.21b]

In un’era in cui l’utilizzo delle tecnologie ICT, per la gestione dei dati e dei processi interni alle varie amministrazioni, diventa sempre più importante e critica, la disponibilità dei Sistemi hardware e software richiede soluzioni a tutti i livelli, in grado di garantire la continuità di servizio. L'articolo 50-bis del nuovo Codice dell'Amministrazione Digitale rende proprio obbligatoria la definizione di un piano di continuità operativa e di un piano di disaster recovery nei sistemi ICT della Pubblica Amministrazione. Per rispondere al meglio a quanto previsto dal nuovo CAD occorre sia predisporre procedure accurate e testate sia avere a disposizioni tecnologie che ai vari livelli ICT consentano di implementare tutte le best practice per la Business Continuity e il Disaster Recovery. Le tecnologie che Oracle mette a disposizione della Pubblica Amministrazione consentono di implementare a tutti i livelli tali best practice e consentono di salvaguardare e proteggere nel tempo uno dei beni primari di una nazione: le informazioni.

14:30
17:30

Le città e la sfida della complessità a fronte di risorse finite[w.03]

Le città si trovano a dover gestire sfide, richieste e problemi complessi sia in ambito di esercizio normale delle loro competenze che in situazioni di emergenza di varie tipologie, con risorse assolutamente limitate e finite. I nuovi decreti governativi in materia fiscale e di organizzazione degli enti territoriali,  individuano nuove vie di finanziamento che portano necessariamente ad una forte riorganizzazione procedurale ed amministrativa.

14:30
15:20

Comunicare al cittadino, il traino dell’open government.[w.05b]

La comunicazione migliore per riaffermare la centralità della PA nel contesto territoriale. Divulgare l’offerta di servizi al cittadino, trainare l’innovazione, aumentare la trasparenza e la qualità dei flussi informativi/amministrativi, proteggere e promuovere il territorio. Poste Italiane al servizio della PA, per gestire le sue comunicazioni, attraverso strumenti facilmente accessibili, innovativi e diversificati in funzione del target e dei contenuti.

15:00
18:00

Lo stato dell’arte della contrattazione integrativa nel pubblico impiego[C.25]

 La contrattazione integrativa costituisce la sede elettiva in cui si misurano le politiche aziendali pubbliche, sia dal punto di vista della produttività, che della verifica ed implementazione degli istituiti del rapporto di lavoro. Dopo il blocco della contrattazione nazionale,  determinato dalle leggi nn. 122 del 2010 e  111 del 2011, anzi, la sede decentrata rimane l’unica abilitata a dettare regole sul rapporto di lavoro tramite accordi collettivi. Anch’essa, peraltro, risulta pesantemente condizionata dai vincoli e dai limiti posti dalle recenti normative di contenimento e razionalizzazione della spesa pubblica ed è regolata in modo innovativo dal d.lgs. n. 150 del 2009. L’occasione annuale del convegno sulla contrattazione integrativa permette, quindi, di esaminare lo stato di attuazione delle nuove regole e l’insieme delle problematicità in essere, anche alla luce delle possibili nuove ipotesi di riforma.

Anche nell’edizione di quest’anno, in apertura sarà presentata la Relazione 2012 della Corte dei conti sul costo del lavoro pubblico

15:00
18:00

Agenda Digitale italiana - Competenze digitali[C.03]

 La strategia di Agenda Digitale Italiana per l’area dell’Alfabetizzazione informatica e dello sviluppo delle competenze digitali si propone alcuni obiettivi prioritari che saranno alla base del convegno proposto:

  • Estendere il piano “La scuola digitale”, fornendo quindi un contributo fondamentale al superamento del digital divide culturale dell’intera popolazione, dal momento che la scuola rappresenta un fattore potenzialmente in grado di coinvolgere direttamente o indirettamente oltre 30 milioni di persone.
  • Garantire l’inclusione digitale dei cittadini, con particolare riferimento ai diversamente abili, stranieri, minori ristretti, ospedalizzati, anziani...) anche attraverso soluzioni di telelavoro
  • Promuovere l'uso delle ICT nei vari settori professionali, del mondo del lavoro pubblico e privato, per garantire la riqualificazione e la formazione professionale.
  • Promuovere la formazione in ambiente di blended e-learning mediante LIM – e-book; e-participation;
  • Incentivare il target femminile all'uso delle ICT;
  • Realizzare campagne di comunicazione istituzionale volte a favorire l’utilizzo delle tecnologie e la promozione delle competenze informatiche.

15:00
18:00

Il punto sulla dirigenza[C.23]

 

L’autonoma responsabilità dirigenziale è un punto centrale nella riforma continua dell’amministrazione. Con la recente intesa tra Ministro della PA, sindacati ed esponenti delle regioni e degli EL entra anche nei futuri provvedimenti.

In questo campo è necessario un intervento normativo finalizzato a conseguire una migliore organizzazione del lavoro e di assicurare alla dirigenza un’effettiva autonomia, rafforzando i meccanismi di selezione, formazione e valutazione e qualificando le modalità di conferimento dell’incarico. A tal fine si devono rafforzare il ruolo e le funzioni e le responsabilità dei dirigenti, garantendone una effettiva autonomia rispetto all’organo di indirizzo politico. Occorre, altresì, il pieno riconoscimento del ruolo negoziale e delle prerogative delle specifiche rappresentanze della dirigenza nelle amministrazioni e nei luoghi di lavoro. È necessario, poi, favorire la mobilità professionale e intercompartimentale dei dirigenti. Il sistema di incentivazione dei dirigenti, infine, dovrà essere legato alla verifica della relazione fra le risorse disponibili utilizzate (strumentali e umane) e realizzazioni ed effetti in termini di servizi, rispetto a obiettivi prefissati, ferme restando eventuali peculiarità nei singoli settori.

15:00
18:00

Open data e politiche pubbliche[C.27]

La tavola rotonda parte dalla constatazione che la grande mole di dati che le leggi sulla trasparenza e le prime esperienze di Open Data mettono a disposizione della politica, dei media e dei cittadini richiede, per poter effettivamente aprire la porta a migliori e più consapevoli politiche pubbliche e a una maggiore partecipazione dei cittadini alle scelte, una consolidata  cultura del dato e un'abitudine all'analisi oggettiva

15:00
18:00

Eco-City: ispirazioni per una città sostenibile[O.06]

Le Agende di tutti i principali governi sono dedicate in massima parte alla sostenibilità economica, ambientale e sociale (UN Agenda 21, EU Horizon 2020), affrontando sfide energetiche, di sovrappopolazione e cambiamenti climatici. Poiché la “sostenibilità” ha radici e diramazioni di diversa natura - politica, sociale, ambientale, tecnologica, etica, religiosa, filosofica ed economica - non è frazionabile e quindi le iniziative proposte non possono che essere multidisciplinari, flessibili ed integrate.
Il gruppo Finmeccanica, da sempre attento al tema della sostenibilità, ha sviluppato negli ultimi anni una visione del proprio portafoglio di tecnologie, prodotti e servizi in ottica di sostenibilità, denominata “Planet Inspired”, indirizzando le smart community su temi quali la sicurezza integrata, l’osservazione della Terra e delle mutazioni climatiche ed ambientali, la gestione delle risorse naturali, l’energia, la logistica, la salute.
Il convegno “Eco-City: ispirazioni per una città sostenibile” affronta approcci innovativi alle tecnologie, competenze, soluzioni ed asset per la sostenibilità ambientale, approfondendo il tema generale grazie ai contributi di numerosi testimonial, focalizzandosi sugli aspetti relativi ad energia e logistica/mobilità nelle smart cities.

15:00
16:45

Smart Cities: Mobile Applications per la gestione e la tutela del territorio.[O.04]

La sicurezza della persona e dell’ ambiente sono tra le priorita’ di una gestione pubblica. Il controllo del territorio con applicazioni mobili su tablet o smartphone permette di prevenire situazioni di rischio idrogeologico o di pericolo per la comunità grazie all’integrazione con le centrali operative

15:00
15:45

Nuovi modelli per finanziare l'innovazione: incentivi e open innovation[K.25]

Per secoli le competizioni a premi sono state usate per stimolare l’innovazione e sollecitare soluzioni dal basso, a partire dal Longitude Prize (1714). L’arrivo del Venture Capital e  lo sviluppo di dipartimenti R&D (Ricerca & Sviluppo) interni  alle organizzazioni nel 20° secolo hanno fatto sì che il ricorso alle competizioni a premi si restringesse moltissimo. Gli effetti dell’attuale crisi economica stanno  favorendo la “rinascita” delle competizioni a premi, dal momento che sono crollati i budget in R&D  e si sono intensificati i tagli dei Venture Capital sugli investimenti ad alto rischio. Portando un problema fuori da quello che è il linguaggio tecnico del settore di riferimento, possiamo attrarre livelli alti di partecipazione tra gli innovatori, che lavorano alla risoluzione del problema seguendo un approccio pay – for – performance. Come mostra la nostra esperienza, le competizioni a premi sono efficaci nei risultati ed efficienti dal punto di vista dei costi. Per ogni miliardo di euro che  Innocentive ha elargito con le sue Grand Challenges, i finalisti e i vincitori hanno generato oltre 34 miliardi di euro in investimenti e acquisizioni.

15:00
15:45

CAD e gestione documentale: cosa è veramente successo[K.22]

L'intervento è finalizzato a fornire una lettura unitaria della normativa sulla digitalizzazione e indicazioni chiare e operative sui passi necessari per avviare progetti sostenibili di gestione informatica dei documenti e di comunicazione digitale coerenti con il nuovo quadro normativo inclusivo della regolamentazione tecnica in corso di approvazione. L'analisi sarà accompagnata dalla illustrazione di alcuni casi concreti.

15:00
18:00

Il ciclo della perfomance: opportunità o nuovo adempimento?[C.38]

Lo sviluppo riparte anche da una Pubblica Amministrazione capace di svolgere il ruolo di infrastruttura potente nel definire i nuovi standard di politica sociale ed economica.

Il ciclo della performance è uno strumento tecnico e organizzativo di valore strategico per raggiungere questo obiettivo, assicurando l’accordo tra la necessaria continuità amministrativa (e, quindi la “buona efficienza di base” di un Paese moderno) e le intenzioni della politica (e, quindi, l’adeguamento innovativo delle politiche di sviluppo”).

Il seminario ha il fine di presentare e discutere alcuni casi eccellenti di concreta utilizzazione dei nuovi strumenti.

15:00
15:45

Open data nelle regioni: Iniziativa Open data di Regione Lombardia[lab.157]

Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

15:00
16:00

Innovazione in sanità : una risposta alla crisi – il Nuovo Ospedale di Livorno[lab.126]

 “L’innovazione in sanità: una risposta alla crisi – Il Nuovo Ospedale di Livorno” è questo il titolo scelto per l’incontro che si terrà nella mattinata di giovedì 17 maggio e al quale parteciperanno l’avvocato Paolo Pettinelli, una delle massima autorità a livello nazionale nel campo di Partenariato Pubblico Privato e Project Financing, e l’ingegnere Andrea Belardinelli, responsabile dell’Innovazione e Sviluppo dell’Azienda USL 6 di Livorno.

Nel corso del incontro, partendo dell’esperienza del nuovo ospedale di Livorno il cui bando è in corso di aggiudicazione, si ricostruirà quanto fatto fino ad oggi e quali strade siano state intraprese per trasformare le contingenze della crisi in momenti sviluppo e opportunità. In particolare di quali nuove forme di innovazione non solo tecnologica, ma anche finanziaria siano state adottate per non permettere alla locomotiva della sanità di fermarsi.

 

15:00
16:00

Progetto Operativo “Assistenza tecnica per lo Sviluppo turistico delle Regioni Convergenza”- Attività in corso[lab.106]

Il Progetto Operativo, a titolarità del Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo, mira ad assicurare il necessario supporto informativo e tecnico-organizzativo alle amministrazioni regionali per la gestione degli interventi di sviluppo del settore turistico e, in particolare, concorre all’individuazione di modelli innovativi di sviluppo turistico che le Regioni dell’Obiettivo Convergenza attueranno nell’ambito della propria programmazione.
Le principali attività sono in corso di esecuzione e riguardano, tra l’altro, uno studio di fattibilità sull’utilizzazione delle card turistiche ai fini della promozione del territorio (Italy Pass par Tour), studi settoriali sui flussi turistici, l’applicazione di uno strumento di lettura territoriale integrata per le quattro regioni Convergenza definito ReGIStro, la realizzazione di una rete intranet per la creazione di una comunità on line tra il Dipartimento e le singole Regioni, oltre a specifiche attività realizzate in ambito regionale tramite il supporto di singoli professionisti.

 

15:00
16:00

Il programma di borse di studio del MAE e l’internazionalizzazione delle Università[lab.21]

Le relazioni culturali rivestono un’importanza fondamentale nella promozione del “prodotto Italia” all’estero. All’interno del MAE, la gestione di tali relazioni è demandata ad una struttura specifica, la Direzione Generaleper la Promozionedel Sistema Paese (DGSP), tra i cui obiettivi rientra la diffusione delle eccellenze economiche, scientifiche e culturali italiane attraverso vari canali. Uno dei mezzi di promozione più efficaci è il canale universitario. In tale ambito si esplica l’attività dell’Ufficio VII DGSP i cui compiti principali sono: promuovere l’internazionalizzazione delle Università italiane; favorire l’attrazione di studenti stranieri anche attraverso i programmi di borse di studio del MAE; e consolidare i rapporti interculturali attraverso iniziative di scambio giovanile.

La presentazione, dopo avere brevemente descritto l’azione del MAE di supporto all’internazionalizzazione del sistema universitario italiano da parte, fornisce una panoramica delle opportunità di studio e formazione offerte a cittadini stranieri ed italiani attraverso le borse di studio.

15:00
15:40

Desktop virtuali: niente di più semplice e sicuro[lab.08]

Minacce sofisticate, proliferazione di dispositivi e un crescente carico di requisiti di conformità e riservatezza dei dati stanno cambiando il panorama della sicurezza delle informazioni e delle applicazioni. C'è bisogno di un approccio moderno che fortifichi la loro protezione, riservatezza e conformità incrementando produttività e flessibilità delle organizzazioni.
Grazie a Citrix oggi i desktop, le applicazioni e i dati possono essere acceduti o distribuiti in modo protetto da e su qualsiasi dispositivo.
Le soluzioni di virtualizzazione Citrix offrono desktop e applicazioni virtuali costruiti su misura per tutti i tipi di utenti.
L’approccio di deskop virtuale Citrix, personalizzato ma ottenuto con una sola piattaforma integrata, offre numerosi vantaggi come:

  1. Aumentare la produttività con accesso protetto al desktop e alle applicazioni in qualsiasi momento, ovunque.
  2. Rispondere in modo efficace ai cambiamenti organizzativi o di processo dell’ente o organizzazioni.
  3. Centralizzare e ottimizzare la gestione di desktop, applicazioni e dati, riducendo i costi IT e garantendo la sicurezza.

Citrix cambia il modo in cui aziende e IT lavorano e gli utenti collaborano nell’era del cloud. Con soluzioni di cloud, collaborazione, networking e virtualizzazione leader di mercato, Citrix migliora gli stili di lavoro mobili e i servizi cloud, rendendo i complessi reparti IT delle imprese più semplici e più accessibili per 260.000 aziende. I prodotti Citrix supportano il 75% degli utenti internet ogni giorno e l’azienda collabora con oltre 10.000 imprese in 100 paesi.

15:00
17:00

Il ciclo dei rifiuti come risorsa e la politica del consenso[lab.112]

La direttiva europea 2008/98/CE stabilisce che la gestione dei rifiuti deve essere conforme a una “gerarchia” che ponga in ordine di priorità prevenzione, riuso, riciclaggio, altre forme di recupero e infine smaltimento . È perciò inequivocabile che i rifiuti devono essere preventivamente trattati e per quanto possibile recuperati prima di essere smaltiti. La direttiva sui rifiuti non si limita quindi alla fase post-produzione ma estende il campo di applicazione alla prima fase di “progettazione” di ciascun prodotto commerciale, che deve essere mirata ad allungarne il più possibile il “ciclo di vita”, ad agevolarne il loro riuso, o in alternativa il riciclaggio come materiale per la produzione di altri beni.

Si deve perciò progressivamente passare da un modello di sistema produttivo che consideri la produzione dei rifiuti come una variabile direttamente legata ai parametri economici, a un modello fondato sul concetto di massimo recupero a fine vita dei prodotti e di minimizzazione della presenza di sostanze e composti pericolosi nei rifiuti generati.

È questa la sfida che dovrà vedere impegnati i ricercatori e gli  Amministratori locali nei prossimi anni. Ne dovrà risultare un sistema socio-econornico più evoluto e consapevole, in cui l'utilizzazione delle corrette tecnologie per il  trattamento dei rifiuti sia considerata favorevolmente dalla collettività, piuttosto che con generico atteggiamento di rigettto derivante dalla convinzione che queste siano comunque responsabili di generazione e diffusione di sostanze inquinanti.

È utile anche ribadire che la funzione della comunità scientifica non si limita alla produzione di conoscenza e di soluzioni ma, in quanto non-portatrice di interessi, comunica con neutralità e oggettività i risultati raggiunti con gli studi, nel rispetto dei principi dell'etica.

Nel settore dei rifiuti, soprattutto nel nostro Paese, c'è ancora molto da fare e sono molti coloro che, sia nel settore pubblico che privato, possono concorrere a realizzare gli obiettivi qui accennati.

È appena il caso di ricordare che la corretta gestione del ciclo dei rifiuti richiede valutazioni assai complesse che non possono essere limitate a quelle tecnologiche, ma che devono riguardare con cura anche maggiore gli aspetti socio economici delle soluzioni adottate e il loro possibile impatto sulla salute dell 'uomo.

Con questa conferenza desideriamo realizzare un confronto di saperi sugli aspetti principali della problematica dei rifiuti per comprendere meglio quali debbano essere le scelte più virtuose in una linea di convergenza verso la direttiva europea di riferimento e nell’interesse della qualità ambientale e del benessere delle popolazioni, anche per rendere queste ultime pienamente consapevoli delle problematiche e delle scelte, e infine guadagnarne il consenso.

15:00
15:50

Agenda Digitale Europea e finanziamenti UE per il settore ICT: un’opportunità per enti pubblici, Università ed imprese[w.51b.2]

L’Agenda Digitale Europea è una delle iniziative faro dell’Unione Europea, e mira a sviluppare un mercato unico digitale per condurre l’Europa verso una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

Una delle priorità dell’Agenda Digitale Europea è quella di aumentare gli investimenti in attività di ricerca ed innovazione sulle ICT e garantire che le idee migliori giungano sul mercato, anche attraverso la concessione di appositi incentivi per enti pubblici, Università ed imprese.

Nel corso del Master verranno presentati i principali incentivi che l’Unione Europea offre per gli enti che vogliono investire in attività di ricerca o innovazione nel settore delle ICT. Tra gli argomenti affrontati anche quello del nuovo Partenariato Europeo per il Cloud Computing, recentemente lanciato dalla Commissione Europea allo scopo di contribuire a superare l’attuale frammentazione nella domanda da parte della Pubblica Amministrazione di servizi di Cloud Computing.

15:00
15:50

Soluzioni di Cloud Computing per la PA: g-cloud[w.43]

Come affrontare un percorso di evoluzione verso il Cloud Computing per abilitare la Pubblica Amministrazione all'Open Government, migliorando l'efficienza e garantendo i massimi livelli di flessibilità del flusso informativo (servizi web, integrazione delle piattaforme e dei sistemi)

15:00
15:30

Start Up per l’interscambio del Centro Cartografico Regionale[w.71]

La piattaforma tecnologica per la fase di start up del Centro servizi catastali utilizza applicativi web-oriented secondo il paradigma Internet/Intranet e dedicati all’interoperabilità multidipartimentale della Regione Calabria, con particolare riferimento ai dati catastali per l’integrazione con la componente geospaziale.

Il sistema fonda sull’integrazione degli archivi cartografici ed alfanumerici esistenti presso gli uffici regionali e comunali, ai fini della realizzazione di livelli informativi gis-oriented, con struttura di dati standardizzata.

È dotato delle interfacce per la pubblicazione dinamica delle mappe e dei dati elaborati; ha le funzionalità di interrogazione e ricerca sui livelli informativi cartografici inseriti nel sistema informativo geografico.

La piattaforma web gis è aperta – attraverso la realizzazione di strati informativi vettoriali - alla gestione di informazioni derivanti da vari ambiti, da rendere disponibili per i diversi dipartimenti regionali: strumenti urbanistici di livello comunale, di cui è possibile anche il controllo sullo stato di avanzamento del piano; accreditamento delle strutture ospedaliere private e requisiti e caratteristiche di queste; cartografie di individuazione delle aree protette e di interesse ambientale.

15:00
16:00

Leggere la congiuntura e il ciclo economico[w.10b]

Il corso intende fornire un primo quadro di conoscenze utili per leggere gli indicatori congiunturali, offrendo alcuni strumenti di base per gli utilizzatori non esperti di dati economici. In particolare, si vuole integrare le diverse informazioni all’interno di uno schema interpretativo che, seppure molto semplificato, permetta una prima lettura dell’evoluzione delle maggiori variabili economiche.

 

15:00
16:00

La collaborazione e la produttività Cloud based per gli enti pubblici[w.12b]

Come cambia la produttività personale ed aziendale nell’era del Web 2.0? Scoprilo in questa sessione dove potrai vedere all’opera in modalità Software As A Service in una unica soluzione le versioni online dei più celebri software Microsoft per la gestione della posta elettronica e della collaborazione aziendale. Progettati per soddisfare le più sofisticate esigenze dei clienti per quanto concerne sicurezza, affidabilità, continuità ed efficienza degli utenti, questi servizi possono essere resi disponibili in pochi minuti in modo da consentire agli Enti Pubblici di migliorare la produttività e ridurre i costi e la complessità delle attività correlate alla gestione e alla manutenzione dei server. Questa soluzione può abilitare scenari come il tele-lavoro e la collaborazione tra dipartimenti ed enti diversi permettendo di abilitare funzionalità che abilitano l’accesso semplice e conveniente a email, documenti, contatti e calendari da qualsiasi luogo e qualunque dispositivo sfruttando la familiare esperienza di produttività per PC, cellulare e browser. Nel corso dell’intervento verranno esaminati casi e testimonianze nei più diversi settori dell’amministrazione pubblica: dalla Sanità ai Comuni fino ai Centri di Servizio Territoriali.

15:30
16:30

Le linee guida nei comitati unici di garanzia[lab.98]

Il seminario ha lo scopo di delineare le linee guida che i comitati unici di garanzia intendono adottare nell’ambito delle attivita’ istituzionali previste nella programmazione regionale e in una piu’ ampia organizzazione territoriale che vedra’ la costituzione di una rete tra i vari cug per la realizzazione di programmi di intervento nella pubblica amministrazione.

15:30
17:30

Servizi all’utenza e sportelli polifunzionali[lab.143b.2]

Per soddisfare cittadini che legittimamente sviluppano una coscienza dei propri diritti e una capacità critica sempre maggiori, per erogare servizi di qualità all’altezza di tali esigenze, occorre ripensare i meccanismi operativi e dotarsi di nuovi strumenti per l’esercizio della Giustizia, volti a facilitare e rendere più efficaci i rapporti con cittadinanza ed utenti. Nel corso della sessione seminariale verranno illustrati alcuni progetti che hanno prodotto risultati positivi e proposto soluzioni nuove e interessanti in termini di miglioramento dei rapporti con i cittadini.

15:30
16:30

Apps, Cloud e Virtual Community[w.25]

L’università è il luogo in cui le idee si trasformano in progetti, che una volta realizzati trovano spazio nel settore della ricerca e nelle aziende. In un contesto dinamico la comunicazione e la collaborazione sono fondamentali per stare al passo coi tempi, ed è necessario fornire agli studenti e ai docenti dei mezzi semplici ed efficaci. La Sapienza Università di Roma ha scelto le Google Appsper migliorare gli strumenti di ricerca e di studio, individuale e di gruppo, e offrire ai propri studenti la possibilità di utilizzare oggi la tecnologia che troveranno domani nel mondo del lavoro. 

Con il supporto di Scube NewMedia, il principale ateneo della Capitale ha creato la più grande Community universitaria europea: oltre 165.000 studenti interconnessi nella Cloud di Google. Le Google Apps sono una soluzione che allo stato dell’arte offre un livello di affidabilità ed evoluzione senza eguali. Non solo posta elettronica, ma messaggeria istantantanea, video chat, calendario, pagine web, storage virtuale, applicazioni per la gestione dei documenti e gruppi. Le Apps rivoluzionano la comunicazione e la condivisione, con la possibilità di accedere alle proprie risorse da qualsiasi dispositivo connesso a internet: desktop, notebook, tablet e smartphone. 

In questo master verrà descritto il valore aggiunto delle Apps e della tecnologia Cloud, come opportunità per creare un collegamento dinamico e reciproco tra università, ricerca e mondo del lavoro.

15:30
17:00

Armonizzazione dei sistemi contabili nella Pubblica Amministrazione[w.17b]

“...L’armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di Bilancio delle Amministrazioni Pubbliche è finalizzata a sopperire alle molteplici criticità rilevate nell’attuale sistema, nell’ottica di una maggiore trasparenza e affidabilità dei dati della finanza pubblica..."

Per tale finalità, due decreti (DLgs 91 del 31/05/2011 e DLgs 118 del 23/06/2011) recano forti innovazioni alla disciplina delle procedure contabili: per gli enti pubblici non territoriali, il primo; per quelli territoriali e strumentali, il secondo. In accordo ad essi tutte le Amministrazioni Pubbliche hanno iniziato un percorso per armonizzare i propri regimi contabili, rendendo così più trasparenti e confrontabili i bilanci dei diversi livelli della PA.

Tale quadro normativo modifica sensibilmente le modalità gestionali necessarie per un'azione amministrativa di tipo "aziendalista" e richiede l’affiancamento di un sistema di correlazione tra attività e risultati a quello, obbligatorio, di contabilità finanziaria.

Nell’ambito del Master, verrà illustrato come l’offerta Oracle consenta a tutti i soggetti, attivi e non, di gestire le informazioni in modo semplice e con strumenti standard e di come, allo stesso tempo, metta a disposizione delle Amministrazioni modelli di processo predefiniti ed al contempo flessibili, in modo da poter essere facilmente rielaborati, per riflettere sia gli assetti organizzativi esistenti che sia quelli futuri e le scelte operative di ogni Amministrazione.

15:30
16:30

PA e prodotti per la detergenza e la disinfezione: la sostenibilità tra i vincoli della normativa vigente e la spinta dell'innovazione[w.02b.2]

Un efficace sistema di pulizia e di igiene che tenga conto degli aspetti legati alla sostenibilità è un fattore determinante nel contenimento della spesa pubblica, ma la Pubblica Amministrazione ne è consapevole?

Spesso non sono conosciuti i vantaggi derivanti dall’applicare criteri di sostenibilità nella selezione dei fornitori e negli acquisti diretti, compresi quelli riguardanti le operazioni di pulizia e disinfezione degli ambienti. Oltre ad essere considerati prevalentemente un impegno oneroso, manca la percezione di quelli che sono i benefici non solo in tema di sicurezza e protezione ambientale, ma anche e soprattutto in termini economici.

Si parlerà di evoluzione dello scenario normativo nella detergenza e nei biocidi (REACH, classificazione ed etichettatura, Regolamento Biocidi) e dei pilastri della sostenibilità di Assocasa e la loro applicazione in alcuni progetti volontari come il “Charter per la pulizia sostenibile”

15:30
16:20

Reverse Factoring.[w.06b]

Reverse Factoring PA è un prodotto di Sace Fct collocato da Poste Italiane – BancoPosta altamente innovativo.

Il nuovo servizio è stato pensato con l’intento di facilitare la Pubblica Amministrazione nei pagamenti dei propri debiti di fornitura.

15:30
17:30

Agenda Digitale. Semplificare per partecipare[w.70]

La piattaforma integrata di servizi di e-Government della Regione Calabria costituisce un’infrastruttura di dati geografici per l’interoperabilità spaziale, in grado di erogare servizi avanzati per il completo governo dell’intero territorio regionale, mediante consultazione interattiva, con l'utilizzo di sistemi webGIS open source, da parte di cittadini, imprese, soggetti pubblici.

Il sistema è dedicato alla gestione di serie di servizi sia a bassa che ad elevata interattività. Si tratta di servizi:

- di livello provinciale, per la gestione di pratiche per autorizzazioni, denunce, procedure tecnico-amministrative, riguardo a tematiche ambientali, della sicurezza, amministrative;

- di livello comunale, per gli aspetti concernenti la gestione dei processi del progetto e dell’opera edilizia.

In particolare si porta in evidenza il modello unico digitale per edilizia e catasto, al fine di sistematizzare il procedimento di aggiornamento delle banche dati catastali e comunali, attraverso l’utilizzo di un “fascicolo integrato” del procedimento edilizio; lo strumento consente la presentazione di procedimenti edilizi, la consultazione integrata dei dati urbanistici, la trasmissione verso l’Agenzia del Territorio dei dati di suo interesse provenienti dalle banche dati comunali.

L’utilizzo della piattaforma consente significativi benefici di tipo sociale ed economico, facilitando l'interazione tra professionisti, imprese e pubblica amministrazione, e anche migliorando il livello di efficacia ed efficienza dei servizi erogati.

16:00
16:45

Performing media per l'innovazione territoriale: i format di Urban Experience[K.23]

Si tratta di rilanciare un uso sociale e creativo delle reti attraverso un particolare approccio ludico partecipativo coniugato con un marketing strategico, l’Innovazione Territoriale.

L’utilizzo di soluzioni evolute dell’interaction design e del web 2.0 rappresentano possibilità che si articolano sul principio attivo di un’innovazione che reinventa l’iniziativa culturale. 

Ciò che si definisce Urban Experience è un ambito che contempla azioni su più piani, dall’happening radioguidato ai progetti di urbanistica partecipativa, dalle esplorazioni urbane al crowdworking, dal marketing territoriale non-convenzionale all’innovazione sociale, dalle palestre di cittadinanza interattiva all’integrazione memoria-reti-territorio.

Uno dei format di urban experience che si propone è il walk show, passeggiate radioguidate come quelle che si svolgeranno attraverso le aree espositive del FORUM PA per conversare ed esporre, attraverso le voci dei protagonisti, le caratteristiche delle diverse applicazioni innovative nell'ambito della pubblica amministrazione.

Un walkshow si svolgerà proprio alla fine di questo Key note.

Insieme alla conduzione radiofonica su sistema whisper radio sarà possibile utilizzare dei repertori audio tratti dal web (su piattaforma soundcloud) attraverso i mobtag (qr code) posizionati lungo il percorso, presso gli stand.

Questi gli altri walkshow in programma
Giovedì 17 maggio ore 13 iscriviti
Venerdì 18 maggio ore 13 iscriviti
Venerdì 18 maggio ore 17 iscriviti

16:00
17:30

Etica, trasparenza e partecipazione[lab.108]

Il progetto Etica ha realizzato diverse iniziative, nelle regioni obiettivo convergenza, relative alla trasparenza, integrità, semplificazione  e innovazione. Alcune di queste possono essere messe a disposizione di tutta la PA e facilmente replicate:

  1. Barometro della trasparenza per un’autovalutazione del livello di trasparenza raggiunto
  2. Matrici del rischio per tenere sotto controllo il rischio etico nei processi e nelle procedure
  3. Cittadini monitori per attivare circuiti virtuosi di collaborazione e partecipazione 
  4. Project Cycle Management per la gestione dei beni confiscati alla

    criminalità organizzata

16:00
17:00

Gestione diretta dei sinistri e la valutazione dei rischi nell’Asur Marche[lab.88]

ASUR Marche ha provveduto a strutturare specifica procedura di gestione autonoma e diretta dei sinistri per responsabilità civile verso terzi, avviata in aprile del 2008 ed implementata progressivamente in funzione delle esigenze aziendali emerse fino ad oggi, dando vita ad un modello organizzativo e gestionale armonizzato su tutta l’architettura aziendale e che vede coinvolti in forma multidisciplinare soggetti e professionalità diverse ma complementari. La puntuale raccolta e gestione dei dati relativi alle richieste risarcitorie avanzate e contenziosi, effettuata con l’ausilio di un semplice sistema informatizzato gestito a livello centrale dell’azienda, ha permesso la costituzione di uno storico sinistri aziendale a cui far riferimento per lo studio sistemico della sinistrosità aziendale. Lo strumento adottato per l’analisi reattiva sui sinistri ha come assunto la formula: R = P x D, dove R = rischio, P = probabilità/frequenza di accadimento, D = danno procurato. Su tale caposaldo, ai fini della definizione del Rischio Asur, si è pertanto provveduto a costruire due scale valoriali una per Frequenza ed una per Gravità la cui intersezione struttura una matrice per il calcolo dell’Indice di Priorità del Rischio, inteso come unità di misura convenzionale numerica del rischio. Attraverso tale strumento di analisi reattiva sui sinistri ASUR Marche ha identificato il proprio livello di rischio, lo ha valutato consapevolmente e di conseguenza ha programmato obiettivi ed avviato azioni di riduzione ed appropriata gestione dello stesso al fine di raggiungere l’ineludibile l’obbiettivo: Gestione integrata del Rischio Clinico.

 

16:00
16:45

Open data nella PA centrale: Ministero Istruzione Università Ricerca e INPS[lab.158]

Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.

16:00
17:00

Le principali novità nelle attività di formazione dell’Istituto Diplomatico e aspetti del programma di Tirocini MAE- CRUI[lab.19]

L'Istituto Diplomatico è la struttura del Ministero degli Affari esteri competente per la formazione di tutto il personale del Ministero degli Affari esteri. La particolarità del Ministero degli Affari esteri e le notevole riduzione delle risorse disponibili hanno reso necessaria la sperimentazione di una serie di innovazioni - sia nei programmi che nei mezzi utilizzati - volte a garantire un' adeguata offerta formativa. In particolare, oltre all’introduzione di nuove tipologie di corsi, si stanno sperimentando alcuni progetti pilota nel campo della formazione a distanza (realizzazione di nuovi moduli di online learning) e ad una collana di manualistica digitale a beneficio di tutto il personale.

Nel corso dell'officina verranno anche fornite alcune informazioni sull'andamento del programma di Tirocini MAE-CRUI che permette a giovani laureandi o neo-laureati di trascorrere un breve programma di formazione presso il Ministero o presso la rete diplomatico-consolare.

16:00
16:40

Private Cloud e PA: ridurre i costi massimizzando gli investimenti con le tecnologie abilitanti[lab.13]

La sessione fornirà le linee guida per consentire alla PA di costruire da subito il proprio sistema di IaaS interno sfruttando a pieno gli investimenti già sostenuti.
Dopo un overview generale sul cloud computing, verrà presentato CloudStack, la tecnologia open source di Citrix, che consente la realizzazione di un cloud privato sfruttando i sistemi di virtualizzazione preesistenti.

16:00
17:00

L'eredità del censimento della popolazione per le Pubbliche Amministrazioni[lab.24b]

Al fine di garantire una “eredità positiva” alle Pubbliche Amministrazioni, nell’ottica della massima riutilizzabilità degli strumenti impiegati , le innovazioni di processo e di prodotto del 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni hanno riguardato in particolare:

●        la predisposizione delle nuove basi territoriali;

●        gli strumenti informatici e gli standard statistici per la predisposizione e acquisizione via web delle Liste Anagrafiche Comunali (LAC);

●        gli strumenti informatici e gli standard statistici per la Rilevazione dei Numeri Civici (RNC) nei comuni con almeno 20.000 abitanti che è stata ampliata ai comuni con meno di 20.000 abitanti, mediante una collaborazione con l’Agenzia del Territorio;

●        l’uso di fonti amministrative centrali (permessi di soggiorno, Anagrafe Tributaria e altri archivi amministrativi) per realizzare Liste Integrative da Fonti Ausiliarie centrali (LIFA) da fornire agli Uffici Comunali di Censimento, al fine di facilitare il recupero della eventuale sottocopertura anagrafica (individui abitualmente dimoranti nel territorio comunale ma non iscritti in anagrafe).

●        il processo di acquisizione dati e di gestione della rilevazione.

■      Le principali innovazioni si sono avute:

●        Nel processo, con l'uso di sistemi web e GIS di controllo delle operazioni sul campo

●        Nell'impiego di strumenti nuovi, come  l'archivio dei numeri civici e l'impiego di liste anagrafiche comunali

●        Nell’organizzazione, attraverso una forte specializzazione dei compiti assegnati alla rete territoriale

●        Gli strumenti messi in campo

■      Strumenti di geo-localizzazione di dati statistici e amministrativi:

●        Le basi territoriali (BT)

●        La rilevazione sui numeri civici nei grandi comuni (RNC)

●        Archivio nazionale degli stradari e dei numeri civici (ANSC)

●        Liste anagrafiche comunali (LAC)

●        Liste integrative ausiliarie (LIFA)

●        Campionamento di famiglie in Comuni grandi

  • BT: integrazione di fonti cartografiche

16:00
16:50

Gli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili: Il finanziamento in leasing per la PA[w.53b.2]

L’intervento sarà dedicato al quadro normativo nel quale si colloca l’utilizzo dei contratti di leasing che prevedono come utilizzatore la Pubblica Amministrazione ed agli elementi che devono caratterizzare il bando ed il contratto di leasing stesso per un utilizzo ottimale dello strumento. Verranno inoltre illustrati alcuni casi concreti di finanziamenti in leasing nel settore delle energie rinnovabili, in particolare nel fotovoltaico.

16:30
17:30

Sicurezza e tutela della privacy nel Cloud[w.28b]

Quando si parla di tecnologie basate sul Cloud Computing, le preoccupazioni più allarmanti gravitano intorno ad aspetti come la sicurezza e la privacy. Chi sceglie questo servizio vuole essere certo che i dati e le informazioni archiviate nella nuvola siano al sicuro, garantiti con i migliori strumenti di protezione. Spesso si creano dei fraintendimenti su quali siano le reali possibilità offerte dalla Cloud in termini di sicurezza e di privacy.

In questo master Scube NewMedia descriverà i sistemi e le tecnologie che rendono la Cloud un luogo sicuro. Verranno affrontati sia gli aspetti critici che la parte relativa alle funzioni evolute di compliance e governance.
Allo stato dell’arte, sono moltissime le funzionalità che permettono ad aziende ed enti pubblici di gestire e controllare gli accessi in maniera automatica, rendendo la collaborazione e la condivisione delle risorse una procedura sicura e analizzabile. L’evoluzione e lo sviluppo delle soluzioni Cloud garantisce un’affidabilità migliore delle precedenti tecnologie basate su differenti paradigmi. Inoltre i provider considerano la sicurezza la loro principale priorità e questo consente l’aggiornamento continuo e un’attenzione meticolosa nei confronti di ogni genere di minaccia.

16:30
17:20

I Servizi Integrati Poste Italiane nell’ambito della fiscalità locale.[w.07b]

Le recenti evoluzioni normative in materia di riscossione fiscale e tributaria hanno introdotto alcune novità in merito alla possibilità, per ogni comune, di gestire la riscossione sia volontaria che coattiva delle proprie entrate.

In tale ambito il Gruppo Poste Italiane può supportare i comuni nei processi di riscossione volontaria e coattiva mettendo a disposizione una gamma di servizi per gestire sia i tributi che le violazioni al codice della strada.

Un’offerta integrata,‘end to end’, fornita in modalità cloud che:

•          garantisce “accessi” sicuri attraverso sofisticati sistemi di sicurezza

•          rispetta le  nuove disposizioni normative

•          permette un elevato grado di personalizzazioni e parametrizzazioni dei dati utili alle attività di riscossione

•          integra varie fasi di servizio, dalle attività ordinarie a quelle coattive, eseguite direttamente da Poste Italiane

Grazie alla disponibilità di piattaforme tecnologiche evolute e di centri specializzati, il Gruppo Poste Italiane è in grado di offrire servizi dedicati ponendosi come facilitatore dei rapporti tra Cittadino e Pubblica Amministrazione.

Tra i servizi integrati, attualmente il Servizio Integrato Notifiche consente di esternalizzare e automatizzare le attività legate al processo di notifica con un'offerta modulare che può essere personalizzata in base alle specifiche esigenze del cliente.

Vantaggi dei servizi integrati:

  • gestione completa di tutte le forme di corrispondenza (cartacee, ibride ed elettroniche) che favorisce il superamento del digital divide
  • interlocutore unico per la gestione di tutte le attività determinando una conseguente riduzione dei costi interni di gestione;
  • integrazione tra servizio di notifica/comunicazione e sistema di gestione dei pagamenti; 
  • riduzione dei rischi grazie ad una  gestione del servizio in sicurezza tramite log-in personalizzato.

17:00
18:00

L’ottica della fibra[lab.175]

Aziende Sanitarie, Comuni, Aziende di servizi pubblici utilizzano in maniera sempre più pervasiva e articolata le reti geografiche per fornire servizi, scambiare informazioni. Le collaborazioni sono possibili e danno risultati molto interessanti: reti di proprietà delle istituzioni, abbattimenti di costi, estensione in tutto il territorio di servizi. Da un’esperienza dell’Ulss 4 dell’Alto Vicentino uno spunto per creare una rete della comunità.

17:00
18:00

La carta dei Servizi dell’Accoglienza[lab.147]

La “Carta dei Servizi dell’Accoglienza” è uno strumento di programmazione territoriale integrato come che guarda contestualmente alla valorizzazione del territorio siciliano quale meta turistica ed al miglioramento del sistema informativo diretto ai turisti. All’evento viene presentata l’iniziativa, nata dal protocollo sottoscritto tra la Presidenza della Regione Siciliana e l’Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo.

17:00
17:30

La flessibilità nel mercato del lavoro attraverso l’indagine ISFOL PLUS[lab.63]

L'Isfol realizza da diversi anni l'indagine PLUS (Participation Labour Unemployment Survey), una rilevazione nazionale, parte della statistica ufficiale, relativa all’offerta di lavoro che coinvolge circa 40 mila individui e che è rappresentativa della popolazione 18 e 64 anni.

In questa sede si è scelto di focalizzare l'attenzione sulle tipologie contrattuali atipiche che a partire dalla fine degli anni '90 hanno fatto ingresso nel mondo del lavoro. Utilizzando un approccio interdisciplinare, economico e giuridico, è evidenziato quali sono stati gli effetti che l'introduzione di questi strumenti ha avuto sul mercato del lavoro.  

17:00
18:00

Semplificazione e trasparenza amministrativa: il Portale dei Tributi[w.66]

Il portale dei Tributi Regionali si configura come un sistema per l’erogazione di servizi oltre che di informazioni, attraverso il quale l’utente può colloquiare con l’Ente per la risoluzione delle problematiche che dovessero presentarsi.

E’ in linea con le direttive per la semplificazione amministrativa e consente l’eliminazione di passaggi burocratici evitando inutili e dispendiose file agli sportelli. Contribuisce così a trasformare la percezione dell’Ente da soggetto vessatorio a soggetto collaborativo per la  risoluzione degli adempimenti obbligatori. Il Sistema si compone di sezioni pubbliche, disponibili a chiunque, e pagine riservate a cui si accede previa registrazione. Le pagine pubbliche forniscono informazioni di dettaglio sui tributi regionali, mentre le pagine riservate consentono la visura dei propri dati, così come conosciuti dall’Ente, utili ad instaurare un colloquio on-line con esso per l’eventuale correzione di dati al fine di evitare inutili contenziosi in fase di accertamento delle violazioni riscontrate.

Tutto ciò consente di avvicinare il contribuente all’amministrazione che si trasforma da soggetto vessatorio/controllore a elemento ‘pacificatore’ dei rapporti cittadino-PA.

17:30
18:00

Rapporto tra accreditamento e raccomandazione europea per la qualità della formazione[lab.64]

L’accreditamento delle strutture formative è un’attività istituzionale in virtù della quale ogni Regione (e Provincia autonoma) definisce le regole e i parametri di servizio e di risultato che devono essere conseguiti e mantenuti dalle organizzazioni che concorrono all’erogazione dei servizi formativi utilizzando i fondi pubblici. L’accreditamento nasce nel 2001 come strumento a presidio della qualità delle azioni formative, sia preventivo, attraverso l’accertamento del possesso di alcuni standard minimi, sia nel corso dell’erogazione degli stessi servizi, valutando il conseguimento dei risultati attesi.

Nel 2008 le Regioni e Province autonome, i Ministeri del Lavoro e delle Politiche Sociali, della Pubblica Istruzione e dell’Università e Ricerca, in sede di conferenza unificata, hanno approvato il secondo modello di accreditamento, caratterizzato dall’attenzione al mantenimento degli standard di processo e ai risultati, in termini di efficacia ed efficienza.

L’obiettivo di innalzare la qualità del sistema formativo italiano risulta pienamente coerente alle sollecitazioni comunitarie. È in particolare la Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 giugno 2009 sull’istituzione di un quadro europeo di riferimento per la garanzia della qualità dell’istruzione e della formazione professionale -EQARF- a costituire un peculiare riferimento culturale per i vari Paesi membri. Il workshop ha l’obiettivo di leggere il modello di accreditamento alla luce degli indicatori contemplati nella Raccomandazione EQARF.

17:30
18:00

Semplificazione e trasparenza amministrativa: il Sistema Regionale di Gestione e Monitoraggio degli investimenti pubblici[w.72]

Il progetto per la realizzazione del Sistema Informativo Unitario Regionale per la Gestione e il Monitoraggio degli Investimenti Pubblici (SIURP) si inserisce nell’ambito di un insieme di interventi programmati in Regione Calabria volti al miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza dei sistemi di gestione e controllo degli investimenti pubblici per il periodo di programmazione 2007-2013.

Il SIURP è lo strumento destinato a cogliere diversi obiettivi, tra i quali si segnalano:

  • consentire la visione di dati integrata per la politica regionale unitaria, contribuendo così a migliorare il sistema di programmazione e gestione dei fondi strutturali e degli investimenti regionali;
  • controllare gli investimenti pubblici rispetto a quanto programmato assicurando trasparenza ed evidenza delle attività realizzate e incrementando l'efficacia dell'azione amministrativa attraverso la disponibilità diffusa dei dati sugli investimenti da parte di tutti gli attori coinvolti;
  • individuare eventuali criticità derivanti dall’attuazione delle operazioni finanziate;
  • garantire l’uso corretto e trasparente delle risorse dell’Amministrazione, attraverso meccanismi evoluti di controllo;
  • comunicare in maniera costante e trasparente le azioni intraprese dall’Amministrazione, attraverso il sito Web pubblico.

venerdì, 18 maggio mattina

10:00
13:00

Sicurezza informatica e continuità operativa: è l'ora dell'implementazione[G.03]

Gli articoli 50 e 51 del Codice dell'Amministrazione Digitale definiscono gli obblighi di tutte le amministrazioni in merito alla integrità dei dati e dei sistemi e alla continuità operativa.

Questo convegno farà il punto  sullo stato dell'arte, sugli adempimenti di legge, sui principali problemi e opportunità sul tappeto riguardo alla business continuity, al disaster recovery, alla sicurezza ed integrità dei dati e dei sistemi. 

10:00
13:00

Una nuova stagione nel contrasto alla corruzione[C.09]

 Adozione di piani anticorruzione, premi e anonimato per chi denuncia reati contro la pubblica amministrazione, sistema di rotazione per i funzionari che lavorano nei settori più a rischio, nuove incompatibilità. Sono queste alcune delle proposte elaborate dalla Commissione per lo studio e l’elaborazione di proposte in tema di trasparenza e prevenzione della corruzione nella pubblica amministrazione. Il convegno metterà in luce il punto di vista della  Commissione che è stata istituita dal ministro per la Pubblica amministrazione, Filippo Patroni Griffi e lo confronterà con il parere di importanti figure che operano in situazioni "a rischio" come i Comuni del Sud e la sanità.

10:00
18:00

Seconda giornata nazionale sul g-cloud[G.01]

Nel corso dell’ ultimo anno è emerso con chiarezza il ruolo del Cloud Computing come abilitatore essenziale dell’ Open Government.

Storicamente infatti i sistemi informativi degli Enti Pubblici, Centrali e Locali, hanno mirato ad automatizzare funzioni tipiche dell’ attività interna ai singoli Enti e ad erogare solo servizi che dipendono dai dati in loro possesso
La maggior parte delle Amministrazioni e degli Enti tendono a gestire ancor oggi il proprio S.I. senza adeguato coordinamento con quello delle altre Amministrazioni. Il Sistema Informativo pubblico si è inoltre sviluppato secondo una logica centralistica, basata su flussi dalla periferia al centro.
E’ quindi ancora da sviluppare una visione sistemica della Pubblica Amministrazione, delle relazioni funzionali tra gli Enti, dei relativi flussi informativi che vi sono scambiati.

Nell’ ambito di questo ridisegno complessivo della Pubblica Amministrazione in direzione dell’ Open Governement il Cloud Computing può fornire strumenti essenziali per consentire di superare la tradizionale frammentazione dei sistemi informativi delle varie Amministrazioni e contribuire a un sostanziale miglioramento dell’efficienza della Pubblica Amministrazione e dell’ intero Sistema Paese.

10:00
10:45

Reti infrastrutturali e qualità dello sviluppo: la Public-Private-Partnership[I.05]

Il Vice Ministro responsabile per le Infrastrutture e Trasporti, intervistato dal Presidente del FORUM PA Carlo Mochi Sismondi, ci parlerà della necessaria alleanza tra pubblico e privato per dotare il paese di quelle infrastrutture necessarie per lo sviluppo e la crescita.

10:00
13:00

Partnership anticrisi. Le soluzioni dalla politica del farmaco per realizzare la sanità del futuro[C.15]

Qual è lo stato dell’arte delle politiche farmaceutiche attuate dalle Regioni italiane? Quali sono le principali criticità incontrate e quali possono essere i fattori di successoi? Ci sono possibilità concrete di partnership pubblico privato e con quali finalità?

A queste ed altre domande tenterà di dare una risposta la giornata di lavori promossa da FORUM PA in collaborazione con Lilly. Il dibattito prenderà le mosse dai risultati di uno studio comparativo coordinato dal professor Federico Spandonaro, docente di economia sanitaria del CEIS. Dalla ricerca, condotta in 9 Regioni, realizzando 45 interviste, emerge la diversità di opinioni sulla efficacia degli strumenti di governo della farmaceutica, che sembra più legata alla adesione alle scelte operate dalle singole Regioni nell’ambito della loro autonomia federalista, che non sulla base di considerazioni di evidence delle politiche; la scarsa fiducia negli strumenti di governo economico (ad esempio le compartecipazioni) e una grande attenzione all’appropriatezza, declinata però diversamente a seconda dei contesti; la grande preoccupazione per il governo dell’innovazione, ma anche una scarsa fiducia negli strumenti di valutazione oggettivi, quali l’HTA;  la consapevolezza che il settore farmaceutico, seppure con qualche carenza sul lato della spesa ospedaliera, è quello soggetto a più accurato e attento monitoraggio e controllo.

Si confronteranno sui risultati dello studio comparativo Assessori alla Sanità, Direttori Generali, Responsabili regionali delle politiche del farmaco, Segretari Regionali SIFO, Direttori Generali di Aziende ospedaliere e di Aziende sanitarie, Responsabili dei Servizi farmaceutici.

10:00
13:00

Nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale: a che punto siamo? Cosa è cambiato?[C.18]

Il CAD ha rappresentato a suo tempo il tentativo di dotare l'Italia di strumenti giuridici all'avanguardia, rendendo obbligatorio l'uso delle nuove tecnologie negli Uffici Pubblici, riconoscendo a cittadini e imprese alcuni importantissimi diritti (l’uso della posta elettronica nelle comunicazioni con la PA) e introducendo alcuni principi assai innovativi (disponibiltài di tutti i dati pubblici in modalità digitale). Tuttavia, Amministrazioni (soprattutto locali)  e cittadini (probabilmente perché inconsapevoli) non hanno saputo cogliere le incredibili opportunità in termini di aumento di efficienza e migliore allocazione delle risorse.

La riforma del CAD di circa un anno fa aveva l'obiettivo di assicurare che, questa volta, le disposizioni in materia di PA digitale fossero effettive e che venissero assicurati i vantaggi alle Amministrazioni, ai cittadini, alle imprese: in termini di efficacia dell'azione amministrativa; di riduzione dei costi determinata dall'uso delle tecnologie;di semplificazione delle relazioni con gli Uffici; di riduzione dei tempi dei procedimenti;

L’appuntamento, promosso dal DDI della Presidenza del Consiglio e realizzato in collaborazione con FORMEZ PA, mira, attraverso testimonianze di Amministrazioni centrali e locali, contributi di espert e la voce delle Impresei, a un'analisi dei provvedimenti degli ultimi 12 mesi (regole tecniche) e degli ostacoli e delle opportunità incontrate nell'attuazione della riforma.

10:00
18:00

L’innovazione digitale per la sostenibilità del SSN[G.05]

Anche in sanità puntare sull’innovazione, è un passo necessario e non più rinviabile. L’unico che forse può consentire di conciliare qualità del servizio e controllo della spesa. Importante è capire il come.

La giornata dei lavori mira a questo obiettivo partendo dall’esposizione dei diversi modelli di attuazione della sanità digitale adottati dalle diverse Regioni, con riferimento puntuale a cosa è stato fatto fino ad oggi, i risultati ottenuti finora, le punte di eccellenze che qualificano l’azione della regione e come si intende proseguire.

La seconda parte della giornata mette a confronto i vari stakeholder sulle strategie per mettere a sistema le molteplici esperienze riportate dai territori, superando una diffusione della sanità digitale a macchia di leopardo, che rischia di produrre modelli di assistenza diversi, con diverse possibilità di accesso ai servizi e di qualità delle cure per i cittadini, già fortemente penalizzati da una logica di tagli lineari finora adottata.

10:00
13:00

Una risorsa dal Web attraverso la Citizen Experience Management[O.07]

Oggi sempre di più i cittadini hanno l'aspettativa di poter interagire con gli enti pubblici vivendo un'esperienza più simile possibile a quella sperimentata con l'acquisto on line di un libro, la prenotazione di un viaggio o la scelta di una nuova polizza auto.  Nell'interazione con le amministrazioni, infatti, diventa sempre più determinante la dimensione Social che consente al cittadino non solo di confrontarsi con altri utenti ma anche di essere protagonista, di supportare chi ha necessità simili, di presentare nuove idee e trovare consenso intorno ad esse al fine di migliorare i prodotti o i servizi di interesse comune.

Questa nuova dimensione Social rappresenta un'opportunità senza precedenti ed è, da parte delle Amministrazioni, imprescindibile soddisfare quest'esigenza per avvicinarsi sempre più ai cittadini. Gli enti pubblici, d'altra parte, sono sempre più consapevoli che l'offerta di servizi on line rappresenta un'occasione per l'ottimizzione degli stessi e dei relativi processi e, al contempo può agevolare una riduzione dei costi, fondamentale in un periodo di Spending Review.

L'evento rappresenta un'occasione per fare il punto sulle novitè delle soluzioni Oracle per la Citizen Web Experience Management, grazie anche all'evoluzione della proposizione Enterprise 2.0, denominata oggi WebCenter. L'incontro ha inoltre l'obiettivo di mostrare come, attraverso questi strumenti, si possano creare e gestire esperienze online altamente interattive e coinvolgenti per quei cittadini che interloquiscono sul web o via mobile con gli enti della Pubblica Amministrazione.

10:00
11:45

Smart Cities: Mobile Applications e soluzioni per una gestione piu’ efficiente dei servizi pubblici.[O.05]

Le amministrazioni pubbliche sono chiamate a realizzare una sempre maggiore efficienza e produttivita’ dei servizi pubblici e delle proprie attivita’.
Sono di grande attualita’ soluzioni orientate alla gestione interna della Pubblica Amministrazione quali la timbratura da remoto, il recupero di report da personale in mobilita’, la geolocalizzazione dei mezzi in movimento e la gestione a distanza degli impianti di illuminazione pubblici.

10:00
13:00

Giustizia riforme @tecnologie[C.29]

La giornata del convegno, costituisce per il Ministero della Giustizia- Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria del personale e dei servizi- l’occasione di presentare alcuni dei progetti di importanza strategica per l’Amministrazione, quali Processo Civile telematico, SIAMM e i progetti europei. Si prevede anche la presentazione del progetto “Portale trascrizioni verbali dibattimentali”, per il quale il Dipartimento ha indetto una gara e che costituisce un obiettivo importante per il futuro dell’Amministrazione.

Detti progetti hanno in comune l’innovazione della giustizia attraverso le tecnologie.

I servizi telematici di proprietà dell'Amministrazione della giustizia mirano ad automatizzare, nell'ambito del processo civile e secondo precise regole tecnico operative, i flussi informativi e documentali tra soggetti esterni (avvocati e ausiliari del giudice) e Uffici giudiziari, nonché all’interno degli Uffici (magistrati e cancellerie), consentendo sia la consultazione da remoto di atti giudiziari, sia il loro deposito, sia i pagamenti. Il punto di partenza è costituito dall’automazione dei registri di Cancelleria che costituiscono il fondamento architetturale nel sistema. Essi, dopo essere stati oggetto di una reingegnerizzazione in tecnologia web-based, attualmente sono funzionanti in tutti gli Uffici giudiziari civili italiani.

Tali sistemi riguardano la cognizione ordinaria, il rito del lavoro e la volontaria giurisdizione (SICID), nonché le esecuzioni ed i fallimenti (SIECIC).

I servizi telematici di proprietà dell'Amministrazione si dividono in sistemi di:

• Consultazione (POLISWEB) diffusi in tutto il Paese;

• Deposito (PCT) attivi in circa n. 50 uffici giudiziari per riti ed atti diversi;

• Comunicazione (ex art. 51 Legge 133/2008 e nuovo testo art. 136 c.p.c.) diffusi complessivamente in circa 140 sedi giudiziarie);

• Pagamento elettronico (c.d. Pagamenti Telematici), in corso di avvio secondo le regole del

Processo Civile Telematico.

Il sistema Liquidazione Spese di Giustizia on-line è un sistema web che consente di inviare la richiesta dei compensi relativi alle indennità spettanti agli ausiliari del Giudice (consulenti tecnici, i testimoni o i gestori di servizi telefonici/noleggio apparati), direttamente all’Ufficio giudiziario presso il quale si celebra il processo. Le liquidazioni di pagamento deliberate dal Magistrato sono liquidate dall’Ufficio del Funzionario delegato alla spesa.

L’utente/beneficiario, per inviare le richieste di liquidazione, accede a mezzo del sito WWW.GIUSTIZIA.IT, ai servizi on-line/liquidazioni spese di giustizia, si registra e, al termine, accede al sistema e potrà utilizzare le seguenti funzionalità:

- inserimento e gestione dei propri dati anagrafici e fiscali

- inserimento di un’istanza di liquidazione digitale

- monitoraggio dello stato delle istanze (cartacee e digitali) già presentate agli Uffici giudiziari

- visualizzazione e stampa della certificazione dei redditi corrisposti nell’anno di riferimento

Il servizio visualizzazione e stampa delle certificazioni dei redditi corrisposti nell’anno è costituito da un processo, che su richiesta on-line del Beneficiario, consente di produrre in formato PDF tutti i provvedimenti a suo favore, pagati nell’anno fiscale di riferimento, al netto delle ritenute operate, nonchè il relativo CUD.

Il Ministero della Giustizia italiano è partner nel progetto europeo denominato “e-CODEX”, un progetto a larga scala (LSP), co-finanziato dalla Commissione Europea e inquadrato nel programma CIP-ICP, che mira a realizzare un sistema di interoperabilità tra i diversi sistemi presso gli Stati Membri dell’Unione Europea. L’obiettivo specifico è quello di consentire la gestione in formato elettronico di alcuni procedimenti transfrontalieri.

Il Ministero della Giustizia è responsabile del Work Package 7 del progetto, che riguarda le scelte architetturali.

Tutte le informazioni sul progetto sono disponibili sul sito www.e-codex.eu.

Seguirà la presentazione del progetto “Portale trascrizioni verbali dibattimentali”, in corso di gara.

10:00
18:00

6° FORUM NAZIONALE "Patrimoni immobiliari urbani territoriali pubblici"[C.22]

PATRIMONI PA net - il laboratorio fondato da FORUM PA e TEROTEC - promuove il  "6°
Forum Nazionale sui Patrimoni Immobiliari Urbani Territoriali Pubblici",
che si terrà nell'ambito di "Forum PA 2012", intendendo fornire un duplice contributo:
- esplorare gli attuali scenari di sviluppo dei processi di gestione e valorizzazione dei patrimoni immobiliari, urbani e territoriali pubblici, analizzandone e interpretandone i problemi "aperti" e le dinamiche tendenziali;
- individuare e porre in risalto le esperienze, le proposte ed i progetti più innovativi promossi e sviluppati in partnership tra Enti Pubblici (Amministrazioni Pubbliche centrali e locali ed Enti di Interesse Pubblico) ed operatori privati (imprese di servizi integrati di Property, Facility & Energy Management, di Global Service, di costruzioni, di finanza e gestione immobiliare, ecc.), segnalandoli come "practice" tra gli operatori pubblici e
privati e favorendo così la diffusione di una nuova cultura/prassi manageriale settoriale.  

In questa direzione, sono posti al centro del Forum i processi, i modelli, gli strumenti e i servizi innovativi per il management dei beni immobiliari, urbani e territoriali pubblici presentati direttamente attraverso le esperienze sul campo da parte di Enti Pubblici.
Esperienze, queste, selezionate e valutate da un'apposita Commissione di esperti come "Practice" innovative settoriali e, in quanto tali, presentate in questa sede e candidate come "nomination" all'assegnazione della 6° edizione del "Premio Best Practice Patrimoni".
Le "Best Practice" vincitrici verranno rese note e  premiate nell'ambito del Forum in funzione delle rispettive valenze in termini di innovazione tecnica-organizzativa-procedurale, sostenibilità energetico-ambientale, impatto sui cittadini e potenziale trasferibilità, rispetto a due specifici ambiti di applicazione: la gestione e la valorizzazione di patrimoni immobiliari urbani territoriali.

Il Forum - attraverso la sessione pomeridiana - fornirà inoltre l'occasione per la  presentazione del "Libro Bianco PATRIMONI PA net" che illustrerà i primi importanti risultati del lavoro svolto dai "Tavoli Committenze - Imprese", la cui rete di partecipanti annovera i  principali operatori del mercato dei servizi per i patrimoni pubblici (associazioni della PA, PA centrali e locali, associazioni di imprese, imprese, centri di studi e formazione). L'attività dei Tavoli è incentrata su un focus di interesse strategico per gli operatori, attorno a cui si addensano le criticità e i nodi del mercato: le gare di appalto. Rispetto a questo focus i Tavoli stanno svolgendo - a partire dalla fine del 2011 - un'intensa attività di individuazione ed analisi dei principali nodi problematici e di elaborazione di proposte e soluzioni concrete e condivise per affrontare/attenuare/superare tali criticità.
In questo quadro, il "Libro Bianco PATRIMONI PA net" presenterà in anteprima lo stato dell'attività dei "Tavoli Committenze - Imprese", anticipandone le linee di indirizzo e i contenuti degli output finali (pubblicati successivamente in appositi "Dossier" monografici) e costituendo così un importante corredo preliminare di analisi e di proposte da mettere
fin d'ora a disposizione delle istituzioni competenti.

Nella stessa sessione pomeridiana del Forum, infine, la  tavola rotonda "Efficienza & gestione energetica  dei patrimoni pubblici: verso quali servizi, con quali risorse, in quale mercato?" contribuirà a delineare le attuali e future dinamiche della filiera di mercato dei servizi integrati per l'Energy Management dei patrimoni pubblici, nella prospettiva di un corretto rapporto di partnership pubblico-privato che veda PA e imprese sinergicamente impegnate nel perseguimento di un obiettivo strategico comune: un sempre più evoluto sviluppo del mercato settoriale per un sempre più incisivo contributo al processo di razionalizzazione/riduzione della spesa energetica nazionale.

10:00
10:45

La condivisione dei dati su Amazon Web Services[K.39]

L’obiettivo del Key Note è rendere chiaro come la nuvola (cloud) di Amazon Web Services possa fornire l’infrastruttura informatica scalabile e gli strumenti di analisi necessari  per far sì che tutti possano entrare nel mondo dei Big Data.

10:00
13:00

Agenda Digitale italiana - E-government e Open Data[C.05]

Le iniziative legate all'e-government e  agli open data rappresentano una grande opportunità per le amministrazioni centrali e locali per sostenere e valorizzare la domanda di trasparenza, di partecipazione e di collaborazione espresse dai cittadini e dalle imprese.

Il Governo ha previsto uno specifico tavolo di lavoro nell'ambito della Cabina di regia su questi temi con i seguenti obiettivi che il convegno intende approfondire:

Regolazione.  Implementazione del CAD e delle altre norme di e-Gov: Implementazione delle regole tecniche, Diffusione del suo utilizzo attraverso la piena applicazione da parte di tutte le PA centrali e locali (PEC, Open Data, linee guida), Diffusione degli strumenti di e-Gov presso le imprese e i professionisti anche attraverso il consolidamento delle strutture materiali che già si sono affermate nel Paese (medici)

Sistema di infrastrutture. Sistemi di comunicazione, Pagamenti elettronici a favore della PA, Identità online, PEC, Firma digitale, Servizi in mobilità

Reti Paese. Key-project, Sistema formativo (scuola e università), Giustizia, Sanità

Definizione di un piano di comunicazione

10:00
17:30

Fondi diretti UE ed Europrogettazione[O.13]

Le differenti tipologie di finanziamento di progetti europei: Fondi Strutturali e Fondi Diretti: Il sito www.finanziamentidiretti.eu si propone quale strumento di orientamento nelle diverse opportunità di finanziamento di progetti offerte dai Programmi europei”. Per presentare un progetto a valere sui Fondi Diretti della UE è necessario avere la conoscenza delle tecniche di ruroprogettazione; il seminario presenta gli elementi fondamentali per una corretta impostazione del progetto.
 

10:00
11:00

NetApp per i Citrix Virtual Desktop[lab.32c]

NetApp è presente al Forum PA per presentare le proprie soluzioni per il mercato delle Pubbliche Amministrazioni centrali e locali. In questo momento di mercato in cui i budget sono sempre più ridotti, poter contare su un fornitore di sistemi di archiviazione dei dati attento all’innovazione e all’efficienza, consente di ottenere di più utilizzando meno risorse.
In particolare, durante i workshop verranno presentati tutti gli aspetti legati ai benefici di un approccio cloud e all’evoluzione della virtualizzazione per i desktop.
La virtualizzazione dei desktop sta diventando sempre più una soluzione apprezzata dagli IT manager, in quanto capace di garantire una maggiore sicurezza e flessibilità, unite ad una riduzione dei costi. Le soluzioni NetApp, in virtù della loro efficiency, riescono a far ridurre i costi per i propri clienti, creando valore che in ambito di pubblica amministrazione, può andare direttamente a favore del cittadino.
NetApp è tra i leader mondiali nelle soluzioni di storage unificato che permettono a organizzazioni in tutto il mondo di gestire e proteggere una delle loro risorse più preziose: i dati. NetApp offre soluzioni innovative grazie anche a partnership strategiche con leader di mercato come, tra gli altri, Citrix, Cisco, VMware, Micsosoft, Fujitsu. NetApp ha realizzato un fatturato superiore ai 5 mld $ nel FY 2012, con oltre 150 sedi nel mondo e 11.000 dipendenti.

10:00
12:00

Il “tacco” digitale: Edotto, il nuovo sistema informativo sanitario della Regione Puglia[lab.49]

La pianificazione e le iniziative di Sanità Elettronica rappresentano per la Puglia la svolta digitale per l’intero Servizio Sanitario che, in un momento di particolare riorganizzazione e razionalizzazione, può essere lo strumento fondamentale per rilanciare e migliorare il governo del SSR, per innovare processi amministrativi, tecnici e sanitari, per agevolare l’accesso alle prestazioni sanitarie ed amministrative da parte dei cittadini, per migliorare l’assistenza, per potenziale la conoscenza del Sistema Sanitario, dei fenomeni, delle patologie, dell’offerta e della organizzazione sanitaria, dei costi e delle procedure amministrative. In questo contesto si inquadrano i progetti di Sanità Elettronica regionali tra cui il Portale Regionale della Salute, il Sistema Informativo Sanitario Territoriale-Fascicolo Sanitario Elettronica, il Sistema dell’Emergenza Urgenza Sanitaria (118), la Telecardiologia, i Sistemi Informativi a supporto delle attività di screening, delle strutture deputate alla prevenzione ed assistenza.

Tra le iniziative di maggior rilievo, si intende presentare gli elementi salienti del progetto Edotto, il Nuovo Sistema Informativo Sanitario Regionale che dal mese di Giugno 2012 sarà operativo in tutta la Regione Puglia e che implementerà soluzioni e servizi digitali innovativi per la Sanità pugliese e che rappresenta uno dei progetti di riferimento nel panorama nazionale di settore.

La Regione Puglia, l’Assessorato alle Politiche della Salute, il Tavolo per la Sanità Elettronica di Puglia, la società in house InnovaPuglia S.p.a. ed le imprese pugliesi Svimservice del gruppo Exprivia, Consis S.C. a.r.l. oltre alla società Alamaviva Italia presentano, quindi, gli aspetti salienti e peculiari del progetto Edotto nell’ambito del più ampio progetto di Sanità Elettronica e di Innovazione Digitale della Sanità pugliese.

10:00
11:00

La Green Economy: una sfida e un’opportunità per l’occupazione e l’impresa femminile[lab.105]

Il tema della green economy risulta di forte attualità e strategicità, a livello nazionale ed europeo, e rappresenta una reale e concreta possibilità per uscire dalla crisi economica che ha colpito i mercati mondiali negli ultimi anni, fermare la dissipazione delle risorse e creare nuova occupazione e imprenditoria, specialmente femminile. Nell’ambito delle attività del Progetto di Assistenza Tecnica del Dipartimento per le Pari Opportunità per la promozione delle iniziative di sviluppo locale e sostegno all’imprenditoria femminile, è stato condotto un approfondimento dedicato alla promozione della presenza femminile nell’ambito della green economy mediante la verifica della sensibilità e l’eventuale strategia ipotizzata a livello delle Regioni Convergenza per assicurare la crescita dell’economia verde con lo sviluppo occupazionale equilibrato tra i generi. Tale scelta si pone in linea con gli indirizzi e gli interventi realizzati in ambito europeo volti ad incrementare la quota di occupazione femminile nei settori della green economy,  contribuendo a ridurre il gap occupazionale e rimuovere gli stereotipi di genere nell’ambito lavorativo. L’idea di sviluppo sostenibile europeo si incrocia con l’esigenza di creare nuove opportunità lavorative al femminile in ambiti innovativi. La Strategia UE2020 prevede che l’uscita dalla crisi economica debba segnare il passaggio ad una nuova economia sociale di mercato sostenibile, un’economia più intelligente e verde, che produca prosperità facendo leva sull’innovazione e un uso migliore delle risorse.
Il Dipartimento ritiene quindi che il contributo femminile in tale settore sia una forte leva in grado di innovare il modo in cui le organizzazioni vengono condotte, secondo le nuove esigenze dell’economia.



 

10:00
11:00

Il modello organizzativo dell’Azienda Sanitaria Unica delle Marche[lab.89]

L'Azienda Sanitaria Unica Regionale delle Marche è un’idea abbastanza recente e in evoluzione. Istituita con Legge Regionale n. 13 del 20 giugno 2003 -modificata con Legge regionale Marche n. 17 dell'1 agosto 2011-, nasce dalla necessità di mantenere i conti sanitari della Regione sotto controllo, eliminare le parcellizzazioni esistenti prima sul territorio, garantire assistenza di qualità. L’ASUR Marche, con un’unica personalità giuridica, scaturisce dalla fusione per incorporazione di 13 ex Aziende Sanitarie che, nel 2003, assumono la denominazione di Zone Territoriali. La Legge regionale 17/2011 assegna all’ASUR una fisionomia più omogenea, attraverso l’eliminazione delle Zone Territoriali e l’istituzione delle seguenti 5 Aree Vaste: n. 1: Fano -Sede Amministrativa-, Pesaro, Urbino; n. 2: Fabriano -Sede Amministrativa-, Ancona, Jesi, Senigallia; n. 3: Macerata -Sede Amministrativa-, Camerino, Civitanova Marche; n. 4: Fermo -Sede Amministrativa-; n. 5: Ascoli Piceno -Sede Amministrativa-, San Benedetto del Tronto.
L’Azienda “esercita a livello centralizzato le funzioni d’indirizzo, coordinamento e controllo dell'attività aziendale e delle Aree Vaste, nel rispetto degli obiettivi assegnati e delle direttive impartite dalla Giunta Regionale”. Le sue Aree Vaste sono “entità di riferimento -con autonomia gestionale e operativa nel rispettivo ambito- per l'ottimizzazione dei servizi, la programmazione delle attività su territori confinanti, la gestione integrata dei servizi sanitari e socio-sanitari”.
E’ l’ennesima sfida della Sanità nelle Marche; che si trova nell’alta classifica fra le Regioni più virtuose. Sfida da condurre con il supporto di tutti: istituzioni, associazioni, cittadini. Per vincerla è necessario evitare chiusure localistiche e preconcetti, affinché possano nascere obiettivi condivisi e azioni omogenee; nell’interesse primario della collettività e con il sostegno prezioso degli operatori.

10:00
13:00

Presentazione Manuali Operativi sul Partenariato Pubblico Privato e sul Facility Management[lab.168]

Il Partenariato Pubblico Privato (PPP) è una “forma di cooperazione tra le autorità pubbliche ed il mondo delle imprese private finalizzata al finanziamento, alla costruzione o il rinnovamento, alla gestione, alla manutenzione di un'opera pubblica o alla fornitura di un servizio pubblico”. La cooperazione tra il soggetto pubblico e il privato avviene attraverso un sistema contrattuale per la gestione di un servizio o per la realizzazione di un’opera pubblica, che definisce operazioni e compiti affidati. Vista la forte domanda degli enti locali, a cui fa riscontro un incremento del mercato di riferimento, la Camera di Commercio di Roma, tramite la propria Azienda Speciale Asset Camera, sta realizzando e promuovendo dei manuali operativi tematici sul Partenariato Pubblico Privato. Il primo manuale è dedicato al tema degli asili nido, il secondo manuale è dedicato agli Impianti Fotovoltaici.

Il Facility Management (FM) è il coordinamento di tutte le attività che non rientrano nel core-business di un’azienda, ma sono necessarie per il funzionamento dell’organizzazione. Fare FM significa organizzare una gestione integrata dei servizi di supporto, pianificare gli interventi di manutenzione e utilizzare sistemi informativi avanzati. Sulla scia di quanto avvenuto nel mondo delle imprese private, anche la Pubblica Amministrazione ha iniziato ad esternalizzare i servizi di supporto per una gestione integrata. Il primo manuale operativo sul Facility Management, realizzato e promosso dalla Camera di Commercio di Roma, tramite la propria Azienda Speciale Asset Camera, individua i vantaggi derivanti dalle esternalizzazioni e costituisce una guida operativa per la P.A. e per il sistema imprenditoriale.

10:00
12:00

Digitcafè. Il Codice dell'Amministrazione digitale negli Enti locali[lab.204]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
10:45

Piattaforme per i cataloghi degli open data[lab.159]

Il seminario è organizzato come un confronto sull'utilizzo dei CMS open source per la realizzazione dei cataloghi dei dati aperti e della loro integrazione con il sistema CKAN. Nel corso del seminario verranno approfondite le principali esperienze sviluppate dalle maggiori piattaforme nazionali. Ai partecipanti verrà distribuita una copia del vademecum Linee Guida Siti Web - Open Data.
 

10:00
12:00

Digitcafè. E-leges, regole e normativa[lab.205]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
11:00

Proiezione documentario “NO GAME” e presentazione attività di sminamento umanitario in Afghanistan[lab.84]

NO GAME è un cortometraggio di finzione di 15 minuti, prodotto da DGCS e girato interamente nella provincia di Kabul nel Giugno 2011. Il film è destinato principalmente ai bambini dell'Afghanistan, in particolare a coloro che appartengono alla categoria degli IDPs (sfollati) che tornando ai loro villaggi, talvolta dopo anni, li esplorano con la naturale curiosità dei bambini, esponendosi così al rischio mine / ordigni inesplosi / ordigni improvvisati abbandonati, con conseguenze tragiche e tragicamente frequenti. Data la natura multiculturale e multilingue dell'Afghanistan, il film è privo di dialoghi per poter comunicare una storia sia emotiva che didattica attraverso immagini, musica e suoni. Grazie alla collaborazione tra le componenti afghane, italiane ed internazionali del progetto, si è riusciti nell'intento di  realizzare un film internazionale di finzione girato interamente su location in Afghanistan, nella provincia di Kabul: il primo del suo genere da oltre sette anni a questa parte. 
Il film, che è rights -free e no-profit, è stato proiettato su tutte le televisioni nazionali Afghane, a partire dal broadcast partner principale ShamShad Television, cui hanno fatto seguito Tolo Television, RTF e Aryana. Il progetto vuole essere un monito non violento ai bambini afghani che si trovano loro malgrado in zone pericolose, ed un incoraggiamento alla comunicazione fra gli sfollati e gli abitanti dei villaggi dove gli sfollati fanno ritorno. La sua felice lavorazione sia a Roma che a Kabul in un anno di guerriglia e tensione rappresenta inoltre un esempio di cooperazione professionale fattiva e normalizzante fra l'Italia e l'Afghanistan nel campo della comunicazione educativa audiovisiva.

10:00
11:15

Una nuova missione per i Fondi Pensione?[lab.65]

La mission dei Fondi Pensioni di previdenza complementare può essere ampliata e migliorata di nuove attività: l’integrazione sanitaria, l’assistenza nella terza età, il welfare integrato
Incrementando le attività dei Fondi pensione verso funzioni integrative di quelle pubbliche, non solo si sviluppano le adesioni, ma i lavoratori vengono aiutati, durante e dopo la permanenza nel fondo, con nuovi strumenti a sostegno della loro esistenza.
Per favorire la nascita di tali attività  lo strumento principale è  la contrattazione collettiva, compresa quella decentrata, basata sul welfare integrato del lavoratore.
I fondi pensione potrebbero essere riferimento per

  • sostenere i lavoratori in difficoltà a seguito di perdita del posto di lavoro, in stato di disoccupazione, o per difficoltà legate al reddito dovuto a periodi di malattia e/o infortunio senza o parzialmente retribuito;
  • per sviluppare una protezione aggiuntiva di integrazione sanitaria attraverso polizze che coprano alcuni rischi  e specifiche malattie professionali della categoria di riferimento del Fondo e alcune forme di tutela per i cosiddetti grandi interventi.
  • per sostenere forme di copertura assicurativa e di tutela degli aderenti che a seguito della perdita dell’autosufficienza per infortunio, malattia o vecchiaia si trovano nello stato di disabilità. E’ evidente che su questo versante bisogna intervenire ipotizzando anche forme di copertura assicurativa tali da coprire  le necessità di intervento assistenziale socio-sanitario. I fondi pensione potrebbero mettere a disposizione degli iscritti strumenti assicurativi competitivi.
     

10:00
12:00

Digitcafè. Il sistema pubblico di connettività e cooperazione[lab.192c]

Dal 16 al 18 maggio, in occasione del ForumPA, presso la saletta Digitcafè, esperti di DigitPA sono a vostra disposizione per approfondire alcuni temi fondamentali dell’amministrazione digitale: il documento informatico, i pagamenti elettronici, i dati territoriali, SPC, il disaster recovery, la gestione associata dei servizi ICT da parte dei Comuni, i siti web istituzionali, solo per dirne alcuni.

In una modalità nuova,  pensata per mettere al centro le vostre ” domande” prima delle nostre “risposte”, lo spazio Digitcafè è un luogo di confronto scambio e approfondimento competente aperto a tutti, con un ricco menù giornaliero di incontri tematici  che si succederanno nel corso della manifestazione.

10:00
11:00

Progetto “Efficacia ed Efficienza nella Pubblica Amministrazione” in linea con la Riforma Brunetta (d.lsg. 150/2009)[lab.96]

Il percorso formativo ha per oggetto la gestione delle risorse umane e dei conflitti all'interno degli uffici della P.A., certi del fatto che un sereno ambiente lavorativo è funzionale all'efficienza ed efficacia dell' ufficio pubblico e alla qualità di vita degli impiegati.

Il corso è strutturato in una parte teorica e una pratica, ha una durata complessiva di 84 ore ed è destinato a impiegati e/o dirigenti che intendano migliorare il proprio approccio relazionale con i colleghi e con gli utenti.

10:00
10:50

Reverse Factoring.[w.06c]

Reverse Factoring PA è un prodotto di Sace Fct collocato da Poste Italiane – BancoPosta altamente innovativo.

Il nuovo servizio è stato pensato con l’intento di facilitare la Pubblica Amministrazione nei pagamenti dei propri debiti di fornitura.

10:00
10:50

Come garantire governance e compliance alle informazioni scegliendo adeguate soluzioni di archiviazione[w.41]

L’archiviazione dei dati aziendali sta subendo una profonda trasformazione dovuta a fattori esterni quali compliance alle normative e regolamenti vigenti, corporate governance, auditing.
Nel nuovo approccio, l’archivio non è solo un posto dove storicizzare i vecchi dati, ma l’informazione deve essere facilmente accessibile, protetta, sempre disponibile ed archiviata su un supporto a basso costo.

 

10:00
11:00

Leggere la congiuntura e il ciclo economico[w.10c]

Il corso intende fornire un primo quadro di conoscenze utili per leggere gli indicatori congiunturali, offrendo alcuni strumenti di base per gli utilizzatori non esperti di dati economici. In particolare, si vuole integrare le diverse informazioni all’interno di uno schema interpretativo che, seppure molto semplificato, permetta una prima lettura dell’evoluzione delle maggiori variabili economiche.

10:00
11:00

Nuovi stili di lavoro nella PA: il percorso verso Windows 8 (efficienza e sicurezza grazie alle soluzioni di Mobility)[w.13c]

I nuovi scenari di innovazione che si prospettano per le pubbliche amministrazioni richiedono sempre più nuovi stili di lavoro, dove ad esempio l'ufficio non è necessariamente identificabile con un luogo o una postazione di lavoro specifica. Nuove tecnologie, nuovi dispositivi hardware e le potenzialità offerte dal Cloud computing permettono di:

-         Accedere sempre e ovunque a dati e informazioni

-         Integrare qualunque dispositivo (Desktop, Smartphone, Slate, Tablet) sfruttando al meglio gli strumenti di collaborazione e comunicazioni unificate disponibili

-         Gestire un'infrastruttura intelligente che garantisca allo staff IT una maggiore sicurezza e compliance con l'utilizzo anche di soluzioni Cloud.

Inoltre al termine dell’incontro scopri in anteprima una dimostrazione Live del nuovo sistema operativo Windows 8.

10:00
10:50

Ambientiamo[w.64]

AMBIENTIAMO IN SINTESI

Ambientiamo risponde alla necessità di realizzare un percorso formativo a distanza capace di coniugare la duplice esigenza di creare una cultura condivisa attorno alle tematiche ambientali e di diffondere consapevolezza relativamente agli impatti diretti e indiretti generati dalle azioni quotidiane.
Ambientiamo è un percorso crossmediale a tappe che affronta di volta in volta un tema specifico e che si rivolge a tutti i dipendenti di un’azienda.

AMBIENTIAMO OBIETTIVI

Obiettivi:

  • far percepire ai dipendenti la responsabilità allargata che l’azienda ha nei confronti dello stakeholder Ambiente
  • potenziare la cultura ambientale dei dipendenti e accrescere la consapevolezza degli effetti sull’ambiente dei comportamenti quotidiani
  • costituire la base di conoscenza comune dalla quale partire per implementare ulteriori progetti sull’ambiente
  • favorire la creazione di una community aziendale che tratti i temi ambientali

AMBIENTIAMO RISULTATI ATTESI

La forza di Ambientiamo risiede nella sua natura crossmediale. L’utilizzo sinergico e complementare dei diversi media a disposizione in azienda consente di mantenere vivo l’interesse nei confronti di un tema trasversale non immediatamente legato alla realtà lavorativa quotidiana e di coinvolgere in modi diversi i dipendenti. L’utilizzo di diversi canali quali: intranet aziendale, e-mail, video, podcast, permette di diffondere la conoscenza sul tema ambientale in tutta l’azienda favorendo la diffusione di buone prassi anche nella sfera privata e non solo in quella lavorativa.

 

10:30
13:00

Il progetto ELISTAT per il benchmarking delle “performance” nelle Province italiane[O.14]

In occasione di Forum PA, le Province italiane presentano i risultati del Progetto Elistat, finanziato nell’ambito del Programma Elisa, in un incontro in cui saranno illustrati gli strumenti e le metodologie condivise per assicurare la trasparenza delle performance sui siti web delle Province.

10:30
13:00

Oracle: La Pubblica Amministrazione, la Sanità e le sfide di Sicurezza e Continuità Operativa[lab.33]

L'incontro ha l’obiettivo di presentare la tecnologia Oracle di Sicurezza e Business Continuity a supporto delle sempre più stringenti normative in ambito riservatezza ed integrità dei dati, privacy, conformità e continuità operativa. E’ l’occasione per scoprire come ottimizzare gli investimenti esistenti e far evolvere l’infrastruttura verso un IT più efficente ed in grado di erogare servizi innovativi, promuovendo l’interoperabilità tra sistemi informativi pubblici e garantendo sicurezza ed integrità.

10:30
12:30

L'uso di piattaforme di commercio elettronico nei rapporti tra cittadino, PA e imprese può favorire il miglioramento della erogazione dei servizi e la razionalizzazione dei modelli di fornitura - la proposta IBM[w.11]

L’uso degli strumenti tipici del digital marketing e del digital commerce nei rapporti tra cittadino, PA e impresa possono consentire una più efficace interazione cittadino-amministrazione, razionalizzare gli strumenti e i modelli di service delivery e, nel contempo, diffondere l’utilizzo del commercio elettronico da parte delle PMI italiane, in linea con gli obiettivi dell’agenda digitale.

11:00
11:45

Policy-making 2.0: come l'innovazione aiuta a migliorare le politiche pubbliche[K.35]

Si parla molto di co-produzione dei servizi pubblici, ma meno di come il modello 2.0 si può' applicare al ciclo delle politiche pubbliche. Durante questo key note, verranno presentati casi di eccellenza a livello mondiale di applicazione delle tecnologie per migliorare la qualità' delle politiche pubbliche, nelle fasi di disegno, implementazione e valutazione attraverso l'intelligenza collettiva, quali ad esempio: il brainstorming collaborativo, le proposte commentabili, il dialogo di massa attraverso l'opinion mining, la visualizzazione degli open data, la modellazione d'impatto, la raccolta di feedback e valutazione partecipata.
 
Come gia' sperimentato in occasione di ForumPA 2009 si possono sottoporre domande prima del key note QUI.

11:00
12:00

Come la virtualizzazione e il Cloud Client Computing abilitano un accesso alla rete sicuro e conveniente per il settore pubblico[lab.86c]

L’odierno interesse per il Client Cloud e per l’Infrastruttura Desktop Virtuale (VDI) è centrato sulla migrazione delle attività di calcolo e di storage dal client verso i server. I fattori alla base di questo interesse nel settore pubblico sono la necessità di ottenere una maggiore sicurezza e il blocco delle workstation, un ridotto impatto ambientale e un minore costo totale di proprietà (TCO).

11:00
12:00

McAfee presenta la rivoluzione nella gestione delle informazioni e degli eventi legati alla sicurezza (SIEM)[lab.28]

In passato le soluzioni SIEM (Security Information and Event Management) sono state molto promettenti ma concretamente non hanno rispettato le promesse. La soluzione McAfee Enterprise Security Manager (ESM) è una nuova generazione di questa tecnologia, ed offre alcuni punti di differenziazione tecnica interessanti che le hanno permesso di diventare la prima soluzione SIEM nel Quadrante Magico di Gartner del 2011.

Una soluzione basata sui contenuti
Mentre altri prodotti SIEM si limitano a rivedere i log degli eventi, la nostra soluzione si addentra all'interno di database e applicazioni per individuare quali informazioni sono state consultate, smarrite o trasmesse. I clienti potranno visualizzare cosa consultano gli utenti e come utilizzano i dati.  

Una soluzione basata sul contesto
La soluzione McAfee ESM viene alimentata da diversi strumenti come i gestori delle vulnerabilità e esegue correlazioni per identificare quali utenti e risorse presentano il rischio maggiore. Per esempio, possiamo identificare un indirizzo IP pericoloso che sta cercando di accedere a un sistema interno e rintracciarlo per delinare un quadro completo di dove sta andando e cosa sta facendo. 

Analitiche complete in tempo reale
Se sono necessari 30 minuti per analizzare un evento potrebbe essere troppo tardi per prevenire un attacco. La soluzione McAfee ESM acquisisce, analizza e fornisce report sugli eventi in tempo reale, dando ai clienti il tempo necessario per reagire e implementare le regole di sicurezza su endpoint e nodi.  

Un'implementazione semplice e veloce
Le precedenti repliche delle soluzioni SIEM erano state criticate perché troppo complesse da scalare, gestire e per ricavarne report adeguati. La soluzione McAfee è progettata per una semplice e rapida distribuzione con funzionalità immediatamente attive e report sulla conformità.