Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 10:00 a 13:00

Lo stato dell'arte della Operazione Trasparenza [ C.32 ]

La trasparenza delle pubbliche amministrazioni, rappresenta oggi uno degli elementi  chiave per favorire la partecipazione dei cittadini, l’accountability e la responsabilizzazione del management pubblico. In questo contesto, i siti web delle PA, costituiscono lo strumento fondamentale attraverso cui veicolare i dati e le informazioni che, per legge, devono essere pubblicati e che riguardano l’organizzazione, i servizi digitali e le politiche  delle stesse PA. In questo mare di contenuti e di informazioni obbligatorie, oltre a  emanare direttive, linee guida e  delibere,  occorre accompagnare e orientare le pubbliche amministrazioni con strumenti semplici ed immediati, in modo da garantire la corretta applicazione delle norme e l’ effettiva trasparenza on-line.

Oltre a ciò è necessario innescare meccanismi che accrescano la partecipazione del cittadino, attore principale nel processo di miglioramento delle PA. Il convegno traccia, attraverso la necessaria convergenza e l’adeguato bilanciamento tra l’esigenza di trasparenza e i fondamentali vincoli della privacy, il percorso verso una amministrazione sempre piu’ aperta ai cittadini.

Nel corso del convegno verrà presentata la “Bussola della Trasparenza”, uno strumento operativo on-line realizzato dal Dipartimento della Funzione Pubblica che consente di   monitorare la trasparenza e la rispondenza  ai contenuti minimi delle linee guida sui siti web delle PA. Tale strumento è indirizzato sia alle pubbliche amministrazioni, che possono verificare la conformità del proprio sito alle linee guida o confrontarsi le altre PA, sia ai cittadini, agli studiosi e ai giornalisti che possono effettuare verifiche, elaborare analisi statistiche e consultare i siti delle PA, contribuendo attivamente al continuo accrescimento della trasparenza.

Programma dei lavori

Chairperson

Intervengono

D'Amico
La bussola della trasparenza: Il cittadino conosce e partecipa, le PA si orientano, si confrontano e migliorano
Davide D'Amico Esperto ICT, Dirigente MIUR - Autore e responsabile del progetto "Bussola della trasparenza dei siti web" Biografia Vedi atti

Dottore di ricerca, entra nel 2001 alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, come vincitore di concorso pubblico, e viene assegnato al Dipartimento della Funzione pubblica. Si occupa da subito di temi legati all'ICT ed in particolare a quelli di e-government. Coordinatore tecnico di numerosi progetti ICT, é stato, per tre anni consecutivi, professore a contratto, presso l'Universitaà di Roma Tor Vergata, del corso di architetture dei calcolatori e del corso di progettazione e gestione siti web. Dal 2008 affianca il direttore generale nell'"Operazione Trasparenza" ed é l'autore della Bussola della trasparenza dei siti web delle PA (www.magellanopa.it/bussola). E' anche responsabile tecnico del progetto PERLA PA (www.perlapa.gov.it) per l'integrazione di tutti gli adempimenti di responsabilità del Dipartimento della Funzione Pubblica.

Chiudi

Atti di questo intervento

01_c32_damico_davide.mp3

Chiudi

Filippi
Intervento
Claudio Filippi Capo Dipartimento libertà pubbliche e sanità - Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali Vedi atti

Atti di questo intervento

02_c32_filippi_claudio.mp3

Chiudi

De Rose
La trasparenza quale strumento strategico di reingegnerizzazione del sistema relazionale ed istituzionale dell’Ente Locale

La relazione è articolata su quattro fondamentali assets logici:

- La trasparenza quale strumento di management pubblico e di cittadinanza attiva
- La trasparenza quale premessa per l’adozione di strategie di reingegnerizzazione del sistema relazionale ed istituzionale dell’Ente Locale;
- La trasparenza quale metodologia per l’implementazione di modelli di “citizen relationship management”
- La trasparenza nel suo ruolo di bridge “cognitivo” verso la stagione degli open data

Geppino De Rose Assessore Smart City e Social Innovation, Innovazione E Universita', Agenda Digitale, Formazione Della Coscienza Civica, Scuola e Cultura, Citta' A Misura Di Bambino, Cittadinanza Attiva - Comune di Cosenza Vedi atti

Atti di questo intervento

03_c32_derose_geppino.mp3

Chiudi

Scano
Trasparenza e contenuti «minimi»
Roberto Scano Staff Ufficio di Gabinetto del Ministro dell'Istruzione, Universita' e Ricerca Biografia Vedi atti

Roberto Scano si occupa di informatica dallo scorso millennio. Coordinatore EMEA dell’associazione internazionale dei professionisti del Web (IWA/HWG) e presidente della sezione italiana (IWA ITALY). Partecipa ad attività di sviluppo di specifiche tecniche all’interno del consorzio W3C, in particolare per l’inclusione digitale (co-autore delle WCAG 2.0 e delle ATAG 2.0). Si occupa dello sviluppo di norme tecniche in materia di accessibilità ed ergonomia sia per organizzazioni internazionali (CEN/ISO, TEITAC - Governo Statunitense, Commissione Europea) che per realtà nazionali (UNI/UNINFO, Governo Italiano). Sempre in ambito di norme tecniche, ha avviato le attività di IWA/HWG in materia di riconoscimento delle professionalità ICT all’interno del CEN, per la tematica degli skill profiles come previsto dall’agenda digitale europea. Saltuariamente svolge attività di consulente tecnico d’ufficio (CTU) per il tribunale civile di Venezia.

Ha partecipato alla stesura delle linee guida ABI (Associazione Banche Italiane) per l’accessibilità dei servizi di home banking e del mobile banking, ai gruppi The European Design for All e-Accessibility Network (EDeAN) e della Commissione Europea in materia di e-inclusion, nonché al gruppo di lavoro CNIPA che ha sviluppato le regole tecniche di applicazione della legge 04/2004. In materia di accessibilità ha pubblicato quattro opere considerate i pilastri per la formazione (scolastica e non) in materia  di accessibilità del Web. Una di tale opere, rilasciata successivamente con licenza creative commons (CC) è diventata il manuale di riferimento per la verifica dei siti Web delle PA. Consulente in materia di accessibilità per la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie, ha ideato il sistema di e-partecipation per le segnalazioni di mancata accessibilità dei siti Web delle PA (accessibile.gov.it) ed ha partecipato alle attività di aggiornamento dei requisiti tecnici della legge 4/2004 in qualità di coordinatore di un sottogruppo di lavoro. Ha svolto attività di consulenza per realtà governative quali CNIPA, Formez PA, Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione. Co-autore di manuale applicativo dedicato alle linee guida per i siti Web pubblici,  svolge attività di formazione in materia di accessibilità e comunicazione istituzionale per pubbliche amministrazioni ed aziende a qualsiasi livello. Partecipa come staff dell’ufficio di gabinetto del MIUR in materia di e-inclusion alle attività della “Cabina di Regia” del Governo Italiano.

Per ulteriori informazioni http://robertoscano.info/about.

Chiudi

Midena
Ruolo e attività della CiVIT
Elisabetta Midena Coordinatore della Sezione per l’integrità nelle amministrazioni pubbliche - Civit Vedi atti
Draoli
Operazione Trasparenza Il nuovo Italia.gov.it per lo sviluppo del Portale della Trasparenza
Mauro Draoli Ufficio Tecnologie Innovative - DigitPA Biografia Vedi atti

Romano, ingegnere elettronico, sposato con tre figli. Dal 2006 è responsabile del Laboratorio di sperimentazione di tecnologie e applicazioni IT di DigitPA (ex CNIPA). Coordina i programmi di ricerca e di innovazione, in partnership con altre Amministrazioni, le Università e i Centri di Ricerca.

Dal 2003 al 2006 è stato in assistenza al Collegio del CNIPA, e ha partecipato allo sviluppo di alcuni progetti strategici per la pubblica amministrazione: dematerializzazione della documentazione amministrativa, accessibilità delle tecnologie ICT ai disabili,'interattività nella televisione digitale terrestre. Ha partecipato ai lavori delle competenti Commissioni interministeriali sulla dematerializzazione, l'accessibilità e lo sviluppo della televisione digitale terrestre.

Dal 1999 al 2003 è tecnologo del Consiglio Nazionale delle Ricerche, tra il 2001 e il 2003 è stato membro, presso il CERN di Ginevra, del Technical Board per lo sviluppo dell'infrastruttura di supercalcolo dell'acceleratore nucleare Large Hadron Collider.

Dal 1994 al 1999 ha svolto attività di ricerca nel settore del multimedia, della video comunicazione e delle reti a larga banda, collaborando con il Laboratorio di Reti Multimediali dell'Istituto di Analisi dei Sistemi ed Informatica del CNR.

Tra il 1995 e il 1998 è nell'industria, consulente nel settore media, telecomunicazioni e informatica, lavorando per primari operatori di settore (RAI, Telecom).

Nel 2005 è nominato tra gli esperti della Commissione Italiana per la Valutazione della Ricerca (CIVR) e partecipa alla campagna di valutazione del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca (MIUR). E' membro dell'Associazione Internazionale Sistemi Informativi (AIS), per la quale coordina il focus gruop italiano sull'egovernment, dell'Internet Society (ISOC) e dell'AICA (Associazione Italiana Calcolo Automatico).

Collaboratore del centro di ricerca per i sistemi informativi e docente presso le Facoltà di Economia dell'Università LUISS e dell'Università Cattolica del Sacro Cuore in Roma. E' docente di "organizzazione di sistemi informativi" presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Università di Tor Vergata. Dal 1996 al 2001 è stato docente di Sistemi Operativi presso facoltà di Ingegneria dell'Università La Sapienza.

Da sempre sostiene e realizza programmi di stage e di formazione per giovani laureati, promuovendone le attività di ricerca e l'inserimento nel mondo del lavoro.

E' autore di numerose pubblicazioni in riviste e conferenze internazionali e nazionali, in cui ha trattato temi legati alla gestione di reti di comunicazione e dei sistemi informatici complessi, ai processi di dematerializzazione, ai modelli nell'economia dell'innovazione.

Chiudi

Conclusioni

Torna alla home